+ 17
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
6 ore
Il Verbano invade il Parco della pace
Immagini suggestive scattate da una lettrice. Ecco le conseguenze delle recenti forti piogge
LUGANO
8 ore
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
SAN BERNARDINO (GR)
9 ore
Ente Turistico Moesano: il cda passa a 7 membri
L'obiettivo è di rappresentare meglio il territorio di Mesolcina e Calanca al suo interno
CANTONE
10 ore
Tutti i numeri degli accertamenti fiscali
A chiederli è il Gruppo del PS in Gran Consiglio in vista del dibattito parlamentare del 5 novembre: «È efficace, equo e garante di parità di trattamento tra contribuenti?»
FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
11 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
LOCARNO
11 ore
Delta Resort: «Quando arriva la sentenza?»
Interpellanza di Fabrizio Sirica e cofirmatari: «Il Consiglio di Stato ha cambiato idea?»
FOTO
BEDRETTO
11 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
12 ore
Acqua di nuovo potabile ad Alto Malcantone
I parametri sono rientrati nella normalità. Resta in vigore la non potabilità a Cademario, Aranno e nelle frazioni di seo, Cimo, Gaggio e Pianazzo a Bioggio
CANTONE
13 ore
Visita di cortesia a Palazzo delle Orsoline
Il Consiglio di Stato ha ricevuto oggi la Console generale di Svizzera a Milano Sabrina Dallafior
CANTONE
13 ore
Minorenne violentata. Condannato a 4 anni, poi sarà espulso
Il legale del 29enne kosovaro valuta il ricorso in Appello. La giovane riceverà 12mila franchi di risarcimento
CANTONE
14 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
15 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
CANTONE
15 ore
La Valle di Blenio si presenta unita per la stagione invernale
Le 2 stazioni sciistiche, Campo Blenio e Nara, propongono una nuova stagionale valevole per entrambi i comprensori
AGNO
16 ore
Nuove nubi sulla Mikron
La società ha inoltrato la domanda per introdurre il lavoro ridotto
SVIZZERA / CANTONE
07.11.2018 - 14:420
Aggiornamento : 16:23

Cure infermieristiche, non ci sarà alcun controprogetto

Per il Consiglio federale la Costituzione permette già oggi di rafforzare il lavoro degli infermieri. A Bellinzona, oggi, una manifestazione

BERNA - L'articolo costituzionale 117a relativo alle cure mediche di base permette già oggi di sostenere il lavoro degli infermieri: per questo motivo il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare "Per cure infermieristiche forti" senza opporle un controprogetto.

Il Governo ha trasmesso oggi il relativo messaggio al Parlamento, il quale sarà prossimamente chiamato ad occuparsi dell'iniziativa. «Il 'no' al testo, non significa che il Consiglio federale non voglia agire», ha detto in una conferenza stampa a Berna il ministro della sanità Alain Berset.

«L'esecutivo è consapevole della situazione e vuole cure di qualità per tutti. Ma è giunto alla conclusione che l'articolo costituzionale approvato nel 2014 sia sufficiente per garantire cure infermieristiche forti», ha aggiunto Berset.

Numerose misure già adottate - Pur condividendo la proposta dei promotori secondo cui le cure infermieristiche e la medicina di famiglia costituiscono un elemento essenziale delle cure mediche di base, il Consiglio federale sottolinea che in passato ha già adottato numerose misure in collaborazione con altri partner per contrastare la penuria di specialisti nelle professioni infermieristiche.

Tra i provvedimenti presi figura il finanziamento di programmi di reinserimento professionale e misure per trattenere il personale nel settore delle cure di lunga durata. Davanti ai media il ministro della sanità ha evocato il masterplan "Formazioni professionali sanitarie 2010-2015" e gli ulteriori progetti lanciati nel 2016 nel quadro dell'Iniziativa sul personale qualificato, che danno già i primi effetti positivi: il numero di diplomi nella formazione di base sta aumentando.

Secondo Alain Berset, un altro motivo per respingere l'iniziativa è il fatto che gli infermieri non dovrebbero più aver bisogno di una ricetta medica per farsi pagare talune prestazioni legate alle cure. «Queste sarebbero fatturate direttamente a carico dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie, cosa che provocherebbe costi supplementari indesiderati per il settore», ha rilevato.

Oltre 114'000 firme - L'iniziativa è stata dichiarata formalmente riuscita nel dicembre 2017: delle 114'403 firme depositate, 114'078 sono risultate valide. Il testo è stato lanciato dall'Associazione svizzera infermiere e infermieri (ASI), coadiuvata da un comitato formato da parlamentari di vari partiti, per valorizzare la professione infermieristica e per combattere la mancanza di personale.

La proposta di modifica costituzionale chiede che Confederazione e Cantoni investano nella formazione in questo settore, migliorino le condizioni quadro (tra cui orario di lavoro, servizi di picchetto e possibilità di formazioni continue) e riconoscano a livello di legge l'autonomia di lavoro degli infermieri, così come salari appropriati.

Penuria - Stando a un rapporto risalente al 2016, occorreranno circa 40'000 persone supplementari negli ambiti delle cure e dell'accompagnamento dei pazienti entro il 2025. I bisogni saranno maggiori nei servizi di aiuto e di cure a domicilio, nelle cliniche di rieducazione e negli istituti medico-sociali.

Lo scarto tra la domanda di cure infermieristiche della popolazione e il personale formato disponibile si accentua sempre di più. Nel corso degli ultimi cinque anni, solo il 43% del numero di infermieri necessari è stato formato, secondo l'ASI.

«Chi mi curerà nel 2030?» - «Il Consiglio federale perde l'opportunità di intervenire con urgenza contro la carenza di personale infermieristico. Già ora la Svizzera sta formando un numero insufficiente di curanti», questo il commento dell'ASI dopo la decisione del Governo. «Chi mi curerà nel 2030, caro consigliere federale», chiedono oggi le centinaia di volontari che partecipano alla giornata di azione svolta in otto città del Paese, fra cui Bellinzona.

 

Guarda tutte le 20 immagini
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 04:49:31 | 91.208.130.85