Keystone (archivio)
Petra Gössi ha speso parole positive per i due liberali radicali in Governo.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Terrorismo, due dossier rispediti in commissione
Secondo il Consiglio degli Stati per lottare contro il terrorismo è sì necessario estendere le misure preventive di polizia, ma alcuni concetti vanno rivisti
FOTO
SAN GALLO
41 min
19enne schianta la Maserati all'incrocio: 120'000 franchi di danni
È successo nel canton San Gallo quando un ragazzino ha centrato altri due giovanissimi che guidavano... una Mercedes
LUCERNA
1 ora
Fermati per un reato stradale, a bordo avevano una cassaforte rubata
Un controllo della velocità a Malters ha avuto un esito inatteso per la polizia lucernese: i tre cittadini slovacchi a bordo del veicolo sono stati arrestati
ZURIGO
1 ora
Quando il poliziotto è fisionomista, il ladro non ha scampo
L'autore del furto a un bancomat di Winterthur è stato riconosciuto da un agente per strada diversi mesi dopo il fattaccio
SVIZZERA
1 ora
Immigrazione, l'iniziativa dell'UDC non fa breccia
Nessuna sorpresa anche agli Stati
SVIZZERA
1 ora
È svizzero il primo spazzino spaziale in assoluto
La start up ClearSpace è stata scelta dall'Agenzia spaziale europea
GRIGIONI
1 ora
Mai così pochi disoccupati in novembre
Sono meno di un migliaio le persone alla ricerca di un lavoro, ma non disoccupate
NEUCHÂTEL
2 ore
23enne cade dalla diga del Châtelot e muore, stava festeggiando
Complicate le operazioni di recupero che hanno coinvolto anche la Rega, gli inquirenti prediligono la pista dell'incidente
OBVALDO
3 ore
Ritrovato morto l'escursionista scomparso
Il corpo senza vita di un 25enne è stato rinvenuto questa notte dai soccorritori in zona Astel
FOTO
LUCERNA
3 ore
Il primo drone Hermes 900 dell'esercito è arrivato a Emmen
Gli altri cinque velivoli saranno consegnati alla Confederazione nei prossimi mesi. Nel complesso sono costati 250 milioni di franchi
SCIAFFUSA
4 ore
Assalto a un bancomat di Ramsen: «Bottino cospicuo»
I malviventi hanno colpito la notte scorsa: ingenti i danni allo stabile
SVIZZERA / SVEZIA
4 ore
Parmelin sarà alla consegna del premio Nobel per la fisica
Si vuole così sottolineare il ruolo del finanziamento pubblico per la ricerca. Il riconoscimento è andato a due scienziati svizzeri
GINEVRA
4 ore
Dieudonné convocato dalla giustizia ginevrina
Il controverso comico francese verrà ascoltato in merito ad alcuni commenti negazionisti fatti durante gli spettacoli di Ginevra e Nyon
ZURIGO
4 ore
Legionellosi, galeotto fu l'autolavaggio
Tre uomini che hanno contratto l'infezione nel 2018 avevano lavato l'auto nello stesso impianto, poi rivelatosi contaminato
VALLESE
5 ore
I lupi "vallesani" hanno ucciso 205 capi di bestiame nel 2019
Gli esemplari censiti a fine ottobre erano 18. Registrati anche 116 attacchi alla selvaggina
SVIZZERA
22.11.2019 - 18:020
Aggiornamento : 19:45

Il PLR in trincea contro l'assalto verde

Il gruppo parlamentare liberale radicale ha deciso all'unanimità di rieleggere l'intero esecutivo

di Redazione
ats

BERNA - «A nostro giudizio non c'è alcun motivo per non rieleggere un membro del governo nell'attuale situazione», ha affermato il capogruppo PLR Beat Walti in una conferenza stampa a Palazzo federale, al termine della riunione dei parlamentari del partito. «Non ha senso gettare alle ortiche un sistema che funziona», ha aggiunto il consigliere nazionale zurighese. «Non vogliamo una Svizzera con i consiglieri federali in permanente campagna elettorale, non è il nostro modello».

Il partito sostiene quindi non solo i suoi due rappresentanti, Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter, bensì anche gli altri cinque membri dell'esecutivo uscenti: lo ha deciso il gruppo all'unanimità. E all'indirizzo dei Verdi, che oggi hanno fatto sapere che, con la candidata unica Regula Rytz, attaccheranno il primo PLR che si presenterà davanti all'assemblea federale (cioè, per ordine di anzianità, Cassis), lasciando poi allo stesso PLR decidere come agire, Walti ha detto che «la fanno troppo facile». La Costituzione prevede che le diverse regioni e componenti linguistiche del paese siano equamente rappresentate, ha ricordato. Estromettere Cassis, in carica da metà legislatura, significherebbe togliere la componente italofona, mentre non rieleggere Keller-Sutter vorrebbe dire tornare a togliere alla Svizzera orientale una rappresentanza nell'esecutivo che non aveva più da tempo.

Il nuovo vicepresidente del gruppo Olivier Feller (VD) ha indicato che non vi saranno audizioni con candidati ecologisti. Un adattamento della cosiddetta "formula magica" (2 seggi in governo ai tre partiti maggiori, 1 al quarto) non è impensabile, ma certo non può essere immediato. «Non neghiamo il successo dei Verdi, ma deve essere confermato», ha detto.

Secondo la presidente PLR Petra Gössi, non può essere che dopo ciascuna elezione si usi una formula matematica di calcolo della rappresentanza partitica in seno al governo: se si facesse in tal modo vi sarebbero cambiamenti dopo ogni elezione e i consiglieri federali sarebbero in una permanente campagna elettorale che nessuno auspica. Per far sì che il governo sia specchio fedele della volontà popolare dovrebbe essere eletto direttamente dal popolo: ma questo è stato rifiutato dallo stesso sovrano. Gössi ha anche sostenuto che i due liberali radicali nella stanza dei bottoni hanno svolto un ottimo lavoro: non avrebbe quindi senso sostituirli.

La posizione del PLR ha ricevuto il sostegno dell'UDC, che ha fatto sapere di non voler nessun cambiamento della composizione partitica del Consiglio federale: la questione di una rappresentanza dei Verdi si porrà al più presto fra quattro anni, ha stabilito il gruppo parlamentare in una riunione.

«L'UDC sostiene la concordanza dei quattro attuali partiti di governo, a condizione che anche gli altri la rispettino», si legge in un comunicato diffuso al termine dell'incontro. Per i democentristi nello stabilire la composizione dell'esecutivo, oltre alla forza partitica, è necessario anche garantire una certa continuità. Inoltre la Costituzione richiede un'equa rappresentanza regionale. «Perciò l'attacco dei Verdi alla Svizzera italiana è incomprensibile».

Un ruolo di primo piano nell'elezione del governo prevista l'11 dicembre sarà svolto dal PPD, chiamati secondo gli osservatori a fungere da ago delle bilancia. Oggi il gruppo ha tenuto una riunione, sotto la presidenza dell'uscente Filippo Lombardi. Il consigliere agli Stati non rieletto domenica scorsa ha detto che non è stato affrontato il tema dell'elezione del Consiglio federale: il gruppo ne discuterà domani.

E il partito socialista? «La situazione attuale costringe tutti i partiti a cercare una soluzione stabile», ha indicato il presidente Christian Levrat all'agenzia di stampa Keystone-ATS. Non deve accadere che ogni formazione politica rischi di perdere un seggio quando un consigliere federale si dimette, «altrimenti non si muoverà più nessuno». Al momento sono in corso molti colloqui. Levrat ha peraltro ribadito quando detto ieri: la candidatura dei Verdi è una logica conseguenza delle elezioni.

Commenti
 
lo spiaggiato 2 sett fa su tio
Che strano che il "costruttore di ponti", lo "Schettino ticinese" non si sia proposto come consigliere federale... in fin dei conti è ticinese e difende la natura (dice lui)... :-)))))))
marco17 2 sett fa su tio
Cassis rappresenta soltanto le peggiori lobby del Paese. Se lo mandano a casa non sarà certo una tragedia, né per lui e ancor meno per il Ticino e per la Svizzera.
Bayron 2 sett fa su tio
Qualsiasi cosa pur di mandare a casa Cassis.. il peggior CF degli ultimi decenni
Thor61 2 sett fa su tio
@Bayron I "Verde"-Rosso!!! Farebbero PEGGIO di cassius, triste ma vero!!! Ha ragione Equalizer.
Bayron 2 sett fa su tio
@Thor61 Si ma almeno non è più il Ticino a far figuracce
Thor61 2 sett fa su tio
@Bayron Credimi, meglio una figuraccia bestiale con cacchius, piuttosto che mettere in mano del potere politico/ decisionale ad un pseudo verde, cacchius è il danno minore, l'altra invece una CERTEZZA di guai e problemi a gogò con la scusa ambientalistica. Se devo scegliere chi scegliere ;o))) in questo caso mille volte cacchius. Ovviamente con un altro politico non pseudo verde la questione cambia. ;o))))
Equalizer 2 sett fa su tio
L'ambiente ha bisogno di essere considerato, e su questo non si scappa, mentre questi strilloni verdi che sono arrivati come una grandinata e come tale si scioglieranno e spariranno lasciando visibili solo i danni che hanno causato, sarà bene metterli al loro posto da subito.
Galium 2 sett fa su tio
@Equalizer Questo lo dici tu! Per il momento spero che un verde venga eletto in Consiglio Federale, per la gioia di chi (vedi più sopra) è capace solo di lanciare insulti.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 19:07:40 | 91.208.130.89