tio/20minuti
L'arbitro Zlatko Cukic ritratto presso lo storico campo del Piano di Peccia.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
15 min
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
5 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
6 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
6 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
19 ore
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
21 ore
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
22 ore
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
23 ore
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
23 ore
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
AIROLO
23 ore
Camion in avaria, chiuso il Gottardo
Code segnalate a entrambi i portali
LUGANO
23 ore
Mascherina di nuovo obbligatoria ai concerti dell’OSI
La misura viene reintrodotta da subito per aiutare a contenere la nuova ondata della pandemia.
FOTO
BIOGGIO
1 gior
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
LOCARNO
27.08.2019 - 09:570
Aggiornamento : 11:23

L’arbitro leggenda non può più fischiare: «Ma cammino a testa alta lo stesso»

Recentemente “stralciato” dalla Federazione ticinese di calcio, Zlatko Cukic è un uomo simbolo dei tornei amatoriali estivi ticinesi. Il 58enne di origini balcaniche si racconta

LOCARNO – È uno dei personaggi simbolo del pallone nella Svizzera italiana. In particolare, pensando all’estate, dei tornei amatoriali di calcio. Zlatko Cukic, 58enne croato cresciuto in Bosnia Erzegovina, locarnese d’adozione, te lo ritrovi ovunque ci sia un rettangolo verde. Col suo fischietto in bocca e con la sua parlata lenta. Non sarà, però, ai nastri di partenza dell’imminente stagione agonistica del calcio minore. La Federazione ticinese (FTC) l’ha infatti stralciato dal registro arbitrale. Un fatto clamoroso, in un momento in cui di arbitri validi vi è un estremo bisogno.

Cukic, per essere stralciati bisogna averla combinata grossa. Che ha fatto?
«Durante un match di quinta lega non ho verificato i nominativi dei giocatori in campo. Qualcuno è entrato nel mio account e ha cambiato le formazioni all’ultimo minuto».

Sembra una storia senza senso…
«Il problema è che io, per ingenuità, davo in giro i miei dati d’accesso ad amici e conoscenti. Così potevano vedere le mie disponibilità. Sono stato uno sprovveduto».

Assurdo essere stralciati per così poco. Sicuro non ci sia altro?
«Sicuro. In quasi venticinque anni di arbitraggio nelle leghe minori mi sono stati offerti tanti di quei soldi sotto banco per fare vincere quella o quell’altra squadra… Non ho mai accettato nulla. Sono una persona che può camminare a testa alta».

Come si sente oggi?
«Sono stufo e amareggiato, la Federazione non mi ha appoggiato. Tanti giovani arbitri smettono. Ma è normale. C’è molta maleducazione da parte del pubblico e di alcuni giocatori. E la Federazione dovrebbe marcare di più la propria presenza sul posto».

Intanto quest’estate si è divertito coi tornei amatoriali. Qual è il suo preferito?
«Quello al Piano di Peccia ce l’ho nel cuore. La gente e i giocatori ti rispettano. Non mi piacciono molto, invece, i tornei in cui si gioca per soldi. A quel punto aumenta l’aggressività in campo».

Tra pochi giorni iniziano i campionati. E lei non potrà più fischiare. Che effetto le fa?
«Guardi, ho trovato un bellissimo lavoro per il Comune di Locarno, che mi permette di essere a contatto con la natura. Mi occupo della gestione delle piante invasive. Dall’Ambrosia al Poligono giapponese. È un mestiere gratificante, mi sento utile. E poi ho due figli meravigliosi. Le soddisfazioni nella mia vita non mancano».

Come è arrivato in Svizzera?
«Era il 1987. Ero venuto in Ticino a fare l’aiuto cuoco. Doveva essere una cosa di un paio d’anni. Per guadagnare qualche soldo in più. Poi è arrivata la guerra nei Balcani. E tutta la mia esistenza è cambiata. Sono rimato in Svizzera, terra a cui devo molto. E ho lavorato a lungo anche sui cantieri».

Se lo ricorda il periodo della guerra?
«Eccome. Io ero qui. E sentivo notizie terribili arrivare dalle nostre terre. La guerra, noi cittadini comuni, non l’abbiamo mai voluta. Siamo stati costretti a farla. Ho sofferto parecchio in quell’epoca. A volte, in campo, mentre arbitravo, sentivo l’astio di alcuni verso quelli della mia razza. Mi sentivo dire “torna a casa slavo”, oppure “vattene a fare la guerra”. Parole pesanti».

Qual è oggi la situazione nel suo Paese?
«Non c’è lavoro. Sono state distrutte tutte le fabbriche. C’è gente che non ha da mangiare. Io sono una persona fortunata. E ho imparato a relativizzare. Non mi vogliono più fare arbitrare? La vita è bella lo stesso, credetemi».

Ma perché lo stralcio?
La decisione di stralciare Zlatko Cukic dal registro degli arbitri ticinesi lascia a bocca aperta più di una persona. Sulla questione tio/20minuti ha interpellato Silvio Papa, preposto per gli arbitri presso la FTC. «La decisione di stralcio è stata inviata direttamente all’arbitro e alla società di appartenenza. Per principio noi non divulghiamo le nostre decisioni sui direttori di gioco. Vogliate però prendere nota che non avremmo mai stralciato un arbitro per una semplice quisquiglia».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 16:11:09 | 91.208.130.85