«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Tipress
+9
ULTIME NOTIZIE Ticino
AUSTRIA
3 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
4 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
7 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
CANTONE
8 ore
Votazioni, le reazioni dei partiti
Tra conferme e colpi di scena, ecco i commenti a caldo alle votazioni cantonali e federali
CANTONE
8 ore
«Speriamo che il rimborso non legittimi comportamenti violenti»
Il commento del Consiglio Stato sui risultati della votazione cantonale.
LUGANO
9 ore
Rogo in un appartamento a Pregassona
Si è registrato fortunatamente solo un ferito lieve: un caso d'intossicazione leggera
CANTONE
9 ore
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
9 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
MALCANTONE
10 ore
Vernate Unita premiata alle urne
Le comunali "ritardate" hanno premiato la lista civica, nel comune del Malcantone
AGNO
10 ore
Fiamme in un negozio di parrucchiere
I pompieri sono intervenuti a mezzogiorno in piazza Vicari ad Agno
ASCONA
11 ore
Ascona e New Orleans ora sono “sister cities”
Il gemellaggio sancito da un evento questo sabato fra arte, musica e gastronomia
MAROGGIA
25.11.2020 - 07:140
Aggiornamento : 13:02

«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»

Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.

Luigi Fontana: «È una bella sberla. Produzione e magazzino sono andati distrutti. Vedremo se continuare». Più possibilista il figlio Alessandro: «La mia intenzione è quella di andare avanti. Anche se da ieri sera è come se fossi dentro un tunnel».

MAROGGIA - Ha la voce rotta dall’emozione Luigi Fontana. E non potrebbe essere altrimenti. Il Mulino di Maroggia, che lunedì è stato divorato e distrutto dalle fiamme, era parte integrante della sua vita e di quella della sua famiglia da ormai 42 anni. «È una bella sberla», ci rivela commosso. «In questi anni ho passato più tempo a Maroggia che a casa mia a Lugano».

«L'ultimo simbolo» - Una tragedia che non riguarda, però, solo la famiglia Fontana, ma tutta la comunità. «È un duro colpo per tutti. Anche per la gente del paese. Maroggia un tempo aveva il collegio e il Mulino. Rimaneva il Mulino. E ora ha perso anche questo suo ultimo simbolo». 

Velocità disarmante - Centotrenta anni di storia andati in fumo in un istante. Senza nessuna possibilità di reagire. «L’incendio è scoppiato in un attimo e si è propagato talmente velocemente che i primi pompieri giunti da Melide si sono ritrovati con le fiamme che già uscivano dal tetto». 

Enorme devastazione - I danni, seppur non ancora quantificabili, sono ingentissimi. «Tutti i macchinari per la produzione e il magazzino sono andati distrutti», precisa Luigi Fontana. «Siamo riusciti a salvare solamente il grande silos in cemento».

Futuro incerto - Un baluardo tra le rovine che potrebbe rappresentare una rinascita. Anche se attualmente sono la tristezza e lo sconforto per quello che non c’è più a prendere il sopravvento nelle parole del proprietario storico. «Metteremo le carte in tavola e faremo i nostri ragionamenti», ci confida laconico. «Vedremo cosa possiamo e vogliamo fare». Da parte sua, il figlio Alessandro, che da una decina di anni ha ereditato l’azienda - che dava lavoro a una quindicina di persone - è un po’ più possibilista. «La mia intenzione è quella di andare avanti. Anche se da lunedì sera è come se fossi dentro un tunnel». 

La canna dell'acqua - Un piccolo conforto per la famiglia viene dal fatto che nessuno sia rimasto ferito, anche perché il rogo è divampato quando ormai il turno di produzione era già terminato: «Mio figlio ha tentato di spegnere il rogo sul nascere con una canna d’acqua», sottolinea Luigi Fontana. Un tentativo disperato, quanto vano come ci conferma lo stesso Alessandro: «La velocità di propagazione dell’incendio è stata la cosa più incredibile», sottolinea l’attuale titolare, precisando come le fiamme abbiano probabilmente trovato terreno fertile «nelle diverse parti di legno che componevano la struttura del vecchio mulino». 

Vicinanza ticinese - Alessandro conclude ringraziando tutte le persone che in queste ore hanno espresso affetto a lui e alla sua famiglia. «Sono giunte da ogni angolo del cantone e ci hanno fatto un enorme piacere». Tra le manifestazioni di vicinanza anche quella del Presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi, che ha fatto visita alla struttura ieri mattina.

Tipress
Guarda tutte le 13 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 10 mesi fa su tio
@@@Francesco Cec Moretti. Spero che non abbiano la mia assicurazione e quella di un altro con il quale ho qualche problemino. Tramite Avvocato sono venuto a conoscenza di cose impensabili che fanno pur di non pagare. Sono quelle cosine scritte in modo microscopico nelle ultime pagine alle quali badi solo quando ti incastrano e si attaccano a tutti i cavilli immaginabili ;-(( Ladri e furbi !!!!!!!!!
vulpus 10 mesi fa su tio
Fanno un lavoro particolare i signori Fontana: producono una materia di base per dar da mangiare alla gente un prodotto che è il simbolo della vita: il pane. Il vecchio stabile è andato, ma il mulino resta: resta nel cuore e nella testa di tutti. Al momento è necessario metabolizzare il grave fatto, ma poi sicuramente questa struttura e questa azienda avrà un nuovo futuro e rinascerà. Qualcuno parla di assicurazioni: si senz'altro ci saranno anche le assicurazione, ma ben si può immaginare che un fatto del genere non sarà mai rimborsato completamente dall'assicurazione. Ci vorrà l'impegno anche di altri: perchè no anche dell'ente pubblico, delle banche, e di noi cittadini, che magari si potrà chi nella propria misura, collaborare ad un nuovo mulino, magari ancora con le stesse sembianze. Forza e coraggio.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 01:02:34 | 91.208.130.86