Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
48 min
«L’aeroporto può cambiare rotta»
LOSONE
2 ore
Licenziato dalla Agie: «Ora a 58 anni cosa faccio?»
RIVIERA
3 ore
Fiamme all'esterno di un deposito a Cresciano
CANTONE
4 ore
«Il caso Kering faccia scuola, servono condizioni quadro»
CANTONE
5 ore
Riforma fiscale, il messaggio del Governo entro l'estate
LUGANO
5 ore
Sciopero delle donne, "semaforo verde" dal Municipio
CANTONE
5 ore
«Le strutture logistiche resteranno, ma saranno ridimensionate»
LUGANO
6 ore
«Quel semaforo deve restare in versione cantiere?»
CANTONE
6 ore
Radio Ticino, problemi tecnici risolti
MASSAGNO
6 ore
Nuova viabilità vicino alla Migros
CANTONE
6 ore
Dipendenti pubblici: «Alta guardia sindacale sulle trattative»
LUGANO
6 ore
Nuova vicedirettrice per il Liceo cantonale di Lugano 2
MELIDE
8 ore
500 indiani in visita alla Swissminiatur
CANTONE
9 ore
L'ACS ricorda Lauda, poi aggiunge: «Non demonizziamo il trasporto in auto»
CANTONE
9 ore
Consegnati i Master 2019 della Supsi
LUGANO
08.04.2016 - 16:230
Aggiornamento : 18:11

Sospetto plagio all'USI: professore si autosospende

L'accusa mossa al docente riguarda l'appropriazione o la non corretta attribuzione, della paternità di passaggi testuali in alcuni articoli scientifici. L'Università ha aperto un'inchiesta

LUGANO - Un'accusa di plagio aleggia sotto le volte dell'Università di Lugano.  È stata mossa a un professore, la cui identità resta sconosciuta, e che nel frattempo ha deciso di auto-sospendersi fino al termine del procedimento a suo carico, in riferimento all'appropriazione, o alla non corretta attribuzione, della paternità di passaggi testuali in alcuni articoli scientifici.

L’Università della Svizzera Italiana, in una nota odierna, considera «di capitale importanza la trasparenza e l’integrità accademica dei propri professori e ricercatori e ha pertanto intrapreso tutti i passi necessari per fare piena luce sulla vicenda».

Per approfondire il caso,  il presidente Piero Martinoli ha quindi deciso d'istruire un’inchiesta al Comitato etico che si avvale anche della consulenza di un esperto esterno. «Esso - specifica l'Università - è l'istanza preposta dall'ateneo  a ricevere le segnalazioni ed esaminare in piena autonomia eventuali casi di comportamenti scientifici scorretti da parte del corpo accademico».

«In via cautelativa e in attesa dell’esito dell’inchiesta», come comunicato dall'Università, «il professore ha deciso di auto-sospendersi dalle sue cariche istituzionali interne ed esterne all'istituto».

La gestione corrente delle sue attività istituzionali sarà affidata, fino alla conclusione dell’inchiesta, al Decanato della Facoltà coinvolta e alla Presidenza dell’ateneo. Il professore continuerà ad assicurare l’insegnamento nei corsi in atto.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-22 21:33:00 | 91.208.130.87