RUSSIA
22.12.2016 - 13:270

Russia: uccisi 35'000 miliziani in 18'000 raid in Siria

Lo sostiene il ministro della Difesa russo, Serghiei Shoigu

MOSCA - Dall'inizio dell'operazione militare in Siria, le forze aeree russe hanno effettuato 18'000 raid con 71'000 colpi contro gli obiettivi dei «terroristi», uccidendo 35'000 miliziani, tra cui 204 comandanti, e distruggendo 1'500 mezzi bellici.

Lo sostiene il ministro della Difesa russo, Serghiei Shoigu. Inoltre, sempre secondo Shoigu, ad Aleppo gli sminatori russi hanno disinnescato 66.000 tonnellate di esplosivi.

«Essenzialmente - ha dichiarato il ministro - l'operazione condotta in Siria ha permesso di raggiungere una serie di obiettivi geopolitici: sono stati arrecati danni notevoli alle organizzazioni terroristiche internazionali in Siria, è stata fermata la loro diffusione nella regione, sono state colpite le fonti finanziarie delle formazioni dei banditi, ed è stato colpito il loro sistema di rifornimento, è stato prevenuto il crollo dello Stato siriano, è stata interrotta una serie di rivoluzioni colorate in Medio oriente e in Africa».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-09 14:25:53 | 91.208.130.87