Tipress
+10
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
46 min
Tamponi nelle scuole, scatta l'interpellanza
I Verdi interrogano il governo sulla possibilità di un depistaggio a tappeto
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Affitti in aumento, ma non in Ticino
Lo rivela un'analisi del portale Homegate. Nel nostro cantone nel 2020 si assiste a una flessione dell'1,2%
CANTONE
1 ora
Controlli alle motoslitte: 10 multe e due denunce
Operazione di polizia, sabato, in Valle di Blenio. In tutto è stata controllata una trentina di veicoli.
CANTONE
1 ora
La mobilità aziendale riparte con un sostegno alla mobilità combinata
Rinnovato il credito di due milioni, con un milione aggiuntivo per realizzare posteggi per biciclette.
Attualità
1 ora
Apertura invernale del San Salvatore
Nei weekend la funicolare parte ogni mezz'ora tra le 10 e le 17
CANTONE
1 ora
Le 60 dosi "sottratte" agli anziani: «Uno scandalo»
La denuncia del direttore di Pro Infirmis: «Se veramente c'era la paura di dover scartare i vaccini bastava telefonare».
BIASCA
2 ore
A 99 chilometri orari sui cinquanta
Denuncia e ritiro della patente per un conducente di 49 anni
CANTONE
2 ore
Covid in Ticino, dodici casi in ventiquattro ore
Le autorità ticinesi segnalano inoltre un nuovo decesso e quattro ricoveri
CANTONE
3 ore
Prestito interbibliotecario: «Perché quell'aumento?»
L'incremento delle tariffe ha fatto scattare un'interrogazione del Partito comunista
CANTONE
4 ore
«E danno ancora la colpa agli anziani»
Decessi record in Ticino. I numeri fanno arrabbiare l'Associazione della Terza Età
LUGANO
6 ore
L'uomo che TI targa "strano": «Quanti tabù in un numero»
Matteo Bernasconi si occupa di immatricolazioni e spesso i clienti gli chiedono targhe particolari
CANTONE
6 ore
«Questa burocrazia ci ucciderà»
Piccoli artisti alla canna del gas a causa del Covid. Il grido disperato di Cristina Castrillo, co fondatrice del TASI.
LUGANO
16 ore
Mozziconi e "cicche" più resistenti del Covid
La pandemia abbatte il consumo di chewing gum, ma chi lavora per tenere pulito l'asfalto non rileva grandi miglioramenti
FOTO E VIDEO
MAGGIA
18 ore
Schianto sulla cantonale, arriva la Rega
Coinvolta una monovolume con a bordo un uomo, una donna e tre bambini
MONTE CARASSO
19 ore
Salvati nella notte cinque escursionisti
Intervento della Rega sopra Monte Carasso, nei pressi della capanna Albagno
CANTONE
23 ore
La base PLR conferma i vicepresidenti Gianora, Martinenghi, Meier e Nacaroglu
Nel suo intervento politico, Speziali ha toccato qualche tema d'attualità. Come l’approccio all'emergenza Covid.
LUGANO
1 gior
Aggressione in stazione, l'accusa è di tentato omicidio
I tre dovranno rispondere anche di lesioni gravi, aggressione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.
CANTONE
1 gior
Covid in Ticino: 41 contagi e 4 vittime
Sono 469 le infezioni da Coronavirus contate da inizio settimana.
SVIZZERA
1 gior
Aumenti di decessi fra i senior durante la seconda ondata, in Ticino si parla del 76% in più
Nel periodo che va da ottobre 2020 a gennaio 2021, è il secondo cantone con il maggiore incremento in Svizzera
MAROGGIA
25.11.2020 - 07:140
Aggiornamento : 13:02

«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»

Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.

Luigi Fontana: «È una bella sberla. Produzione e magazzino sono andati distrutti. Vedremo se continuare». Più possibilista il figlio Alessandro: «La mia intenzione è quella di andare avanti. Anche se da ieri sera è come se fossi dentro un tunnel».

MAROGGIA - Ha la voce rotta dall’emozione Luigi Fontana. E non potrebbe essere altrimenti. Il Mulino di Maroggia, che lunedì è stato divorato e distrutto dalle fiamme, era parte integrante della sua vita e di quella della sua famiglia da ormai 42 anni. «È una bella sberla», ci rivela commosso. «In questi anni ho passato più tempo a Maroggia che a casa mia a Lugano».

«L'ultimo simbolo» - Una tragedia che non riguarda, però, solo la famiglia Fontana, ma tutta la comunità. «È un duro colpo per tutti. Anche per la gente del paese. Maroggia un tempo aveva il collegio e il Mulino. Rimaneva il Mulino. E ora ha perso anche questo suo ultimo simbolo». 

Velocità disarmante - Centotrenta anni di storia andati in fumo in un istante. Senza nessuna possibilità di reagire. «L’incendio è scoppiato in un attimo e si è propagato talmente velocemente che i primi pompieri giunti da Melide si sono ritrovati con le fiamme che già uscivano dal tetto». 

Enorme devastazione - I danni, seppur non ancora quantificabili, sono ingentissimi. «Tutti i macchinari per la produzione e il magazzino sono andati distrutti», precisa Luigi Fontana. «Siamo riusciti a salvare solamente il grande silos in cemento».

Futuro incerto - Un baluardo tra le rovine che potrebbe rappresentare una rinascita. Anche se attualmente sono la tristezza e lo sconforto per quello che non c’è più a prendere il sopravvento nelle parole del proprietario storico. «Metteremo le carte in tavola e faremo i nostri ragionamenti», ci confida laconico. «Vedremo cosa possiamo e vogliamo fare». Da parte sua, il figlio Alessandro, che da una decina di anni ha ereditato l’azienda - che dava lavoro a una quindicina di persone - è un po’ più possibilista. «La mia intenzione è quella di andare avanti. Anche se da lunedì sera è come se fossi dentro un tunnel». 

La canna dell'acqua - Un piccolo conforto per la famiglia viene dal fatto che nessuno sia rimasto ferito, anche perché il rogo è divampato quando ormai il turno di produzione era già terminato: «Mio figlio ha tentato di spegnere il rogo sul nascere con una canna d’acqua», sottolinea Luigi Fontana. Un tentativo disperato, quanto vano come ci conferma lo stesso Alessandro: «La velocità di propagazione dell’incendio è stata la cosa più incredibile», sottolinea l’attuale titolare, precisando come le fiamme abbiano probabilmente trovato terreno fertile «nelle diverse parti di legno che componevano la struttura del vecchio mulino». 

Vicinanza ticinese - Alessandro conclude ringraziando tutte le persone che in queste ore hanno espresso affetto a lui e alla sua famiglia. «Sono giunte da ogni angolo del cantone e ci hanno fatto un enorme piacere». Tra le manifestazioni di vicinanza anche quella del Presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi, che ha fatto visita alla struttura ieri mattina.

Tipress
Guarda tutte le 13 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 mese fa su tio
@@@Francesco Cec Moretti. Spero che non abbiano la mia assicurazione e quella di un altro con il quale ho qualche problemino. Tramite Avvocato sono venuto a conoscenza di cose impensabili che fanno pur di non pagare. Sono quelle cosine scritte in modo microscopico nelle ultime pagine alle quali badi solo quando ti incastrano e si attaccano a tutti i cavilli immaginabili ;-(( Ladri e furbi !!!!!!!!!
Francesco Cec Moretti 2 mesi fa su fb
Ma siii grazie all'assicurazione ricostruisce e ottimizza!
Maurizio Roggero 2 mesi fa su fb
Perso solo se non viene ricostruito... e non vedo motivi per non rimetterlo in piedi!
vulpus 2 mesi fa su tio
Fanno un lavoro particolare i signori Fontana: producono una materia di base per dar da mangiare alla gente un prodotto che è il simbolo della vita: il pane. Il vecchio stabile è andato, ma il mulino resta: resta nel cuore e nella testa di tutti. Al momento è necessario metabolizzare il grave fatto, ma poi sicuramente questa struttura e questa azienda avrà un nuovo futuro e rinascerà. Qualcuno parla di assicurazioni: si senz'altro ci saranno anche le assicurazione, ma ben si può immaginare che un fatto del genere non sarà mai rimborsato completamente dall'assicurazione. Ci vorrà l'impegno anche di altri: perchè no anche dell'ente pubblico, delle banche, e di noi cittadini, che magari si potrà chi nella propria misura, collaborare ad un nuovo mulino, magari ancora con le stesse sembianze. Forza e coraggio.
Tania Minotti 2 mesi fa su fb
😥
Flavio Boffi 2 mesi fa su fb
Signor Cassis, visto che ci sono 26 milioni già pronti per partire per l’Afghanistan 🇦🇫 perché non.investire in Ticino, à Maroggia, dove salverebbe un’attività e darebbe tanti posti di lavoro a Ticinesi 🇨🇭. Perché andare così lontano, quando a KM ZERO potrebbe fare del bene... Ci pensi!
Vre Neli 2 mesi fa su fb
Flavio Boffi mi associo. Il mulino ha bisogno di noi.
Nat Bacchetti 2 mesi fa su fb
Flavio figurati se lo farebbero... quando mai pensano a noi
Flavio Boffi 2 mesi fa su fb
Nat Bacchetti purtroppo è così 😢
Nat Bacchetti 2 mesi fa su fb
Flavio Boffi gia 🙁
Antonella Eramo 2 mesi fa su fb
Bravo Alessandro!!! Dovete continuare ❤️
Pat Santini 2 mesi fa su fb
Lanciamo una raccolta fondi per ricostruire tutti assieme il mulino cosi potremmo dire che il Mulino è anche nostro.Fate girare nell' etere
Marco Cantarella 2 mesi fa su fb
Pat Santini c e l assicurazione in teoria che paga
Niccolò Werther Padovani 2 mesi fa su fb
Sono dispiaciuto
Matteo Puddu 2 mesi fa su fb
Una bella iniziativa. FARE UNA RACCOLTA FONDI.
Romeo Cadra 2 mesi fa su fb
Matteo Puddu e certo
Marco Cantarella 2 mesi fa su fb
Matteo Puddu in teoria c e l Assicurazione che paga
Simo Sobo 2 mesi fa su fb
Matteo Puddu giusto, un bel Crowdfunding
Francesco Cec Moretti 2 mesi fa su fb
Matteo Puddu assicurazioni.... queste sconosciute
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-25 12:22:43 | 91.208.130.87