Keystone
SVIZZERA
29.09.2020 - 08:260

Gerhard Pfister: «Poche chance per l'accordo quadro con l'Ue»

«Il ruolo della Corte di giustizia dell'Unione europea nell'accordo quadro è tossico»

BERNA - Il presidente del PPD Gerhard Pfister vede nero in merito all'accordo istituzionale quadro con l'Unione europea: «tutti i partiti hanno evitato per anni di dire per primi che esso è morto», afferma sulle colonne del "Tages-Anzeiger" di oggi.

L'intesa non ha mai vissuto, ha aggiunto Pfister. L'esito dei negoziati supplementari senza un sostanziale miglioramento per la Svizzera è insufficiente.

«Dobbiamo finalmente discutere del problema di fondo: la sovranità. Il ruolo della Corte di giustizia dell'Unione europea nell'accordo quadro è tossico», ha sottolineato il presidente del PPD. È inammissibile che un tribunale europeo parziale decida in merito ai rapporti tra l'UE e un Paese non membro, ha spiegato.

L'accordo istituzionale quadro con l'UE è la grande bugia del Consiglio federale, ha criticato Pfister. I membri del governo hanno creduto troppo a lungo che si poteva regolare tutto in un modo o nell'altro, sostiene il 57enne zughese.

Per quanto riguarda la protezione dei salari, se si riuscirà a garantire il livello attuale la Svizzera troverà una soluzione con l'UE, si dice convinto il popolare-democratico. «Il più grande punto di frizione è la direttiva concernente la cittadinanza europea. La Svizzera verrebbe di fatto integrata nell'UE», ha sostenuto Pfister.

La direttiva estende l'idea della libera circolazione delle persone. Con essa i cittadini dell'Unione avrebbero diritto a prestazioni sociali e rendite per le quali non hanno praticamente versato contributi, ha aggiunto il presidente del PPD. Egli nutre forti dubbi sul fatto che Bruxelles sia pronta a venire incontro a Berna in questo ambito. «È assolutamente possibile che l'UE giunga alla conclusione che l'accordo è morto».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 2 mesi fa su tio
Lo si sa da tempo che ci vogliono mettere sotto le ruote, poi con certi politici... "dai discorsi roboanti in corteo" non avremo nessuna chance !
Mat78 2 mesi fa su tio
L'alternativa alla soluzione dell'UDC è firmare l'accordo quadro con "ripresa dinamica" del diritto europeo. Siccome disdire i bilaterali "non è la soluzione", come sostenuto dai contrari all'iniziativa, sono ansioso di capire quale sarà ora la soluzione. Se è firmare l'accordo quadro alle attuali condizioni è "la soluzione"...poveri noi! Vediamo se e quando gli struzzi finalmente toglieranno la testa dalla sabbia...qualcuno rischia un brusco e sudato risveglio in piena notte...la coerenza è una cosa difficile ed a volte anche la matematica a quanto sembra...Ma tanto basterà qualche ricattino dall'interno e dall'esterno, e la maggioranza del popolo sarà pronta a svendere la sovranità nazionale (democrazia diritta) per 30 monete d'argento...Spero proprio di sbagliarmi.
MIM 2 mesi fa su tio
Ma se a destra e a sinistra non lo vogliono, chi è che continua a sostenerlo? Cassis e il CF? Incredibile.
roma 2 mesi fa su tio
...ottimo. R.I.P.
tazmaniac 2 mesi fa su tio
quanto siamo bambela...
Güglielmo 2 mesi fa su tio
E così sia.... R.I.P..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-03 10:42:17 | 91.208.130.85