Keystone
SVIZZERA / FRANCIA
19.09.2021 - 11:360
Aggiornamento : 17:10

Nessun incontro fra Guy Parmelin ed Emmanuel Macron

Era previsto per novembre ma non si terrà. Non si tratta però a tutti gli effetti di un annullamento.

BERNA - Il prossimo incontro tra il presidente della Confederazione Guy Parmelin e il presidente francese Emmanuel Macron, previsto a Parigi in novembre, non avrà luogo. Tuttavia secondo il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) non si tratta di una cancellazione di un incontro confermato.

«Poiché la visita non era stata concordata definitivamente, non si tratta dell'annullamento di un incontro confermato», ha assicurato oggi a Keystone-ATS la portavoce del (DEFR) Irène Harnischberg, confermando così informazioni in tal senso apparse su Le Matin Dimanche e la SonntagsZeitung. «Non si trattava di una visita di Stato, ma semplicemente di una visita di lavoro», ha puntualizzato.

Smentita da parte di Parigi - Anche a Parigi si sottolinea che non c'era alcuna data concreta per un incontro e quindi nessuna cancellazione. «Il presidente Emmanuel Macron ha confermato il principio dell'incontro all'inizio del 2021, gli svizzeri hanno rapidamente proposto una data in novembre e noi abbiamo risposto che avremmo guardato», viene indicato da ambienti vicino all'Eliseo.

«Abbiamo detto loro quest'estate che novembre sarebbe stato complicato», ha detto una fonte diplomatica. La difficoltà con la data tuttavia non ha nulla a che fare con l'acquisto da parte della Svizzera degli aerei da combattimento, assicura l'Eliseo.

I due giornali domenicali lasciano intendere che sarebbe stata la Francia a decidere di far saltare l'incontro. L'acquisto da parte della Svizzera degli aerei americani F-35 invece dei francesi Rafale non avrebbe fatto piacere a Macron. Secondo fonti diplomatiche citate dai due media, Parigi rimprovera al Dipartimento della difesa di aver continuato a negoziare quando la decisione di acquistare aerei americani era già stata presa.

Per quanto riguarda le relazioni con l'Unione europea, «i contatti con i nostri paesi vicini avvengono a diversi livelli, in primo luogo attraverso visite di lavoro e attraverso le nostre ambasciate. Questi contatti continuano indipendentemente dalle visite diplomatiche al più alto livello», indica il DEFR di cui Parmelin è il responsabile.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 04:49:59 | 91.208.130.85