keystone-sda.ch / STF (MAST IRHAM)
La Commissione europea ha annunciato la nuova strategia per combattere le varianti del coronavirus.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
34 min
«La pandemia poteva essere evitata»
Lo si legge in un rapporto che analizza la risposta iniziale al contagio.
STATI UNITI
1 ora
Inseguito e ucciso per odio, si dichiarano «non colpevoli»
Gli imputati per l'omicidio di Ahmaud Arbery sostengono di non aver commesso alcun reato
ISRAELE
1 ora
43 morti a Gaza negli ultimi due giorni
Hamas ha rivendicato l'uccisione dell'occupante di un veicolo in territorio d'Israele
STATI UNITI
2 ore
Elon Musk: la sregolata vita di un genio eccentrico
Dal dottorato lampo alle gaffe, ai mille progetti, ritratto di un imprenditore tanto ammirato quanto criticato.
PERÙ
4 ore
Siringhe vuote e vaccinazioni falsate, aperta l'inchiesta
Sono due i casi finora confermati in Perù. E il Presidente non esclude un possibile atto criminale.
MONDO
4 ore
Vaccino Covid: record mondiale per Nauru
Il 108% degli adulti residenti ha ricevuto la prima dose del preparato. L'isola è inoltre da sempre Covid-free.
ISRAELE
5 ore
«Stiamo andando verso una guerra su vasta scala»
Continuano gli scontri tra Israele e il movimento palestinese Hamas. Fuoco su Gaza, Tel Aviv e Beersheba.
STATI UNITI
7 ore
Strage di Atlanta, l'accusa vuole la pena di morte
La procuratrice distrettuale, Fani Willis, intende perseguire Robert Aaron Long anche per crimini d'odio
CITTÀ DEL VATICANO
7 ore
«Qualcuno ha sparato al Papa». I retroscena quarant'anni dopo
Il 13 maggio 1981 il tiratore scelto Ali Agca colpiva con due proiettili il pontefice Giovanni Paolo II
FOTO
REGNO UNITO
13 ore
Arresti alla manifestazione contro il brevetto del vaccino AstraZeneca
L'azienda si difende: «Siamo orgogliosi che il nostro vaccino rappresenti il ​​98% di tutte le forniture a Covax»
ISRAELE
14 ore
Razzi su Tel Aviv, raid israeliani su Gaza
All'orizzonte nessuna tregua. Il generale Kochavi: «Prepararsi a un conflitto senza limiti di tempo»
UNIONE EUROPEA
17.02.2021 - 13:240

Test specifici per le varianti e vaccini più rapidi: la strategia di Bruxelles per battere il virus

È stata annunciata oggi la nascita dell'incubatore HERA.

È previsto anche l'avvio di una rete di sperimentazione clinica, che coinvolgerà anche la Svizzera.

BRUXELLES - Le varianti del coronavirus inquietano l'Europa, così la Commissione europea ha deciso che è il momento di agire.

Un incubatore anti-Covid - Il nuovo piano europeo di preparazione alla bio-difesa contro le varianti del Sars-CoV-2 è chiamato "HERA Incubator" e prevede la cooperazione tra ricercatori, aziende biotecnologiche, produttori e autorità pubbliche (nell'Ue e nel resto del mondo) per rilevare nuove varianti, fornire incentivi per sviluppare vaccini nuovi (e adattati al cambiamento delle esigenze), velocizzare il processo di approvazione di questi preparati e garantire il potenziamento delle capacità di produzione.

HERA fungerà anche da modello «per la preparazione a lungo termine dell'UE alle emergenze sanitarie», si legge nel comunicato stampa diffuso da Bruxelles.

I commenti - La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha dichiarato: «La nostra priorità è garantire che tutti gli europei abbiano accesso a vaccini Covid-19 sicuri ed efficaci il prima possibile. Allo stesso tempo, nuove varianti del virus stanno emergendo rapidamente e dobbiamo adattare la nostra risposta ancora più velocemente. Per stare al passo con i tempi, lanciamo oggi l'incubatore HERA. Riunisce scienza, industria e autorità pubbliche e raccoglie tutte le risorse disponibili per consentirci di rispondere a questa sfida». 

Stella Kyriakides, commissario per la salute e la sicurezza alimentare, ha aggiunto: «L'Europa è determinata a stare al passo con la minaccia di nuove varianti di coronavirus. L'incubatore HERA è un esercizio di lungimiranza, anticipazione e risposta unitaria. Possiamo affrontare la duplice sfida di affrontare nuove varianti e aumentare la nostra capacità di produzione di vaccini. Costruirà ponti tra la ricerca, l'industria e le autorità di regolamentazione per accelerare i processi, a partire dal rilevamento delle varianti fino all'approvazione e alla produzione dei vaccini».

Cosa prevede HERA - L'incubatore HERA prevede in sostanza tre azioni chiave: rilevare, analizzare e valutare le varianti del virus presenti in Europa; accelerare l'approvazione normativa dei vaccini adattati; aumentarne la produzione. Nella primissima fase ci si concentrerà sullo sviluppo di test specializzati per nuove varianti e sul sostegno al sequenziamento genomico negli Stati membri, con finanziamenti Ue di almeno 75 milioni di euro. Altri 150 milioni saranno investiti nel rafforzamento della ricerca e dello scambio di dati sulle varianti, anche con l'avvio della rete di sperimentazione clinica VACCELERATE COVID-19, che riunisce 16 Stati membri dell'UE e cinque paesi associati (tra cui Svizzera e Israele), «per scambiare dati e includere progressivamente anche bambini e giovani adulti come partecipanti alle sperimentazioni cliniche».

L'approvazione accelerata dei sieri, poi, richiede l'adattamento del quadro normativo ma anche la compilazione di una guida sui requisiti dei dati per gli sviluppatori da parte dell'Agenzia europea per i medicinali, «in modo che i requisiti per le varianti siano noti in anticipo». 

Un'Autorità che resterà anche dopo la fine della pandemia - Le azioni annunciate oggi, concludono da Bruxelles, andranno di pari passo con la cooperazione globale tramite l'Organizzazione mondiale della sanità e le iniziative globali sui vaccini. HERA è destinata a rimanere come Autorità europea per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie, così da avere anche in futuro una struttura permanente per la modellazione del rischio, la sorveglianza globale, i trasferimenti di tecnologia, la capacità di produzione, la mappatura del rischio della catena di approvvigionamento, la capacità di produzione flessibile e la ricerca e lo sviluppo di vaccini e farmaci.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-12 13:01:31 | 91.208.130.85