BELLINZONA
11.02.2013 - 15:590
Aggiornamento : 25.11.2014 - 05:03

Il Governo? Un posto dove fare pipì

Carnevale Rabadan: a scadenze regolari c'è chi fa i 'propri bisogni' davanti al cancello del Palazzo delle Orsoline. Il custode: "Che puzza stamattina"

BELLINZONA - Palazzo delle Orsoline, a Bellinzona. È l'alba del lunedì mattina post Rabadan. Nella zona del cancello d'entrata, un terribile odore di vomito e, soprattutto, di urina. Situazione imbarazzante quella in cui si è ritrovato Roberto Gropetti, responsabile sicurezza della struttura governativa. "Certa gente, durante il carnevale, scambia il palazzo del Governo per un gabinetto. E viene qui a fare i propri 'bisogni'. Pazzesco".

Foto scottanti - Quanto affermato da Gropetti è documentato anche da alcune fotografie scattate sul posto da Ticinonline durante la serata di sabato sera. A intervalli regolari, in media ogni 3-4 minuti, qualcuno si avvicina al cancello e inizia a urinare. "È un grosso problema - fa notare Gropetti -, che va avanti da anni. E che coinvolge, in ogni caso, anche altre zone della città. Stamattina il nostro personale ha ripulito tutto. Spero davvero che nelle prossime serate la gente stia più attenta. Dopotutto i bagni, quelli veri, si trovano solo a una ventina di metri di distanza".

Istinto animale - Alcuni si avvicinano al fatidico cancello addirittura con aria di sfida. Come se fossero consapevoli di compiere un gesto trasgressivo. Altri invece sono in preda agli influssi dell'alcol, e si trascinano a malapena. Sta di fatto che il cancello della residenza governativa nelle serate carnascialesche viene trasformato in un bagno a cielo aperto. "Non vi dico che odore schifoso abbiamo sentito stamattina. Che puzza", dice Gropetti. E poi il responsabile sicurezza fa notare come l'entrata di Palazzo sia, comunque, munita di videosorveglianza. "Ci sono le telecamere. E questo la gente dovrebbe saperlo. Purtroppo il fatto è che se uno è troppo mascherato, non lo possiamo riconoscere".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 15:01:37 | 91.208.130.87