tipress
Gobbi e Berset, in una recente visita del consigliere federale in Ticino
CANTONE/SVIZZERA
07.12.2020 - 09:590
Aggiornamento : 12:08

Covid, nuove misure attese per oggi

Berna sta "alla finestra". Il governo ha una settimana per abbassare i contagi. Nuove misure attese per oggi

Cosa deciderà il Cds? Intanto anche Turgovia e Zurigo corrono ai ripari. E si guarda al "modello Sciaffusa"

BELLINZONA - Una settimana di tempo, e anche corta. Se i contagi non torneranno a scendere «significativamente» entro venerdì, Berna toglierà il timone di mano al governo ticinese. È in sostanza questo l'ultimatum lanciato sabato, in video-conferenza, dal consigliere federale Alain Berset. E a Bellinzona sembrano aver capito l'antifona. 

Ieri il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi ha risposto "a distanza" alla chiamata all'ordine. Nella giornata di oggi è prevista una riunione a Palazzo delle Orsoline, per decidere il da farsi. Dalla cabina di regia sono attese nuove restrizioni, che potrebbero riguardare i ristoranti e le attività di gruppo. 

Oltre al nostro cantone - dove i contagi non accennano a diminuire, se non ad aumentare - gli osservati speciali sono Argovia, Basilea Campagna, San Gallo Soletta e Turgovia. Il Tages Anzeiger scrive questa mattina che «la pressione ha funzionato» e sia Turgovia, sia il canton Zurigo (sua sponte) starebbero preparando un giro di vite, i cui dettagli verranno comunicati nei prossimi giorni, se non nelle prossime ore.

Il governo turgoviese ha annunciato una conferenza stampa alle 14.00, ed è candidato ad arrivare primo nella corsa. Da Bellinzona per il momento non sono state invece programmati annunci, ma il tempo stringe: il Consiglio federale farà un punto domani, martedì, sulle misure cantonali. Dove non saranno ritenute sufficienti, venerdì potrebbe già scattare la presa a carico federale.

Se le tempistiche - ora più, ora meno - sono abbastanza chiare, lo stesso non vale per i contenuti concreti. Secondo il Tages Anzeiger, a "fare scuola" per il momento sarebbero i provvedimenti presi dal canton Sciaffusa venerdì scorso, fino al 22 dicembre: chiusura di tutte le strutture ricreative, eventi pubblici limitati a 15 persone, a 10 (e a due nuclei familiari) quelli privati. San Gallo dal canto suo ha fatto invece capire - scrive il Blick - che potrebbe posticipare l'inizio della stagione sciistica. Il consigliere di Stato Bruno Damann ha annunciato sabato di stare valutando una decisione in tal senso. 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 21:43:01 | 91.208.130.89