Foto Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
8 min
Si addormenta con la sigaretta accesa: in fiamme l'appartamento
Un 32enne ha inavvertitamente appiccato un incendio ieri sera a Scharans.
FOTO
GRIGIONI
27 min
Creata una via in un orrido stupendo
Il percorso turistico all'interno della gola del Cavagliasco in Valposchiavo è in piena fase di costruzione.
VAUD
48 min
Test gratuiti ed estate: centri Covid-19 sotto stress
Il centro drive-in e walk-in di Yverdon è stato preso d'assalto negli ultimi giorni.
SVIZZERA
1 ora
Immunità di gregge: «Scelto il test sierologico del CHUV»
L'esame verrà utilizzato nel programma Corona Immunitas che dovrà stimare l'immunità della popolazione svizzera.
FOTO
BERNA
2 ore
Un pellicano in fuga catturato nell'Aare
Il volatile è fuggito martedì mattina dalla gabbia dello zoo Dählhölzli di Berna.
SVIZZERA
2 ore
Record in terapia intensiva: il 10 aprile
I posti letto occupati hanno toccato un picco del 99 per cento due mesi fa
ZURIGO
2 ore
Coronavirus: un buttafuori digitale può salvare la scena dei club?
Più veloce, più sicura e impersonale. Una macchina è in grado di occuparsi dei controlli all'ingresso delle discoteche.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera 142 nuovi contagi
Salgono a 33 290 i casi dall'inizio della pandemia. Nessun nuovo decesso
GRIGIONI
7 ore
Pizzicato a 116 chilometri orari sui cinquanta
Si tratta di un motociclista che domenica è incappato in un radar sulla strada dello Julier
BERNA
7 ore
Ecco come sarà la futura sede del DDPS
Lo studio d'architettura Büro B si è aggiudicato il concorso per la progettazione dell'ampliamento
SVIZZERA
8 ore
Richemont, vendite a picco tra aprile e giugno
L'azienda numero due al mondo nei beni di lusso non ha avanzato previsioni per il resto dell'esercizio 2020/21
GRIGIONI
8 ore
Trading online: venticinque persone truffate nei Grigioni
La polizia cantonale mette in guardia: «Attenzione agli investimenti finanziari non trasparenti»
SVIZZERA
8 ore
I super-ricchi vogliono raccogliere i frutti dei loro investimenti
La conseguenza? I mercati azionari potrebbero indebolirsi nel resto del 2020
GINEVRA
8 ore
Incendio nella notte a Ginevra, 14 intossicati dal fumo
Due persone sono state portate in ospedale
GINEVRA
20 ore
Il "volto" del telegiornale di RTS lascia
Darius Rochebin, presentatore di punta dell'appuntamento con l'informazione, tenterà la fortuna in Francia.
VALLESE
21 ore
Caduta fatale da una finestra
La tragica fatalità è avvenuta questa mattina in un hotel di Sion.
SVIZZERA
22 ore
Quando il coronavirus fa calare il lavoro, anche dei medici
Il 36% di loro ha richiesto le indennità del lavoro ridotto. Calo dell'attività per quasi la metà degli intervistati.
SVIZZERA
22 ore
Le visiere? «Per ora nessun adeguamento»
Berna si dice «consapevole» della problematica e resta in contatto con GastroSuisse.
SVIZZERA
23.09.2014 - 12:400
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Gli svizzeri più ricchi al mondo, ma aumentano le disuguaglianze

Il patrimonio finanziario pro capite netto è di 146'540 euro

BERNA - Gli svizzeri dispongono in media dei patrimoni più elevati del pianeta, ma i loro attivi tendono a ristagnare e sul fronte passivo si segnala anche il maggior indebitamento al mondo: è quanto emerge da uno studio periodico mondiale pubblicato oggi dall'assicuratore tedesco Allianz, che mette fra l'altro in luce come nella Confederazione aumentino le diseguaglianze.

Stando alla quinta edizione del Global Wealth Report, che propone un'analisi delle famiglie di oltre 50 paesi, la ricchezza mondiale ha raggiunto un nuovo record nel 2013, salendo a 118'000 miliardi. Rispetto all'anno prima vi è stata una crescita del 10%, la più elevata dal 2003.

 

Secondo gli specialisti di Allianz questo si spiega con l'eccellente andamento dei mercati azionari in Giappone, USA ed Europa. Non si è verificato però un rinnovato interesse dei risparmiatori per l'acquisto di azioni: solo gli Usa infatti hanno registrato un afflusso consistente di nuova liquidità in azioni e altri titoli, mentre in Europa è proseguita la tendenza al ritiro di capitali.

 

La Svizzera si è riconfermata al primo posto della classifica per patrimonio finanziario pro capite netto (patrimonio finanziario lordo al netto dei debiti), con in media 146'540 euro (circa 177'000 franchi). Al secondo posto, con notevole distacco figurano gli Stati Uniti (119'565 euro).

 

Per quanto riguarda il patrimonio finanziario complessivo elvetico - 1'794 miliardi di euro - la progressione annua è stata del 5,3%, appena sotto la media europea. Ma dal 2007 la crescita è stata dell'11%, contro il 15% europeo, e se si allarga ancora di più l'orizzonte temporale la Confederazione presenta un bilancio che Allianz definisce "decisamente magro": dalla fine del 2000 il patrimonio finanziario lordo delle famiglie svizzere è cresciuto in media del 2,3% annuo rispetto a un tasso medio del 3,5% negli altri paesi. Solo l'Italia e la Grecia hanno registrato tassi più modesti. Su base pro capite, la crescita annua scende addirittura all'1,3%: se si sottrae ancora il rincaro medio dello 0,6% ne risulta per la Svizzera una situazione pressoché di stagnazione.

 

Persino il Giappone ha registrato risultati migliori nello stesso periodo. Stando ad Allianz in Svizzera i risparmiatori risentono chiaramente degli effetti del basso livello dei tassi di interesse. In termini assoluti gli svizzeri rimangono comunque al primo posto della classifica mondiale per patrimonio finanziario pro capite lordo, con circa 222'030 euro.

 

Anche i debiti sono però i più alti del mondo: 75'490 franchi a testa. Se la crescita del debito privato ha subito nel 2013 un netto rallentamento, il rapporto debito/PIL è rimasto a quota 124%, anche questo un valore giudicato estremamente elevato. Tuttavia l'indebitamento viene leggermente relativizzato se rapportato al patrimonio finanziario lordo: per la Svizzera ne deriva una quota del 34%, risultato che corrisponde esattamente alla media europea.

 

L'ultimo rapporto Allianz analizza per la prima volta anche lo sviluppo della distribuzione della ricchezza all'interno dei vari paesi. I risultati mostrano un quadro differenziato: nella maggior parte degli stati presi in considerazione, negli ultimi dieci anni la distribuzione è rimasta invariata o è migliorata. È questo il caso soprattutto nelle economie emergenti e in particolare nell'America Latina.

 

In alcune grandi nazioni come l'India e la Russia, così come nei paesi industrializzati, si constata invece una tendenza opposta: la ricchezza del 10% più ricco della popolazione è quindi ulteriormente cresciuta. La regione in cui questa tendenza è più evidente sono gli Usa, ma anche la Svizzera e altri paesi europei come Francia, Irlanda e Italia hanno registrato un significativo aumento della disuguaglianza economica. La crescita fondamentalmente debole della ricchezza dovuta alla crisi sembra ripercuotersi maggiormente sui patrimoni di piccole e medie dimensioni.

 

"I risvolti politici di questa situazione sono chiari", commenta Michael Heise, capo economista del Gruppo Allianz, citato in un comunicato. "Chi si batte per una distribuzione più omogenea della ricchezza non deve tanto cercare di frenare la crescita della ricchezza con tasse e imposte, quanto piuttosto puntare a promuoverla a tutti i livelli. La crescita è lo strumento migliore per ottenere una maggiore giustizia sociale", conclude Heise.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 16:43:14 | 91.208.130.89