Keystone
BRASILE
13.07.2020 - 15:400

L'esercito «è complice del genocidio» del coronavirus

Durissima la dichiarazione di Gilmar Mendes contro le forze armate brasiliane

BRASILIA - Dura presa di posizione del giudice della Corte suprema brasiliana, Gilmar Mendes, contro le forze armate: secondo il togato l'esercito è «complice del genocidio» messo in pratica dalla politica adottata dal governo di Jair Bolsonaro per combattere la pandemia da coronavirus.

«Va detto chiaramente che l'esercito si sta associando a questo genocidio, non è ragionevole, è necessario porre fine a tutto ciò», ha detto Mendes, criticando la gestione del generale Eduardo Pazuello, ministro ad interim della Sanità.

«Ho assoluto rispetto per le Forze armate, ma non mi astengo dal criticare la loro scelta di occupare il ministero della Sanità. La politica sanitaria deve essere pensata da specialisti, è una situazione che va rivista per il bene delle Forze armate e della salute del Brasile», ha scritto il magistrato sui social.

Le parole di Mendes - uno dei più anziani e autorevoli tra gli undici giudici della Corte suprema, non nuovo a dichiarazioni particolarmente polemiche - sono state accolte con una certa irritazione dai vertici militari, secondo i media locali.

Senza citare l'alto magistrato, il ministro della Difesa, generale Fernando Azevedo e Silva, ha affermato in una nota che «le forze armate hanno agito direttamente nella lotta contro il coronavirus sin dall'inizio della pandemia per garantire il benessere di tutti i brasiliani».

Il ministero della Sanità brasiliano si trova da quasi due mesi senza un titolare ufficiale. I ministri precedenti, l'ortopedico Luiz Henrique Mandetta e l'oncologo Nelson Teich, si sono dimessi per divergenze di vedute con Bolsonaro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 20:36:51 | 91.208.130.89