Google Street View
A destra, il lato inglese, a sinistra, quello gallese
REGNO UNITO
15.05.2020 - 06:000

Strada divisa in due dalle diverse disposizioni anti coronavirus

Da un lato di Boundary Lane si può uscire, dall'altro no. Il primo, infatti, è in Inghilterra. Il secondo in Galles.

SALTNEY - Le differenze tra le restrizioni anti coronavirus introdotte nei diversi Paesi e territori possono talvolta risultare paradossali, soprattutto quando queste aree confinano. Quanto succede in questi giorni nella località britannica di Saltney, però, è del tutto peculiare.

Una via della cittadina, infatti, è divisa in due dal confine che separa l'Inghilterra dal Galles e, nelle due regioni, vigono al momento disposizioni diverse in merito all'epidemia di coronavirus. Mentre gli abitanti del lato inglese della strada possono finalmente uscire liberamente dalle loro abitazioni, i loro dirimpettai del lato gallese devono continuare a restare a casa.

«C'è stata confusione e la gente mi chiedeva, di persona e su Facebook, che cosa fosse consentito fare», confessa all'Evening Standard la consigliera della contea gallese del Flintshire Veronica Gay, che abita sul lato gallese di Boundary Lane. «Sul lato gallese si può uscire solo in zona (e per comprovate necessità, ndr), mentre dall'altra parte, in Inghilterra, si può prendere l'auto e andare nella regione dei laghi o fino a Brighton», aggiunge, evidenziando il paradosso del doppio standard.

La situazione non crea meno scompiglio sul lato inglese della via: «Sono andata a fare una passeggiata e mi è capitato di fare per attraversare e andare in Galles, ma poi sono tornata in Inghilterra... normalmente non ci avrei neanche pensato», confida Lina Astbury, una residente del lato "libero" della strada. Dopo un po' d'incertezza, la donna ha comunque deciso di continuare ad andare a fare i suoi acquisti come d'abitudine nella parte gallese di Saltney («sarebbe stupido non farlo»), ma ammette: in generale «preferisco stare sul lato inglese perché penso di avere più autonomia con le regole che ci sono qui».

Domenica, il premier britannico Boris Johnson ha revocato l'ordine di stare a casa, introducendo la nuova raccomandazione di "Stare allerta" ("Stay alert"). I governi locali del Galles, della Scozia e dell'Irlanda del Nord hanno però giudicato prematuro l'allentamento delle misure di contenimento e promulgato disposizioni speciali e più stringenti per i loro territori.   

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 22:46:58 | 91.208.130.85