Keystone (archivio)
Petra Gössi ha speso parole positive per i due liberali radicali in Governo.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
14 min
Scavano e rendono una diga instabile. Sono marmotte
Al momento il problema non ha ancora una soluzione.
SVIZZERA ROMANDA
1 ora
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
2 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
3 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
3 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
ZURIGO
4 ore
Presto degli alloggi per anziani LGBT
Dovrebbero sorgere entro il 2025. Saranno una prima in Svizzera.
SVIZZERA
5 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
5 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
5 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
7 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
OBVALDO
21 ore
Tamponamento sull'A8, otto feriti
A essere coinvolti nell'incidente sono stati tre adulti e cinque bambine. Tutti hanno riportato ferite lievi.
CAPO VERDE
21 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
22 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
23 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
BERNA
1 gior
Ciclista muore dopo due giorni in ospedale
Le condizioni del 62enne, caduto mercoledì a Safnern, erano apparse fin da subito disperate.
SVIZZERA
22.11.2019 - 18:020
Aggiornamento : 19:45

Il PLR in trincea contro l'assalto verde

Il gruppo parlamentare liberale radicale ha deciso all'unanimità di rieleggere l'intero esecutivo

di Redazione
ats

BERNA - «A nostro giudizio non c'è alcun motivo per non rieleggere un membro del governo nell'attuale situazione», ha affermato il capogruppo PLR Beat Walti in una conferenza stampa a Palazzo federale, al termine della riunione dei parlamentari del partito. «Non ha senso gettare alle ortiche un sistema che funziona», ha aggiunto il consigliere nazionale zurighese. «Non vogliamo una Svizzera con i consiglieri federali in permanente campagna elettorale, non è il nostro modello».

Il partito sostiene quindi non solo i suoi due rappresentanti, Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter, bensì anche gli altri cinque membri dell'esecutivo uscenti: lo ha deciso il gruppo all'unanimità. E all'indirizzo dei Verdi, che oggi hanno fatto sapere che, con la candidata unica Regula Rytz, attaccheranno il primo PLR che si presenterà davanti all'assemblea federale (cioè, per ordine di anzianità, Cassis), lasciando poi allo stesso PLR decidere come agire, Walti ha detto che «la fanno troppo facile». La Costituzione prevede che le diverse regioni e componenti linguistiche del paese siano equamente rappresentate, ha ricordato. Estromettere Cassis, in carica da metà legislatura, significherebbe togliere la componente italofona, mentre non rieleggere Keller-Sutter vorrebbe dire tornare a togliere alla Svizzera orientale una rappresentanza nell'esecutivo che non aveva più da tempo.

Il nuovo vicepresidente del gruppo Olivier Feller (VD) ha indicato che non vi saranno audizioni con candidati ecologisti. Un adattamento della cosiddetta "formula magica" (2 seggi in governo ai tre partiti maggiori, 1 al quarto) non è impensabile, ma certo non può essere immediato. «Non neghiamo il successo dei Verdi, ma deve essere confermato», ha detto.

Secondo la presidente PLR Petra Gössi, non può essere che dopo ciascuna elezione si usi una formula matematica di calcolo della rappresentanza partitica in seno al governo: se si facesse in tal modo vi sarebbero cambiamenti dopo ogni elezione e i consiglieri federali sarebbero in una permanente campagna elettorale che nessuno auspica. Per far sì che il governo sia specchio fedele della volontà popolare dovrebbe essere eletto direttamente dal popolo: ma questo è stato rifiutato dallo stesso sovrano. Gössi ha anche sostenuto che i due liberali radicali nella stanza dei bottoni hanno svolto un ottimo lavoro: non avrebbe quindi senso sostituirli.

La posizione del PLR ha ricevuto il sostegno dell'UDC, che ha fatto sapere di non voler nessun cambiamento della composizione partitica del Consiglio federale: la questione di una rappresentanza dei Verdi si porrà al più presto fra quattro anni, ha stabilito il gruppo parlamentare in una riunione.

«L'UDC sostiene la concordanza dei quattro attuali partiti di governo, a condizione che anche gli altri la rispettino», si legge in un comunicato diffuso al termine dell'incontro. Per i democentristi nello stabilire la composizione dell'esecutivo, oltre alla forza partitica, è necessario anche garantire una certa continuità. Inoltre la Costituzione richiede un'equa rappresentanza regionale. «Perciò l'attacco dei Verdi alla Svizzera italiana è incomprensibile».

Un ruolo di primo piano nell'elezione del governo prevista l'11 dicembre sarà svolto dal PPD, chiamati secondo gli osservatori a fungere da ago delle bilancia. Oggi il gruppo ha tenuto una riunione, sotto la presidenza dell'uscente Filippo Lombardi. Il consigliere agli Stati non rieletto domenica scorsa ha detto che non è stato affrontato il tema dell'elezione del Consiglio federale: il gruppo ne discuterà domani.

E il partito socialista? «La situazione attuale costringe tutti i partiti a cercare una soluzione stabile», ha indicato il presidente Christian Levrat all'agenzia di stampa Keystone-ATS. Non deve accadere che ogni formazione politica rischi di perdere un seggio quando un consigliere federale si dimette, «altrimenti non si muoverà più nessuno». Al momento sono in corso molti colloqui. Levrat ha peraltro ribadito quando detto ieri: la candidatura dei Verdi è una logica conseguenza delle elezioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lo spiaggiato 7 mesi fa su tio
Che strano che il "costruttore di ponti", lo "Schettino ticinese" non si sia proposto come consigliere federale... in fin dei conti è ticinese e difende la natura (dice lui)... :-)))))))
marco17 7 mesi fa su tio
Cassis rappresenta soltanto le peggiori lobby del Paese. Se lo mandano a casa non sarà certo una tragedia, né per lui e ancor meno per il Ticino e per la Svizzera.
Bayron 7 mesi fa su tio
Qualsiasi cosa pur di mandare a casa Cassis.. il peggior CF degli ultimi decenni
Thor61 7 mesi fa su tio
@Bayron I "Verde"-Rosso!!! Farebbero PEGGIO di cassius, triste ma vero!!! Ha ragione Equalizer.
Bayron 7 mesi fa su tio
@Thor61 Si ma almeno non è più il Ticino a far figuracce
Thor61 7 mesi fa su tio
@Bayron Credimi, meglio una figuraccia bestiale con cacchius, piuttosto che mettere in mano del potere politico/ decisionale ad un pseudo verde, cacchius è il danno minore, l'altra invece una CERTEZZA di guai e problemi a gogò con la scusa ambientalistica. Se devo scegliere chi scegliere ;o))) in questo caso mille volte cacchius. Ovviamente con un altro politico non pseudo verde la questione cambia. ;o))))
Equalizer 7 mesi fa su tio
L'ambiente ha bisogno di essere considerato, e su questo non si scappa, mentre questi strilloni verdi che sono arrivati come una grandinata e come tale si scioglieranno e spariranno lasciando visibili solo i danni che hanno causato, sarà bene metterli al loro posto da subito.
Galium 7 mesi fa su tio
@Equalizer Questo lo dici tu! Per il momento spero che un verde venga eletto in Consiglio Federale, per la gioia di chi (vedi più sopra) è capace solo di lanciare insulti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 16:02:28 | 91.208.130.89