Keystone
Gerhard Pfister, presidente Ppd svizzero.
SVIZZERA
04.01.2020 - 16:580
Aggiornamento : 17:53

Penalizzazione del matrimonio, il Ppd non molla: pronta una nuova iniziativa

Lo ha dichiarato in un'intervista il presidente del partito Gerhard Pfister: «Situazione da cambiare»

di Redazione
Ats ans

BERNA - Il presidio del PPD vuole lanciare una nuova iniziativa popolare per l'abolizione della penalizzazione delle coppie sposate, senza definizione specifica della parola matrimonio. Lo ha dichiarato il presidente del partito Gerhard Pfister in un'intervista odierna alla televisione svizzerotedesca SRF.

L'iniziativa attualmente esistente verrebbe quindi ritirata. «La penalizzazione del matrimonio non è stata eliminata per anni, né a livello fiscale né di AVS. Questo deve cambiare». Solo tre settimane fa è fallito l'ultimo piano in proposito in Parlamento. «Non vediamo altra possibilità se non quella di lanciare una nuova iniziativa», ha detto Pfister.

Il testo attuale è stato preso di mira dalle critiche fra le altre cose a causa della definizione di matrimonio utilizzata: «Il matrimonio consiste nella durevole convivenza, disciplinata dalla legge, di un uomo e di una donna». Questo passaggio è stato definito da alcuni retrogrado e omofobo. Viene infatti privilegiato un solo tipo di convivenza ancorandolo nella Costituzione.

Durante il dibattito dello scorso dicembre in Consiglio nazionale, il consigliere federale Ueli Maurer aveva precisato che se il PPD non avesse ritirato il testo, la votazione sarebbe stata ripetuta nel settembre 2020. Il risultato della prima chiamata alle urne era stato annullato dal Tribunale federale (TF), a causa di un errore nel numero di coppie interessate dalla modifica costituzionale.

Nelle spiegazioni di voto, il governo aveva parlato di circa 80 mila coppie sposate con due redditi penalizzate dal sistema attuale. La cifra effettiva, rivelata due anni dopo, è risultata invece essere di 454 mila coppie. L'iniziativa era stata bocciata di misura nel 2016.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 8 mesi fa su tio
Ogni persona dovrebbe essere tassata individualmente su quanto guadagna e su quanto possiede. Semplice e chiaro, invece di voler stabilire che cos'è un "vero" matrimonio. Roba da uregiatt.
Libero pensatore 8 mesi fa su tio
@marco17 Questa mi sembra un’ottima proposta
Maxy70 8 mesi fa su tio
@marco17 Va bene, a condizione che ambedue riconoscano i figli, altrimenti uno o una mena le tolle (per parlare in buon italiano) e l'altro o l'altra si alleva i figli da solo. Con il matrimonio i figli sono tutelati legalmente: autorità parentale, eredità, ecc.. non voglio fare l'uregiatt.
Maxy70 8 mesi fa su tio
Si dovrebbe anche sostenere chi ha ancora voglia di formare una famiglia e allevare dei figli.
Libero pensatore 8 mesi fa su tio
@Maxy70 Giusto, che lo si faccia sia per chi è sposato che per chi non lo è
Libero pensatore 8 mesi fa su tio
Non va bene che le coppie non sposate vengano discriminate, sono cose da sistemare. D’altra parte però anche le coppie in concubinato hanno i loro problemi, sopratutto per quanto riguarda donazioni ed eredità. Alla fine bisognerebbe rivedere un po’ tutto e parlare di coppie o di single, poco importate se si è sposati o meno.
Tato50 8 mesi fa su tio
@Libero pensatore Al limite sono le coppie sposate quelle discriminate. Poi, se non erro si tratta solo dell'imposta federale: Quella che dovevano abolire con l'introduzione dell'IVA ;-((
Tato50 8 mesi fa su tio
Ma piantatela con la terminologia e trovate finalmente una soluzione; besughi-;(((
Bayron 8 mesi fa su tio
Bene!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 04:19:42 | 91.208.130.89