Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
8 ore
Cocaina "liquida" nel bagaglio a mano
Un 46enne cittadino russo è stato intercettato allo scalo zurighese con la droga sciolta in due bottiglie di whisky
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
9 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
9 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
FOTO
LUCERNA
10 ore
Festa federale di tiro, spara anche Viola Amherd
La consigliera federale ha preso parte alla giornata conclusiva dell'evento a Lucerna
SVIZZERA
11 ore
I Verdi in Consiglio federale «per fare la differenza»
Il partito ribadisce la rivendicazione del seggio, a spese del PLR
SVIZZERA
11 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
Svizzera
12 ore
Consenso presunto nella donazione degli organi, lanciato un referendum
La decisione è stata presa in Parlamento poche settimane fa. I referendari: «è necessario che la popolazione si esprima»
BERNA
12 ore
Rissa a Berna, un ferito grave
Sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto, secondo la polizia
SVIZZERA
12 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
SAN GALLO
12 ore
Completamente ubriaco, si addormenta in auto... in mezzo alla strada
È successo questa mattina alle cinque a San Gallo. La sua patente straniera è stata annullata
SVIZZERA
13 ore
Carrozze a prova di tifosi
Le FFS ne stanno preparando 35. Saranno usate per il trasporto dei tifosi diretti alle partite in trasferta
SVIZZERA
09.06.2020 - 09:350

Imprese responsabili, i senatori approvano il controprogetto light

Dopo il Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha accolto la proposta di conciliazione.

Una decisione che però è stato osteggiata dalla sinistra: «Questo controprogetto si fa complice di violazioni dei diritti umani»

BERNA - All'iniziativa popolare "per imprese responsabili" sarà opposto un controprogetto "light". Dopo il Nazionale ieri, oggi anche il Consiglio degli Stati ha accolto - con 28 voti a 14 e 2 astenuti - la proposta della conferenza di conciliazione. Per la Camera dei cantoni si è trattato di una mera formalità visto che è stata la sua controproposta, più blanda rispetto a quella del popolo, a prevalere. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

L'iniziativa, la cui raccomandazione di voto negativa era già stata approvata da entrambe le Camere, chiede alle imprese con sede in Svizzera di rispettare anche all'estero i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali. Le società potranno inoltre essere chiamate a rispondere anche per gli atti delle aziende che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Per combattere questa modifica costituzionale, il Parlamento ha deciso di opporle un controprogetto. Due le opzioni sul tavolo: una che riprendeva le principali rivendicazioni degli iniziativisti, sostenuta in un primo tempo dal Nazionale, e una "light" proposta dagli Stati, che non istituisce obblighi più estesi di quelli previsti a livello internazionale, in particolare vigenti in seno all'Ue.

Venerdì la conferenza di conciliazione aveva optato per la versione degli Stati e ieri il Consiglio nazionale l'ha approvata, seppur di misura, con 99 voti contro 91 e 6 astenuti. Decisivo è stato il sostegno di parte del gruppo UDC, che nonostante fosse contrario al controprogetto non ha voluto che l'iniziativa fosse presentata da sola davanti a popolo e cantoni.

Spiegando le ragioni che hanno portato la conferenza di conciliazione ad approvare il controprogetto della Camera dei cantoni, Beat Rieder (PPD/VS), a nome della commissione, ha spiegato che non si è voluto proporre un disegno (ossia la proposta iniziale del Nazionale) che corrispondesse a una legge d'applicazione dell'iniziativa.

Con la controproposta dei "senatori" la Svizzera è posta allo stesso livello degli altri Stati europei, ha aggiunto il vallesano. Se a prevalere fosse stato il controprogetto del Nazionale, la Confederazione sarebbe stata l'unico Paese ad avere disposizioni così severe. Il rischio è che le multinazionali che hanno la sede in Svizzera si spostino all'estero.

La sinistra ha invece mostrato tutto il suo disappunto per la decisione della conferenza di conciliazione di sostenere la proposta degli Stati. «Questo controprogetto si fa complice di violazioni dei diritti umani», ha deplorato Lisa Mazzone (Verdi/GE). A suo avviso, il cuore dell'iniziativa, il senso di responsabilità delle imprese, è stato completamente cancellato dal progetto.

Il controprogetto, approvato ieri dal Nazionale e oggi dagli Stati, chiede semplicemente alle multinazionali di riferire ogni anno sulla loro politica in materia di diritti umani e contempla anche doveri di «diligenza» in materia di lavoro minorile ed estrazione di materie prime.

Dal canto suo, il controprogetto iniziale del Nazionale riprendeva i principali elementi dell'iniziativa ma ne limitava l'applicazione alle società più grandi e circoscriveva la loro responsabilità civile alle loro filiali controllate direttamente.

Ostile in un primo tempo a ogni controprogetto, anche il governo ha cambiato idea. La ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter ha dichiarato ai "senatori" che sarebbe rischioso sottoporre soltanto l'iniziativa al popolo. Secondo un sondaggio dell'Istituto Link pubblicato a fine maggio dai giornali del gruppo Tamedia, il 78% degli Svizzeri sarebbero favorevoli al testo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
ho scritto due commenti e non ne vedo uno, né mio né di altri (come ieri): problemi tecnici?
sedelin 1 anno fa su tio
cucù, commenti non più?
sedelin 1 anno fa su tio
buffoni, siamo stufi di essere presi per i fondelli!
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Ipocriti!
sedelin 1 anno fa su tio
buffoni, ne abbiamo piene le scatole di essere presi per i fondelli!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 01:42:49 | 91.208.130.85