keystone-sda.ch/ (Jason DeCrow)
Boris Johnson non vede motivi per dimettersi neppure in caso di verdetto a lui sfavorevole da parte della Corte Suprema.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
4 min
Maltempo, un morto e due dispersi nell'Alessandrino
La persona deceduta era un tassista, che era partito da Genova per condurre un cliente nella zona di Serravalle
CANADA
1 ora
Trudeau resta in sella ma con un governo di minoranza
Secondo le proiezioni della tv pubblica canadese Cbc, il suo Cpc conquista 156 dei 338 seggi della House of Commons, sotto quindi la fatidica soglia dei 170 deputati necessari per governare da solo
STATI UNITI
2 ore
Quei mini-cervelli cresciuti in provetta che fanno discutere
Sono una delle ultime grandi scoperte della neurologia con un grande potenziale medico ma, per alcuni, il rischi di “andare al di là“ dell'etico c'è
REGNO UNITO
11 ore
Aborto e matrimonio gay in Irlanda del Nord
È l'effetto della paralisi del governo e del parlamento locali di Belfast che trasferisce ora temporaneamente la potestà legislativa al parlamento britannico
ZIMBABWE
13 ore
Morti 55 elefanti nel parco nazionale
I pachidermi avrebbero camminato per lunghe distanze morendo poco prima di raggiungere le vasche d'acqua
ISRAELE
13 ore
Netanyahu rinuncia a formare il governo
È la seconda volta in sei mesi che il leader del Likud fallisce, ora dovrebbe toccare a Benny Gantz
FOTO
ITALIA
13 ore
Lombardia, Liguria e Piemonte nella morsa del maltempo
Gran parte di Milano si è risvegliata allagata, tempesta di fulmini a Genova e Savona. Interrotta la linea ferroviaria tra Genova e Milano e di quella tra Genova e Torino
SLOVACCHIA
14 ore
Omicidio Kuciak, accusate quattro persone
Il giornalista e la sua fidanzata sono stati uccisi a colpi di pistola nella loro casa a Vel'ka Maca. L'omicidio aveva provocato una profonda crisi politica
REGNO UNITO
14 ore
Bercow dice no, Johnson «deluso»
Lo speaker della Camera dei Comuni, secondo un portavoce di Downing Street, «ha negato la chance di attuare oggi la volontà del popolo britannico»
EMIRATI ARABI UNITI
16 ore
Questa qui è la perla più antica che esista
Ha poco meno di 8'000 anni ed è stata scoperta per caso da degli archeologi che cercavano ben altro. Sarà messa in mostra al Louvre di Abu Dhabi
CINA
16 ore
«Pechino non potrà mai ammettere l'indipendenza di Taiwan»
Sono le (dure) parole del ministro della Difesa cinese Wei Fenghe che parla di «vicolo cieco» ma lascia anche spazio al dialogo
REGNO UNITO
17 ore
La corte per ora "grazia" Johnson
La Court of Session di Edimburgo non ravvisa al momento un oltraggio o una violazione di legge nella doppia lettera inviata da Boris Johnson a Bruxelles
GERMANIA
17 ore
L'economia tedesca potrebbe essere entrata in recessione
Lo dice la Bundesbank, secondo cui «il prodotto interno lordo potrebbe essersi ridotto nuovamente nel terzo trimestre del 2019» dopo il -0,1% del secondo trimestre
CANADA
17 ore
Più che elezioni, un referendum su Trudeau
Urne aperte per dodici ore in sei differenti fusi orari in Canada, dove si vota per il rinnovo dei 338 seggi della House of Commons
FOTO
CILE
17 ore
A Santiago i manifestanti hanno dato fuoco agli uffici dell'anagrafe
Dopo averli saccheggiati, i vigili del fuoco sul posto, le autorità parlano di danni importanti: «Distrutti molti documenti». Il bilancio complessivo è di 11 morti
REGNO UNITO
24.09.2019 - 10:440
Aggiornamento : 13:45

La sospensione del Parlamento è illegale

La Corte Suprema ha dato torto al primo ministro Boris Johnson che è stato successivamente attaccato da più parti. Domani si riparte

LONDRA - La Corte Suprema britannica ha stabilito che la sospensione del Parlamento voluta dal primo ministro Boris Johnson è «illegale, nulla e priva di effetti». Il duro verdetto è stato letto dalla presidente, Lady Brenda Hale.

È come se il Parlamento non fosse «mai stato prorogato», ha decretato la Corte, attribuendo ora agli speaker di Comuni e Lord il potere di riconvocare le Camere quanto prima e dichiarando 'l'advice' del premier alla regina immotivato e inaccettabile in termini di limitazione di sovranità e poteri di controllo parlamentari.

Lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, ha annunciato che il Parlamento britannico riprenderà i lavori domani. Si tratta di una "ripresa" dei lavori e non di una "riconvocazione", ha precisato.

Bercow ha inoltre aggiunto che non ci sarà il Question Time del mercoledì del premier (in questi giorni a New York all'Onu), ma vi sarà spazio per interrogazioni urgenti ai ministri.

La sterlina si rafforza - La Borsa di Londra ha invertito la rotta, così come la sterlina, in seguito alla clamorosa decisione. Il listino londinese è passata in negativo e perde lo 0,21%, unico nel Vecchio Continente in ribasso, mentre la sterlina ha cambiato direzione nel verso opposto e si rafforza sulle altre valute: viene scambiata a 1,133 sull'euro (+0,2%).

Johnson non si dimetterà - Boris Johnson, nelle scorse ore, non vedeva motivi per dimettersi neppure in caso di verdetto a lui sfavorevole. «Vediamo cosa i giudici decideranno, ma, come ho già detto, credo che le ragioni» addotte dal governo per sospendere i lavori della Camere per un periodo prolungato restino «davvero molto buone», ha risposto il premier Tory interpellato al riguardo nelle scorse ore dai giornalisti britannici a New York, a margine dell'assemblea dell'Onu.

Johnson non ha inoltre escluso la possibilità di riproporre la proprogation con un nuovo atto, in forma giuridica diversa, a seconda delle motivazioni della Corte. E ha insistito che il Parlamento avrà «un sacco di tempo per valutare il deal» sulla Brexit che egli «spera di poter raggiungere» entro il Consiglio Europeo del 17-18 ottobre anche tornando a riunirsi il 14.

Le reazioni:

Le opposizioni contro il primo ministro - Partono le richieste di dimissioni nei confronti di Boris Johnson. La prima a parlare di dimissioni come «la prima cosa decente» che Johnson dovrebbe fare è stata Joanna Cherry, deputata indipendentista scozzese dell'Snp, in prima fila in uno dei ricorsi presentati contro la sospensione. Secondo Cherry, il verdetto stabilisce che «nessuno, neppure un monarca, è al di sopra della legge». Voci in favore delle dimissioni arrivano anche dal Labour, mentre per la leader liberaldemocratica Jo Swinson, «Johnson non è adeguato a fare il primo ministro». Un verdetto «storico» che certifica «il disprezzo del Parlamento» di Johnson, ha commentato a margine del congresso del Labour a Brighton, il leader dell'opposizione parlamentare a Westminster, Jeremy Corbyn. Il Parlamento britannico - ha aggiunto Corbyn - va riconvocato subito e Boris Johnson deve «valutare la sua posizione» di primo ministro. Esulta anche Gina Miller, l'attivista pro Remain promotrice di un altro dei ricorsi, secondo cui la sentenza non è politica, ma fa valere la legge e ripristina «lo stato di diritto». Anche per lo speaker dei Comuni, John Bercow, «il Parlamento deve tornare a riunirsi il prima possibile». Bercow ha annunciato un rapido giro di consultazioni con i leader di tutti i partiti al fine di riprendere al più presto le attività parlamentari.

Anche Farage contro Johnson: «La sospensione? Che errore» - La scelta del governo Tory di Boris Johnson di cercare d'imporre una sospensione prolungata del Parlamento britannica è stata «la peggiore decisione politica» di tutti i tempi. Lo scrive su Twitter il leader del Brexit Party, Nigel Farage, secondo il quale la strategia avrebbe dovuto essere semplicemente quella di puntare a un divorzio «no deal» dall'Ue, magari attraverso il passaggio delle elezioni. Per Farage, il primo a doversi dimettere adesso dovrebbe essere Dominic Cummings, il sulfureo e divisivo guru elettorale divenuto capo stratega di Downing Street dopo l'avvento di Johnson. Ora «Dominic Cummings deve andarsene», scrive il numero uno del Brexit Party.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 08:47:48 | 91.208.130.89