Keystone
Il Governo ha risposto a Giovanni Merlini
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
28 min
Radicalizzazione ed estremismo, buone notizie
BERNA
39 min
Un mercante d'armi deve 2,5 milioni al fisco bernese
SVIZZERA
1 ora
Divorzi in aumento, due matrimoni su cinque vanno a pezzi
URI
1 ora
Heidi Z'Graggen punta di nuovo alla politica federale
ARGOVIA
1 ora
Colpo di sonno sulla corsia di sorpasso
BERNA
1 ora
Il cadavere di una ragazzina ripescato dall'Aare
VAUD
1 ora
Al volante con il 2,5 per mille, addio patente
SVIZZERA
1 ora
Altra notte tropicale, oltre 25 gradi a Vevey
SVIZZERA
2 ore
Il Consiglio federale frena sull'e-voting: «Non diventi la norma»
SVIZZERA
2 ore
Migros vuole cedere Globus, Interio, Depot e m-way
SOLETTA
3 ore
Protesta a favore delle due ruote
SVIZZERA
3 ore
«L'assicurazione di base dovrebbe assumersi i costi del dentista»
SVIZZERA
5 ore
Sesso e calura: «Più ormoni, il desiderio aumenta»
BASILEA CITTÀ
13 ore
Con la sedia a rotelle sulla A2: «Non si è fermato nessuno a chiedere se era tutto ok»
BERNA / MILANO
15 ore
Uno svizzero a Milano: «Così abbiamo contrastato i classici stereotipi sulla Svizzera»
SVIZZERA / ITALIA
23.05.2019 - 09:520

Accordo fiscale con l'Italia, no a un rapporto sul piano B

Il Consiglio federale, rispondendo a un postulato di Giovanni Merlini, ritiene che una sua pubblicazione comprometterebbe il margine di manovra di Berna

BERNA - No ad un rapporto che illustri lo scenario strategico del Consiglio federale in caso di rifiuto dell'Italia di firmare il nuovo accordo fiscale con la Svizzera. Rispondendo oggi a un postulato di Giovanni Merlini (PLR/TI), il governo sostiene che pubblicandolo verrebbe compromesso considerevolmente il margine di manovra di Berna e, di conseguenza, le sue probabilità di successo.

La situazione attuale in merito all'accordo sull'imposizione dei lavoratori frontalieri parafato il 22 dicembre 2015 non è soddisfacente, riconosce l'esecutivo. Il 14 gennaio il ministro degli esteri italiano Enzo Moavero Milanesi si è comunque impegnato con l'omologo elvetico Ignazio Cassis a trasmettere alla Svizzera una risposta definitiva entro la fine della primavera, ricorda.

Inoltre, Ticino e Lombardia hanno intavolato un dialogo per promuovere l'accordo a livello regionale. Sono già state fatte varie riflessioni circa i possibili scenari nonché i provvedimenti da adottare se non si dovessero intravedere sviluppi a medio termine, aggiunge il governo. Queste questioni saranno oggetto di discussione all'occorrenza e nella cerchia ristretta composta dai diversi attori interessati, tra cui il Cantone Ticino, come del resto è già stato fatto in passato, conclude l'esecutivo.

Nel suo postulato Merlini rileva come l'Italia non sembri voler firmare l'accordo, ciò che arreca un pregiudizio al Ticino. Occorre quindi un "piano B" del Consiglio federale in cui sia indicato lo scenario strategico e le implicazioni per la Svizzera di un rifiuto definitivo dell'Italia, e ciò sia in relazione al destino dell'accordo in vigore, sia alle conseguenze economiche, finanziarie e sociali per il Ticino, conclude il consigliere nazionale ticinese.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 11:23:50 | 91.208.130.87