Immobili
Veicoli

BRIONE SOPRA MINUSIOGli asini scappano, interviene la protezione animali

26.02.20 - 07:28
Irregolarità sulla gestione delle bestie? Partita la segnalazione di routine al veterinario cantonale
lettore
BRIONE SOPRA MINUSIO
26.02.20 - 07:28
Gli asini scappano, interviene la protezione animali
Irregolarità sulla gestione delle bestie? Partita la segnalazione di routine al veterinario cantonale

BRIONE SOPRA MINUSIO – Quattro asini in fuga. È lo scenario verificatosi nella mattina di lunedì in territorio di Tenero-Contra. La Società protezione animali di Bellinzona (Spab) è stata allertata dalle autorità. «È così – conferma il presidente Emanuele Besomi –. Siamo stati chiamati noi di Bellinzona, perché la Protezione animali di Locarno non è attrezzata, a livello di veicoli, per casi simili».

Una lacuna legale – Gli animali in questione solitamente vivono in Val Resa (Brione Sopra Minusio), in uno spazio di circa 10.000 metri quadrati. Sarebbero scappati nella notte tra domenica e lunedì. «Sono stati trovati all’alba di lunedì sprovvisti dell’apposito microchip – evidenzia Besomi –. Dunque dal punto di vista legale ci sarebbe una lacuna. Per questo abbiamo fatto una segnalazione di routine al veterinario cantonale».

C’è bisogno di un maniscalco – Qualcuno, nella zona, ha anche ipotizzato dei maltrattamenti. Una tesi subito smentita dalla Spab. «Dal nostro rapporto – fa notare Besomi – possiamo dire che in generale le bestie sono state trovate in buona salute. Gli animali hanno bisogno di un maniscalco, le unghie sono un po’ lunghe, questo è vero. Ma non ci troviamo confrontati con una situazione allarmante. Abbiamo visto ben di peggio in giro. Anche il luogo in cui stanno di solito è conforme alle norme».

La curiosità – L’aspetto curioso della vicenda è che gli animali appartengono a un parente di Franco Marcollo, vice presidente della Protezione animali di Locarno. «Chi ha parlato di maltrattamenti ha detto una cattiveria – sostiene Marcollo, interpellato da Tio/ 20Minuti –. Sarei un incosciente a permettere una cosa simile. Il maniscalco era stato sul posto quattro mesi fa. Tornerà prossimamente. Microchip a parte, non c’è niente di fuori dal normale. Anzi, gli animali sono in ottimo stato e hanno un grande spazio in cui vivere».

COMMENTI
 
miba 2 anni fa su tio
...e poi non sono scappati, erano a casa loro. Guardate un po' lo stemma del comune di Brione s/Minusio... :):):):)
don lurio 2 anni fa su tio
L'egoismo della Spab affermando che la Prot. A. Locarnese non é attrezzata a livello di veicoli. Secondo me per ricuperare degli asini non necessita veicoli speciali. Penso che tutte le protezioni animali siano sovvenzionate dallo stato/comuni. In primis nella regione il proprietario é persona del luogo e non deve necessariamente intervenire la Spab. Penso che sia il veterinario che constata lo stato di salute e che necessita il maniscalco. Ritenendo che la Spab sia in grado di costatare , ma certi pregiudizi non sanno da fare.
bananasplit 2 anni fa su tio
Bravo Besomi ... sangue non mente, segui le orme di papà ... Scollinare ti dà 1 sacco di Likes ... non c'è più da piangere xché ci ha già pensato il coronavirus
tip75 2 anni fa su tio
siamo sicuri in questo paese che tutti gli 'asini'abbiano il micro chip? ahahhahah
miba 2 anni fa su tio
...ed hai perfettamente ragione!!! Certo che per far notizia.... Se qualcuno conosce persone che hanno asini (quelli a 4 zampe...) sa benissimo che se un asino riesce a scappare dal recinto poi tutti gli altri lo seguono. Ma par piasée.....
belaolga 2 anni fa su tio
....mmmtempo di votazioni...si saran diretti verso Bellinzona..ma avran trovato il cartello ( posti esauriti)
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO