Immobili
Veicoli

SVIZZERADissimulazione del volto: «Berna vuole scaricare l'applicazione sui Cantoni?»

17.03.21 - 12:48
Piero Marchesi interroga il Governo dopo le recenti dichiarazioni di Karin Keller-Sutter.
Keystone
Dissimulazione del volto: «Berna vuole scaricare l'applicazione sui Cantoni?»
Piero Marchesi interroga il Governo dopo le recenti dichiarazioni di Karin Keller-Sutter.
Il consigliere nazionale teme che possano «crearsi più modelli di applicazione» e una «disomogeneità» a livello svizzero per una legge iscritta nella Costituzione federale.

BERNA - L'iniziativa contro burqa e niqab, approvata lo scorso 7 marzo dal popolo svizzero, continua a far parlare di sé. E in tal senso, hanno fatto scalpore le dichiarazioni rilasciate negli scorsi giorni dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter. La ministra, titolare del dossier, aveva in pratica sostenuto di voler lasciare carta bianca ai Cantoni per quanto riguarda l'applicazione della nuova legge sulla dissimulazione del volto.

Una proposta, questa, che non è affatto piaciuta al consigliere nazionale dell'UDC Piero Marchesi che tramite un'interrogazione indirizzata al Governo ricorda che «trattandosi di un nuovo articolo costituzionale l'applicazione dovrebbe essere la medesima su tutto il territorio nazionale». Ma lasciando la palla ai Cantoni, questo potrebbe non accadere. Il timore del consigliere nazionale democentrista è infatti che possano «crearsi più modelli di applicazione» e una «disomogeneità» a livello svizzero per una legge iscritta nella Costituzione del Paese.

Di seguito le tre domande di Piero Marchesi: 

    • Non crede il Consiglio federale che lasciando il margine ai Cantoni potrebbero venire a crearsi più modelli di applicazione?
    • Non crede il Consiglio federale che la competenza dell'applicazione, proprio perché iscritta nella Costituzione federale, sia della Confederazione e non dei Cantoni?
    • Nel caso il Consiglio federale confermasse la volontà di lasciare ai Cantoni la competenza per applicare il nuovo testo costituzionale, quali strumenti intende mettere in campo per controllare che vi sia una reale applicazione e una certa omogeneità su tutto il territorio nazionale?
COMMENTI
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
Un foulard, una mascherina e un paio di occhiali e diventi immediatamente una lodevole persona che protegge gli altri.
Tato50 1 anno fa su tio
Ma sta Keller- Sutter ha capito come funziona la democrazia in Svizzera ? È un periodo che spara cavolate a più non posso e pensare che la ritenevo capace. Forse perché quando era agli Stati taceva !!!! A parte che non ha capito che il Ticino fa parte da qualche anno della Svizzera ma a lei non gli frega un tubo, sono queste le donne che devono occupare posti importanti ? Dai che se vai avanti così arrivi a pareggiare il De Rica (nel senso dei pelati) Berset ;-((
pontsort 1 anno fa su tio
Non é un problema di donna o uomo, Cassis é uomo, ma di certo non é meglio... Se queste persone solo lì é perché a qualcuno fa comodo
Tato50 1 anno fa su tio
D'accordo, ma lei rovina quello che le donne stanno combattendo. Parità di qualità medesimo posto. Certo che per prendere la sua di qualità ce ne sono altre a decine !!! Sull'altro che hai citato stendiamo un velo pietoso assieme al Berset. L'unica che "a pelle" mi sembrava peggio di tutti, la Viola, è ai vertici di gradimento (Dip. militare e altro ). Tosta la tipa ;-)) A volte meglio vederli all'opera prima di giudicare ;-))
seo56 1 anno fa su tio
Assolutamente NO!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA