Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
5 ore
Buoni covid ticinesi contro lo shopping oltre confine
La risposta ticinese all'iniziativa "duty free" dei negozi comaschi. L'ondata di acquisti in Italia finora non c'è stata
CANTONE
7 ore
Le ombre sulla fiscalità dei telefrontalieri
Il recente accordo tra Italia e Svizzera ha sanato i mesi della pandemia, ma dubbi persistono sul futuro del telelavoro
CANTONE
9 ore
«Non vogliamo la barriera al Gottardo»
Covid-19 e vacanzieri da nord. Si entra nel vivo della stagione. Parla Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo.
NEGGIO
9 ore
«Cosa sta succedendo alla Fonte di Neggio?»
Omar Balli e cofirmatari interrogano il Governo. Nel "mirino" anche la selezione del nuovo direttore
MELIDE
10 ore
A2: tamponamento fra due camion sul ponte diga
Chiusa la galleria del San Salvatore. Si registrano forti disagi alla circolazione in direzione sud
FOTO
LUGANO
11 ore
«Ho scattato un selfie con King Roger»
Il tennista basilese a Carona per girare uno spot della Mercedes non si è sottratto ai suoi ammiratori
LUGANO
13 ore
Durante l'intervento di polizia parte una pallottola
Un agente ha inavvertitamente esploso un colpo d'arma da fuoco mentre stava entrando in un appartamento di Molino Nuovo.
FOTO E VIDEO
LUGANO
15 ore
A Carona ciak con Roger Federer
L'amato tennista elvetico si trova nel quartiere luganese per le riprese di uno spot
CANTONE
15 ore
Integrazione del Cardiocentro nell'EOC, il punto della situazione con il Consiglio di Stato
Le procedure «avanzano in un clima di piena collaborazione e secondo il programma»
CANTONE
16 ore
Regole chiare per chi vuole lavorare da casa
Il Governo ha approvato il nuovo regolamento sul telelavoro nell'Amministrazione cantonale.
LUGANO
16 ore
Il Cassarate è più pulito grazie ad alcuni volontari
Lo scorso weekend diverse famiglie, ma non solo, si sono dedicate alla pulizia del letto del fiume.
BELLINZONA
02.06.2020 - 06:360

Startup ticinesi: troppa rigidità dallo Stato?

Post Covid-19. A sollevare la questione è un imprenditore che si sente penalizzato: «Così ci escludono dagli aiuti».

La Confederazione ha deciso di dare una mano concreta alle nuove aziende. Ogni Cantone può adattare le misure alla propria realtà. «Non abbiamo stravolto nulla», dice Stefano Rizzi direttore della Divisione dell’economia.

«Ho investito poco meno di due milioni di franchi in una startup davvero innovativa. Otto anni di risparmi e duro lavoro. Ma ora il Cantone mi sta mettendo fuori gioco». È lo sfogo di un imprenditore del Bellinzonese. Qualche settimana fa, la Confederazione aveva sancito lo stanziamento di 154 milioni per sostenere le startup in questa delicata fase post emergenza Covid-19. «Il 65% dell’importo è coperto dalla Confederazione – precisa Samuel Turcati, economista della Segreteria di Stato dell’economia (SECO) –. Il 35% dai Cantoni. Una quindicina di Cantoni ha aderito a questa iniziativa».

Criteri "solo ticinesi" – Tra questi anche il Ticino. Che, stando ad alcune persone toccate direttamente dalle misure, avrebbe rimescolato le carte. L’imprenditore che ha contattato Tio/20Minuti è deluso. «La Confederazione ha fissato criteri generali accessibili. Il Ticino li ha adattati in maniera improponibile. Ad esempio, un criterio "solo ticinese" consiste nell’avere alle dipendenze personale stipendiato. Nella mia startup non abbiamo ancora dipendenti. Li avremo, più avanti. A tal proposito si dice anche che bisognerebbe avere un determinato numero di impiegati. Oppure, che l’impresa in questione dovrebbe dimostrare di avere già ricevuto finanziamenti esterni sotto forma di prestiti per un importo superiore ai 100.000 franchi». 

Un momento delicato – Il nostro interlocutore non ci sta. E si appella ai politici ticinesi che hanno rapporti diretti con Berna. Consiglieri nazionali o agli Stati. «In questo modo il Cantone esclude un sacco di startup. Non è giusto. In questo momento tanto delicato, sarebbe il caso di venire incontro alle persone, anziché mettere loro i bastoni tra le ruote. Solo così l’economia può ripartire davvero. Tanta gente è coinvolta. E in parecchi rischiano la beffa».

La replica dello Stato – Stefano Rizzi, direttore della Divisione cantonale dell’economia, respinge ogni critica al mittente. «Non è stato attuato alcun irrigidimento delle regole – sostiene –. Come previsto dalla Confederazione, al momento della definizione della misura, i Cantoni sono responsabili di trovare le modalità operative per valutare la scalabilità, l’innovazione e la base scientifica o tecnologica».

Un approccio federalista – Secondo Rizzi si tratterebbe di un approccio federalista, che oltre a richiedere un impegno finanziario anche ai Cantoni, consentirebbe di adattare al meglio lo strumento in funzione delle proprie specifiche strategie. «A questo riguardo, il Ticino da ormai diversi anni si è dotato di una chiara strategia a sostegno di startup innovative. Tra l’altro, considerata la situazione particolare con cui siamo confrontati, il Consiglio di Stato ha comunque deciso di ampliare la cerchia dei possibili beneficiari anche a quelle startup che hanno già dato prova di sapere raccogliere finanziamenti privati».

Paletti inutili – Che ne pensa l'imprenditore furioso? «Lo ribadisco: il Cantone ci sta creando problemi. E non solo a me. Troppi paletti inutili e dannosi. Le startup "premiate" dovrebbero essere meritevoli in base al proprio prodotto, che sia innovativo o tecnologicamente interessante. Dovrebbero presupporre una concorrenza cantonale e nazionale relativamente bassa, o nulla. Gli aiuti, inoltre dovrebbero, considerare i soldi investiti negli ultimi 10 anni. Perché a seconda della complessità del prodotto una startup ci mette più tempo rispetto a un'altra a diventare produttiva e redditizia. Qualcuno rivaluti queste misure. È un appello che faccio a nome di chi crede in un'economia ticinese sana».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-09 04:52:50 | 91.208.130.87