Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
6 ore
Scontro fra un 81enne automobilista e un 80enne ciclista
L'incidente è avvenuto stamattina a Davos. Il ciclista ha riportati gravi ferite.
SVIZZERA
9 ore
Giù i premi di cassa malati (anche in Ticino)
Per la prima volta dal 2008, vi sarà una diminuzione del premio medio. Berset: «Felice per le famiglie svizzere».
SVIZZERA
10 ore
Covid-19, 1'284 nuovi casi e undici decessi in Svizzera
Sono 122 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SVIZZERA
10 ore
Johnson&Johnson arriva in Svizzera
Chiunque non ha potuto (o voluto) vaccinarsi con Pfizer o Moderna avrà un'alternativa. In Ticino previste 6'000 dosi.
SVIZZERA
11 ore
I deputati vogliono presentare il "pass"
Il Nazionale è favorevole all'obbligo di certificato per entrare a Palazzo federale. Dovrebbe scattare dal 2 ottobre
SVIZZERA
11 ore
«Il vaccino ai ragazzi solo con il lasciapassare dei genitori»
Lasciare libera scelta agli under 16 è, secondo l'Associazione Amici della Costituzione, contrario alla legge.
SVIZZERA
13 ore
Il "no" rischia di rovinarci le vacanze di Natale?
Tra due mesi la Svizzera torna a votare sulla legge Covid. Le domande e le risposte più importanti
SVIZZERA
13 ore
Riuscito il referendum contro l'abolizione della tassa di bollo
Le 65'000 firme raccolte da un comitato rosso-verde saranno consegnate il 5 ottobre alla Cancelleria federale.
SVIZZERA
13 ore
«Così ti rafforzo il mercato svizzero dei capitali»
Secondo il Nazionale la riforma dovrebbe incentivare le imprese a finanziare le attività in Svizzera.
SVIZZERA
15 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
LUCERNA
15 ore
Cinque arresti dopo la lite in cui è morto un giovane
Forse una questione di soldi all'origine del fatto di sangue avvenuto sabato nel Canton Lucerna
FOTO
SAN GALLO
16 ore
Terribile frontale in galleria, morto un 77enne
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
09.06.2020 - 09:350

Imprese responsabili, i senatori approvano il controprogetto light

Dopo il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha accolto la proposta di conciliazione.

Una decisione che però è stato osteggiata dalla sinistra: «Questo controprogetto si fa complice di violazioni dei diritti umani»

BERNA - All'iniziativa popolare "per imprese responsabili" sarà opposto un controprogetto "light". Dopo il Nazionale ieri, oggi anche il Consiglio degli Stati ha accolto - con 28 voti a 14 e 2 astenuti - la proposta della conferenza di conciliazione. Per la Camera dei cantoni si è trattato di una mera formalità visto che è stata la sua controproposta, più blanda rispetto a quella del popolo, a prevalere. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

L'iniziativa, la cui raccomandazione di voto negativa era già stata approvata da entrambe le Camere, chiede alle imprese con sede in Svizzera di rispettare anche all'estero i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali. Le società potranno inoltre essere chiamate a rispondere anche per gli atti delle aziende che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Per combattere questa modifica costituzionale, il Parlamento ha deciso di opporle un controprogetto. Due le opzioni sul tavolo: una che riprendeva le principali rivendicazioni degli iniziativisti, sostenuta in un primo tempo dal Nazionale, e una "light" proposta dagli Stati, che non istituisce obblighi più estesi di quelli previsti a livello internazionale, in particolare vigenti in seno all'Ue.

Venerdì la conferenza di conciliazione aveva optato per la versione degli Stati e ieri il Consiglio nazionale l'ha approvata, seppur di misura, con 99 voti contro 91 e 6 astenuti. Decisivo è stato il sostegno di parte del gruppo UDC, che nonostante fosse contrario al controprogetto non ha voluto che l'iniziativa fosse presentata da sola davanti a popolo e cantoni.

Spiegando le ragioni che hanno portato la conferenza di conciliazione ad approvare il controprogetto della Camera dei cantoni, Beat Rieder (PPD/VS), a nome della commissione, ha spiegato che non si è voluto proporre un disegno (ossia la proposta iniziale del Nazionale) che corrispondesse a una legge d'applicazione dell'iniziativa.

Con la controproposta dei "senatori" la Svizzera è posta allo stesso livello degli altri Stati europei, ha aggiunto il vallesano. Se a prevalere fosse stato il controprogetto del Nazionale, la Confederazione sarebbe stata l'unico Paese ad avere disposizioni così severe. Il rischio è che le multinazionali che hanno la sede in Svizzera si spostino all'estero.

La sinistra ha invece mostrato tutto il suo disappunto per la decisione della conferenza di conciliazione di sostenere la proposta degli Stati. «Questo controprogetto si fa complice di violazioni dei diritti umani», ha deplorato Lisa Mazzone (Verdi/GE). A suo avviso, il cuore dell'iniziativa, il senso di responsabilità delle imprese, è stato completamente cancellato dal progetto.

Il controprogetto, approvato ieri dal Nazionale e oggi dagli Stati, chiede semplicemente alle multinazionali di riferire ogni anno sulla loro politica in materia di diritti umani e contempla anche doveri di «diligenza» in materia di lavoro minorile ed estrazione di materie prime.

Dal canto suo, il controprogetto iniziale del Nazionale riprendeva i principali elementi dell'iniziativa ma ne limitava l'applicazione alle società più grandi e circoscriveva la loro responsabilità civile alle loro filiali controllate direttamente.

Ostile in un primo tempo a ogni controprogetto, anche il governo ha cambiato idea. La ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter ha dichiarato ai "senatori" che sarebbe rischioso sottoporre soltanto l'iniziativa al popolo. Secondo un sondaggio dell'Istituto Link pubblicato a fine maggio dai giornali del gruppo Tamedia, il 78% degli Svizzeri sarebbero favorevoli al testo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
ho scritto due commenti e non ne vedo uno, né mio né di altri (come ieri): problemi tecnici?
sedelin 1 anno fa su tio
cucù, commenti non più?
sedelin 1 anno fa su tio
buffoni, siamo stufi di essere presi per i fondelli!
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Ipocriti!
sedelin 1 anno fa su tio
buffoni, ne abbiamo piene le scatole di essere presi per i fondelli!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 23:46:41 | 91.208.130.89