ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
42 min
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
BERNA
3 ore
«Il Covid-19 non spazzi lo sviluppo sostenibile»
Incontro (online) tra capi di Stato e di Governo per non dimenticare l'Agenda 2030, nonostante la pandemia
TENERO
4 ore
Vince 88mila franchi con un gratta e vinci
Ha speso solo otto franchi per un biglietto e si è ritrovata con una vincita che l’ha lasciata senza parole
FRIBURGO
4 ore
Donna annega nel lago della Gruyère
Si trattava di una 66enne: ieri sera era uscita per una nuotata e non era più rientrata
GRIGIONI
4 ore
Auto in fiamme a Coira
Stamani la vettura ha reso difficile la circolazione nel capoluogo retico
SVIZZERA
5 ore
Il coronavirus metterà a dura prova le finanze pubbliche
Ma si mira a evitare aumenti d'imposte, come si evince da un sondaggio condotto in una settantina di Comuni
BERNA
5 ore
Lavori agricoli fatali per un 65enne
L'incidente è avvenuto questa mattina su un pendio ripido di Arni.
VAUD
5 ore
Struttura sanitaria in un mare di debiti, lascia il direttore
Pascal Rubin si è dimesso a causa delle gravi difficoltà finanziarie in cui versa l'Ospedale Riviera-Chablais.
SVIZZERA
6 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
6 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
10.11.2015 - 16:280
Aggiornamento : 17:22

UDC: "Più controlli alle frontiere. Impediamo l'entrata agli illegali"

Il Consiglio federale deve provvedere a rafforzare i controlli per far fronte all'incremento di richieste d'asilo secondo i democentristi

BERNA - Di fronte al forte incremento di richieste d'asilo da inizio mese, il Consiglio federale deve finalmente provvedere a rafforzare il controllo alle frontiere, anche con l'ausilio dell'esercito se necessario. È quanto chiede l'UDC, secondo cui il governo deve smetterla di temporeggiare, anche perché l'accordo di Schengen/Dublino è ormai agonizzante.

Dall'inizio di questo mese, ha dichiarato davanti alla stampa l'ex ministro di giustizia e polizia Christoph Blocher, 330 persone al giorno in media hanno attraversato le nostre frontiere per inoltrare domanda d'asilo.

Molte di queste persone provengono dalla Germania, dove non sono state registrate, ha deplorato Blocher, che ha criticato la politica delle porte aperte della Cancelliera tedesca Angela Merkel.

"Di questo passo - ha aggiunto il capogruppo alle Camere federali Adrian Amstutz (BE) - entro fine anno avremo 50 mila nuove richieste d'asilo invece delle 29 mila previste, come durante la guerra nel Kosovo del 1999".

A detta di Blocher, non è vero che non si possono più controllare le frontiere come dice Schengen/Dublino, dal momento che, come dichiarato dalla stessa Merkel, "quest'ultimo strumento è ormai obsoleto".

Per l'ex consigliere nazionale, i veri profughi, ossia persone perseguitate nei loro Paesi, rappresentano una minoranza delle persone che giungono in Svizzera e, se il caso, possono rimanere. Tutti gli altri vanno respinti alla frontiera, ossia rinviati verso lo Stato da cui sono giunti da noi, ossia Francia, Germania, Austria, Italia. Spetterà poi alle autorità di questi Paesi occuparsene, così come prevede l'accordo di Dublino.

Secondo Adrian Amstutz, il costo di un eventuale sostegno dell'esercito alle guardie di confine sarebbe inferiore alla spesa generata dai migranti nel corso degli anni.

Stando a Blocher, è necessario inviare un segnale chiaro all'estero, ossia che non vi è posto per i migranti economici. La politica europea attuale in materia di asilo non fa invece che ingrassare i passatori. Respingendo queste persone alle frontiere verrebbe invece a mancare per i passatori un'importante fonte di lucro.

In apertura di conferenza stampa, il presidente del partito Toni Brunner ha stigmatizzato il mancato rispetto degli accordi di Schengen/Dublino da parte degli Stati confinanti. Il forte afflusso di migranti dai Balcani era a nostro parere prevedibile, ma il Consiglio federale, e con esso l'Europa, ha preferito far finta di non vedere.

Blocher ha biasimato l'esecutivo, e in particolare Simonetta Sommaruga, per l'attendismo, sostenendo che legge sull'asilo consente già, in caso di situazioni eccezionali, di limitare il diritto d'asilo. La vittoria dell'UDC alle elezioni del 18 ottobre non è dovuta alla propaganda del partito, bensì a un fatto reale che preoccupa la popolazione e le autorità cantonali, che non sanno più dove alloggiare i migranti, ha spiegato.

Se non si fa qualcosa, ossia se il popolo ha la sensazione che manchi una guida, vi è il rischio che quest'ultimo agisca per conto proprio, ha messo in guardia Blocher, secondo cui "bisogna agire invece di nascondersi dietro Schengen/Dublino".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mac67 4 anni fa su tio
sono d'accordo ci vorrebbe l'esercito, ed un segnale forte che dica adesso basta, la barca è piena. Ora ci arrivano quelli prima illusi Da Merkel,poi respinti. Merkel dovrebbe essere accusata di crimini contro lo Stato Tedesco, e crimini contro L'Europa intera, con le sue affermazioni assolutamente IRRESPONSABILI! Ci rendiamo conto che 50'000 per noi sono come 500'000 per un paese come la Germania, una follia! La Svizzera non ha più le entrate di qualche anno fa... vuol dire ridurre la nostra socialità, per pagare migranti prevalentemente economici (che economici per le nostre casse non sono) Questa politica alla Sommaruga, politica non laureata, che ha fatto carriera nella associazione dei consumatori e Swissaid ... che non ha la minima idea di cosa implica la sua politica, se non gongolarsi come una "brava" in mezzo alle conferenze europee, facendo i suoi discorsi da brava scolaretta di 5° elementare:"Siamo tutti buoni" ... "tutti sono bravi"... "condividiamo"... Forse la matematica e l'economia non erano il suo forte. Tutti i paesi europei, che hanno avuto recenti elezioni politiche sono andate a destra, forse la percezione che il troppo storpia, l'hanno avuto in molti ma la politica non vuole ancora recepire il messaggio, freniamo l'invasione finché siamo ancora in tempo, siamo vicini al punto di non ritorno, perdita totale di controllo dei flussi
siska 4 anni fa su tio
Toh, il partito dei borghesoni voltafaccia all'occasione e che cavalcano molti cavalli di tr.......per fomentare quella insana confusione e malcontento generale.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 22:47:28 | 91.208.130.86