keystone-sda.ch / STF (YOAN VALAT)
Emmanuel Macron (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
2 ore
«Un anno ancora di pandemia se non vacciniamo l'Africa»
L'allarme dell'Oms secondo cui le dose donate dai paesi più ricchi al protocollo Covax sono ancora troppo poche
STATI UNITI
2 ore
Trovati resti umani e oggetti appartenenti al fidanzato di Gabby Petito
Bisognerà attendere l'autopsia per stabilire se il corpo appartiene veramente a Brian Laundrie, scomparso da 37 giorni
STATI UNITI
3 ore
Donald Trump lancerà un suo social media, di nuovo
Si chiamerà "Truth" (verità). «L'ho creato per combattere la tirannia di Big Tech», ha spiegato l'ex presidente USA.
STATI UNITI
4 ore
Topi infetti, boom di casi di leptospirosi a New York
Una persona è deceduta. Nel 2021 le chiamate per segnalare le infestazioni sono aumentate del 20%
BRASILE
11 ore
Bolsonaro accusato di crimini contro l'umanità
Sono pesanti le accuse rivolte dalla Commissione parlamentare d'inchiesta al presidente brasiliano.
STATI UNITI
12 ore
I repubblicani bloccano (di nuovo) il Freedom to Vote Act
Il provvedimento, fortemente voluto dai democratici, è stato respinto dal Senato per un voto.
UNIONE EUROPEA
13 ore
A Navalny il premio Sakharov: «Putin lo liberi»
Il Parlamento europeo ha assegnato all'oppositore russo il riconoscimento per la libertà di pensiero.
AFGHANISTAN
13 ore
Giovane pallavolista decapitata dai Talebani
La giocatrice della nazionale giovanile afghana è stata assassinata a inizio ottobre. Si chiamava Mahjabin Hakimi.
STATI UNITI
14 ore
Ora Bannon rischia grosso
La sua testimonianza è ritenuta fondamentale per risalire ai veri responsabili dell'assalto a Capitol Hill.
FRANCIA
18.01.2020 - 08:310
Aggiornamento : 10:44

Macron a teatro: i manifestanti tentano il blitz

Il presidente francese e la moglie Brigitte hanno dovuto essere portati in un luogo sicuro. Fermato un giornalista

di Redazione
Ats

PARIGI - Una trentina di manifestanti ha tentato ieri sera di entrare al teatro della Bouffe du Nord, in cui Emmanuel Macron e la moglie Brigitte stavano assistendo a uno spettacolo.

Il tentativo è stato respinto dalla polizia. Macron e consorte sono stati messi in sicurezza, poi sono potuti rientrare nella sala per assistere alla fine della pièce teatrale. Lo riferisce la radio France Info.

Macron e Brigitte stavano assistendo al teatro alla rappresentazione de 'La Mouche'. Secondo quanto si è appreso, un uomo che si trovava anch'egli in sala ha postato sui social network una foto della coppia presidenziale in platea invitando i militanti ad intervenire fuori dal teatro: «Qualcosa si sta preparando, la serata sarà movimentata», ha scritto su Twitter. Si tratterebbe, secondo France Info, di Taha Bouhafs, un cosiddetto 'giornalista militante', che è successivamente stato fermato.

Per alcuni minuti, Macron e Brigitte sono stati messi in sicurezza, poi sono rientrati per assistere alla fine della rappresentazione. L'entourage di Macron ha fatto sapere successivamente che «il presidente continuerà a recarsi a teatro come è abituato a fare e vigilerà affinché azioni politiche non violino la libertà di espressione, la libertà degli artisti e la libertà di creazione».

Fermato un giornalista - Il giornalista «militante» Taha Bouhafs, che ieri sera ha segnalato la presenza di Emmanuel Macron a teatro, è stato intanto posto in stato di fermo per «partecipazione a un gruppo formato per commettere violenze e danneggiamenti». Lo ha appreso la radio France Info da fonti giudiziarie.

Bouhafs è stato fermato ieri sera verso la fine dello spettacolo. Prima dell'inizio aveva twittato: «Sono attualmente al Teatro Bouffes du Nord, metro La Chapelle. Tre file dietro il presidente della Repubblica. Dei militanti sono da qualche parte in zona e invito tutti a diffondere. Qualcosa si prepara... la serata rischia di essere movimentata». Bouhafs aveva poi chiesto alle sue decine di migliaia di follower se volessero che lanciasse le scarpe contro il presidente, come fece un giornalista iracheno contro il presidente americano Georges W. Bush nel 2008: «Scherzo... la sicurezza mi sta guardando in modo strano», aveva aggiunto.

Taha Bouhafs aveva fatto parlare di sé nel 2018, quando, il 1° maggio, filmò l'ex controverso consigliere dell'Eliseo, Alexandre Benalla, mentre commetteva violenze durante una manifestazione. È stato già fermato una volta mentre filmava una manifestazione nella banlieue di Parigi e il 22 febbraio è fissato il suo processo per offese e resistenza a pubblico ufficiale.

L'arresto di Taha Bouhafs, che filma i movimenti sociali per il sito di informazione 'Là-bas si j'y suis', ha provocato reazioni politiche: «Si arresta un giornalista per aver twittato sulla presenza del 'Disprezzatore' a teatro. Benvenuti a Macronlandia», ha twittato la deputata della France Insoumise (estrema sinistra), Danièle Obono.

«Quello che è avvenuto alle Bouffes du Nord è inaccettabile - ha commentato la portavoce de La Republique en Marche, Celia de Lavergne - inammissibile. Quando si cerca di prendersela con il presidente della Repubblica, si cerca di colpire l'istituzione. Non ci abituiamo a queste manifestazioni di violenza contro la democrazia».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 10:47:27 | 91.208.130.87