Ti Press
CANTONE
26.06.2019 - 12:270
Aggiornamento : 13:02

Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»

La Lega dei Ticinesi commenta la decisione del Consiglio di Stato di congelare 3.8 milioni di franchi

LUGANO - Il Consiglio di Stato ha deciso di attuare un parziale blocco dei ristorni, congelando 3.8 milioni di franchi, l'equivalente dei debiti che l'enclave italiana di Campione d'Italia ha nei confronti degli enti pubblici Cantonali e Comunali, nonché verso le aziende parapubbliche ticinesi che forniscono i servizi essenziali alla sopravvivenza del paese.

Un blocco dei ristorni da sempre chiesto e rivendicato dalla Lega dei Ticinesi e che oggi il Consiglio di Stato ha accolto all'unanimità. «Bene ma non benissimo, anzi benino», è il commento del Partito di via Monte Boglia, per il quale si tratta unicamente di un mini blocco (il totale dei ristorni è di 84 milioni), «ma dal triciclo PLR-PPD-PD non si poteva pretendere di più».

«Starà ora al Consigliere federale e ministro degli esteri PLR Cassis spiegare agli italiani che i debiti si pagano, evitando calate di brache con la vicina penisola e difendendo la posizione del Ticino», conclude il comunicato.

3 sett fa Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-22 00:26:28 | 91.208.130.85