TI-Press (foto d'archivio)
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino
BERNA / CANTONE
6 ore
Occhi della deputazione ticinese puntati su Posta e accesso al mercato finanziario italiano
I parlamentari ticinesi ribadiscono la loro contrarietà all'elezione di un germanofono nel Cda del gigante giallo.
LOCARNO
7 ore
Un sottocenerino per la Sopracenerina
Il nuovo direttore della Società Elettrica sarà Pietro Nizzola, che sostituisce Daniele Lotti
AGNO 
8 ore
"Cadrega" negata e Soldati scende dal treno
Dietro le dimissioni del presidente delle FLP le resistenze degli azionisti privati sulla nomina di un membro di CdA
VIDEO
MAGGIA
9 ore
I serpenti della Maggia conquistano TikTok
Il video di una lotta rituale ha valicato il Gottardo, e i contendenti si coprono di gloria
FOTO E VIDEO
LOCARNO
9 ore
Cade sulle rocce e si ferisce, infortunio a Ponte Brolla
L'incidente è avvenuto lungo la Maggia. Per soccorrere il ferito sono intervenuti Rega e Salva.
CANTONE
10 ore
Aperte le iscrizioni dei corsi «per imparare a studiare»
Anche nel 2021 torna il progetto di Pro Juventute dedicato ai ragazzi delle Scuole Medie.
CANTONE
11 ore
Quattromila posti liberi al Centro di Biasca
Le autorità sanitarie consigliano ai cittadini di prendere appuntamento in Riviera per il vaccino.
CANTONE
11 ore
C'è un nuovo direttore alla Federazione Pompieri Ticino
Si tratta di Nelson Ortelli che assumerà la carica il prossimo mese di novembre sostituendo Francesco Guerini.
CALCIO
12 ore
Brutta e senz'anima: questa Nazionale è al capolinea?
Euro 2020: cosa succede alla Svizzera? Gli esperti Livio Bordoli e Arno Rossini su Piazza Ticino. Guarda il live.
CANTONE
13 ore
«Fra gli impiegati c'è un costante deterioramento dei salari»
La denuncia dell'OCST: «L'aumento del numero di frontalieri trascina verso il basso i salari dei residenti».
BELLINZONA
13 ore
A Bellinzona tornano concerti e cinema all'aperto
La capitale si anima con la seconda edizione di "Estate in città".
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Bocciato il pedaggio al San Gottardo per vetture straniere
La mozione presentata da Marco Chiesa e ripresa da Piero Marchesi è stata respinta dal Consiglio nazionale.
CANTONE
14 ore
Dal Ticino parte la lotta al «ricercato speciale»
Agroscope ha lanciato uno strumento innovativo per monitorare la diffusione del coleottero giapponese.
LOCARNO
15 ore
Il tifo che sfocia in violenza: botte e insulti in centro a Locarno
Due giovani sostenitori della nazionale italiana sono stati presi di mira a seguito della sfida Svizzera-Italia
CANTONE
28.04.2020 - 06:330
Aggiornamento : 10:39

«Dopo la crisi tutti subito al grotto, ma ci saranno più poveri»

«Prodotti di qualità per il consumatore medio, ma una fascia rilevante della popolazione non avrà questa scelta».

Sguardo oltre la crisi con il Professor Rico Maggi: «Con la riapertura delle attività vedremo un aumento del pagamento elettronico».

LUGANO - L'emergenza sanitaria sembra essere passata e la pandemia finita sotto controllo. Ma cosa accadrà ora alla nostra economia? Quali segni hanno lasciato e lasceranno la deflagrazione del coronavirus e tutte le misure di contenimento a esso collegate?

«Vorrei fare una premessa: dato che una crisi di questo tipo e ampiezza non si era ancora vista, i ragionamenti sul futuro non possono essere basati su evidenza empirica, ma unicamente su considerazioni teoriche e ragionamenti per analogia “debole”», ha specificato Rico Maggi, Professore di Microenomomia ed economia del turismo ed ex decano della Facoltà di Economia all'USI.

Una volta superata l'emergenza sanitaria il consumatore medio modificherà le sue abitudini?
«Le abitudini cambiano lentamente, soprattutto se formate sull’arco di una vita e in un contesto sociale stabile. Secondo ricerche in psicologia sociale, un cambiamento anche di un'abitudine banale richiede tra 2 e 8 mesi, e non i soliti 21 giorni annunciati da chi vende “cure”. Qui stiamo parlando molto più banalmente di comportamento del consumatore medio, ovvero quello che uscirà dalla crisi senza un peggioramento rilevante della sua situazione economica. Il consumo di queste persone molto probabilmente non cambierà, perché durante la crisi cambiano i vincoli, non i desideri. Appena superato il periodo difficile, si vorrà tornare alla normalità. Al momento ci sono limitazioni, con la promessa che quando tutto finirà potremo tornare al grotto. Di conseguenza le nostre proiezioni non riguardano il cambiamento, ma il tornare alla normalità».

Convinzione comune è che in futuro, fino a che la normalità non sarà ritornata, il cittadino spenderà i suoi soldi per acquistare soprattutto beni di prima necessità. È anche la sua opinione?
«No, non è la mia opinione. Vale per tutti quelli che usciranno della crisi trovandosi disoccupati o comunque con meno soldi. Per tutti gli altri, ovvero la maggioranza, vale il contrario. Dato che l’unica cosa che possono consumare al momento sono beni di prima necessità, stanno risparmiando un bel po’ di soldi, che serviranno per compensare-recuperare con i beni “normali”. Però, con più disoccupati e una crisi che speriamo breve, nell'insieme osserveremo per un po’ una quota maggiore di beni di prima necessità per la semplice ragione che c’è più gente che ha meno soldi».

Esiste a suo avviso la possibilità che, facendo un ragionamento del tipo “la pandemia ci ha ricordato che dobbiamo godere di ogni momento”, una fetta di consumatori penserà invece a levarsi gli sfizi a cui ha sempre rinunciato? Questo rilancerebbe i consumi relativi per esempio al mercato dell'automobile o quelli dei beni di lusso...
«Mi pare una speculazione esotica. Come detto, penso che piuttosto la gente che ha la possibilità vorrà tornare alla normalità anche in termini di consumo».

Nel prossimo futuro saranno preferiti i prodotti di qualità o quelli economici?
«Sarà come prima dello stop legato al coronavirus: il consumatore medio continuerà il trend verso prodotti di qualità, ma una fascia rilevante della popolazione non avrà questa scelta».

Grande distribuzione o negozio di paese: il possibile cambio di mentalità portato da queste settimane difficili cambierà il trend che ha visto, negli anni, prevalere in maniera netta la prima?
«Sono due modi complementari di fare la spesa e lo shopping, e lo rimarranno. La grande distribuzione offre una grande diversità e un ambiente “urbano”, il negozio del paese offre individualità, intimità, fiducia; un ambiente “da paese” insomma. Per la semplice dimensione delle rispettive realtà non ci saranno grandi cambiamenti ma forse, piuttosto, un continuo rinascimento dei piccoli negozi, non solo di paese».

Baratto e simili. Crede che la crisi che ci attende (se poi davvero arriverà fortissima) riporterà in auge forme di pagamento alternativo?
«No, non ci credo. Con la riapertura delle attività, per evitare danni sociali grandi sempre legati a una crisi economica lunga, vedremo se mai un aumento del pagamento elettronico».

TI-Press (foto d'archivio)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gikappa 1 anno fa su tio
Io spero veramente che tutti Impariamo ad essere meno egoisti verso il prossimo ma soprattutto verso la natura... Pachamama... Solo un esempio: perché devo mangiare gli asparagi in febbraio che arrivano dal Messico... quando in un paio di mesi abbiamo i nostri asparagi locali? Insomma... non sentiamo come urla la terra?
miba 1 anno fa su tio
Tutto molto più semplice: chi vivrà vedrà :)
Nicklugano 1 anno fa su tio
Bravo Rico… per fortuna anche queste saranno solo percezioni :-))
Monello 1 anno fa su tio
Rifiorire ?? Attenzione ..é un killer che ci attende la fuori ..mi pare si stia minimizzando il problema !!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 02:31:19 | 91.208.130.86