Keystone
Nelson Mandela (1918-2013).
+ 1
ULTIME NOTIZIE Agenda
BELLINZONA
20 ore
Musiche per la Giornata della Memoria
Sul palco dello Spazio Aperto salirà questa sera alle 20 il Boz Trio (con ospiti)
AGNO
1 gior
Il weekend del Temus Club fra One Dance Party e gli Iron Maiden
Un fine settimana per chi vuole ballare e pure per chi ha voglia di rockeggiare quello del locale notturno malcantonese
AGENDONE
1 gior
C'è il Carnevale, sì, ma anche teatro e musica per tutti i gusti
È ricca l'offerta culturale e d'intrattenimento questo fine settimana
LOCARNO
1 gior
"A 2 passi" in scena domani sera
Lo spettacolo apre la stagione inverno-primavera del Teatro Paravento
LUGANO
1 gior
Torna La Quairmesse: forza, fatevi avanti
Aperte le iscrizioni per il doppio appuntamento della fine di maggio con la più sorprendente musica svizzera
LOCARNO
1 gior
Elias Bertini live al Mono Bar
Il cantautore si esibirà con la sua band sabato 25 gennaio
LUGANO
2 gior
"Un quadro Una musica" e Lina Bertola
Domenica 26 gennaio alle 11 si terrà il primo appuntamento stagionale con il ciclo d'incontri al LAC
LUGANO
2 gior
"La marionetta e il suo doppio" al Teatro Foce
Michel Poletti festeggia i 50 anni della sua compagnia luganese
CANTONE / GRIGIONI
2 gior
Arriva Carnevale: che la festa abbia inizio
Gli appuntamenti di questa settimana sono a Contone, Isone, Mesocco e San Vittore
SOLETTA
3 gior
Inaugurate le Giornate cinematografiche di Soletta
In apertura è stata proiettata la pellicola “Moskau Einfach!” del regista elvetico Micha Lewinski
LUGANO / BELLINZONA
3 gior
Avi Avital e Sua Maestà il mandolino
Prosegue, giovedì e venerdì, la mini rassegna OSI in Auditorio
LUGANO
3 gior
La magia delle fiabe e della danza ne "La bella addormentata"
Il Russian Classical Ballet sarà protagonista domenica al Palazzo dei Congressi
LUGANO
3 gior
Venerdì i Negrita a Lugano
La band celebrerà insieme ai fan i 20 anni di "Reset"
CANTONE
12.10.2018 - 06:010
Aggiornamento : 14.10.2018 - 14:41

Con Champeaux, dentro il processo a Mandela

In proiezione al Film Festival Diritti Umani Lugano, domenica 14 ottobre alle 20.30 al Cinema Corso, “The State Against Mandela and the Others”, di Nicolas Champeaux e Gilles Porte

LUGANO - Una pellicola - in prima svizzera, alla serata di chiusura della rassegna - che si focalizza sulle 256 ore di registrazioni audio - finora inaccessibili -, effettuate negli anni 1963 e 1964, durante il processo a Nelson Mandela e ai suoi compagni, esponenti dell’African National Congress (Anc).

In tempi recenti il giornalista francese Nicolas Champeaux è entrato in possesso di quelle incisioni. Dopo averle accuratamente selezionate, con Gilles Porte (direttore della fotografia), ha sottoposto alcuni di quei frammenti sonori a diversi protagonisti del processo: parliamo di avvocati e di compagni del leader anti-Apartheid, ma anche della moglie, Winnie Mandela, che nella pellicola ricordano e descrivono quegli istanti. Altri estratti audio sono serviti invece a Champeaux per tracciare e ricostruire i passaggi salienti di quel momento storico, portandoli sul grande schermo con immagini animate in stile carboncino.


Il giornalista francese Nicolas Champeaux.

Nicolas, quando ha iniziato a lavorare a questo progetto?

«All’inizio del 2016. Nel mese di marzo sono stato contattato da Henri Chamoux, colui che ha inventato l’apparecchio in grado di digitalizzare l’intero archivio sonoro del processo, effettuato su un tipo di supporto oramai obsoleto, il DictaBelt, il cui sistema di registrazione avveniva attraverso l’incisione di un solco su di un nastro di plastica flessibile».


“The State Against Mandela and the Others”.

Chamoux come è entrato in possesso del materiale?

«Ha informato l'Istituto Nazionale dell'audiovisivo francese (Ina) di avere messo a punto il macchinario in grado di recuperare quel sonoro, fermo a prendere polvere da decenni. D’altra parte, nel 2000 era già stato fatto un tentativo di digitalizzazione del materiale nel Regno Unito, ma, a causa di una serie di errori, si è rivelato un insuccesso. Dopodiché, sulla base di un accordo di cooperazione tra l’Ina e il Sud Africa, ha iniziato a lavorare alla digitalizzazione».

Perché Chamoux ha preso contatto proprio con lei?

«Ascoltando le registrazioni è rimasto sconvolto dalle deposizioni dell’accusato numero 5, Ahmed Kathrada. Partendo da lì, ha effettuato alcune ricerche, scovando le interviste che feci anni fa a Kathrada per Radio France International. Dopodiché, mi ha inviato una mail, chiedendomi se fossi interessato a lavorare su una storia con a disposizione, per la prima volta, l’audio integrale del processo…».

Tutti gli intervistati della pellicola hanno accettato subito la sua proposta?

«Sì, per due ragioni: la prima, perché per una volta qualcuno ha mostrato interesse anche alla loro storia personale; la seconda perché, anche tutti loro, come noi, non avevano mai avuto modo di ascoltare quelle registrazioni…». 

Mi racconti di Winnie Mandela

«Credo sia l’ultima lunga intervista rilasciata prima della sua morte, avvenuta lo scorso mese di aprile. Anche lei, come gli altri, si è molto emozionata a riascoltare quelle voci, quegli istanti…».

Per realizzare le interviste quante volte si è recato in Sud Africa?

«Due. A gennaio e a dicembre 2017».


“The State Against Mandela and the Others”.

Mi racconti della scelta delle animazioni, che scorrono nella ricostruzione del processo...

«Come sa, del processo non esistono immagini, ma solo alcuni disegni della figlia di uno degli accusati. L’ispirazione è partita da lì, decidendo poi di affidare il lavoro a Urde, il quale, partendo dal sonoro, ha realizzato, secondo me, delle animazioni straordinarie…».


“The State Against Mandela and the Others”.

Info: festivaldirittiumani.ch

 

 

 

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-26 02:42:40 | 91.208.130.87