ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
33 min
Sempre più neonati ricoverati per «traumi da scuotimento»
Sono dieci i casi sospetti segnalati l'anno scorso allo speciale gruppo per la protezione dell'infanzia attivo all'Ospedale pediatrico di Zurigo. «Siamo preoccupati»
SVIZZERA
44 min
Congedo paternità, c'è incertezza sul numero di firme raccolte
Il referendum, iniziato tardivamente, è stato promosso dall'UDC e da alcuni giovani PLR e PPD, che ritengono la proposta del Governo troppo costosa
VALLESE
45 min
Operaio della Lonza ucciso da una fuga di gas
La tragedia è avvenuta questo fine settimana nello stabilimento di Visp. La vittima lavorava da 28 anni per l'azienda
SVIZZERA
1 ora
4'500 soldati per il WEF, così proteggeremo Donald Trump
Il loro compito sarà di tenere praticamente blindato l’intero centro di Davos e tutte le zone limitrofe
SVIZZERA
2 ore
Denner, fatturato in aumento nel 2019
Le 551 filiali proprie hanno contribuito al giro d'affari con 2,6 miliardi di franchi
SVIZZERA
3 ore
L'economia basata sulla massimizzazione del profitto è «assurda e inefficace»
Il vicepresidente del Cda di Roche André Hoffmann auspica un cambio di mentalità
GRIGIONI
3 ore
Auto urta un muretto e finisce sul fianco
L'incidente ieri pomeriggio a Klosters, lievi ferite per i due occupanti del veicolo
ZUGO
3 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
13 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
18 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
GRIGIONI
26.06.2014 - 14:300
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:08

Progetto Lagobianco, si passa alla fase due

Dopo l'autorizzazione del Governo il progetto deve essere ora approvato. La precedenza sarà data al rinnovo degli impianti esistenti

COIRA - Le concessioni per il Progetto Lagobianco, approvate dal Governo del Cantone dei Grigioni il 25 marzo 2014, sono passate in giudicato: dal 28 aprile 2014, data della pubblicazione del progetto, non sono pervenuti ricorsi entro i termini di legge.

 

Anche Repower ha esaminato la documentazione dell’approvazione e ha potuto constatare che il progetto di pubblicazione decretato dal Governo è conforme alle aspettative. Secondo Repower, inoltre, il fatto che gli aventi diritto al ricorso non abbiano sollevato obiezioni contro l’approvazione della concessione rappresenta un "successo straordinario, che conferma la qualità del progetto e la fiducia nei dipendenti coinvolti".

 

Lagobianco: i prossimi passi - La seconda fase dell’iter autorizzativo cantonale riguarda l’approvazione del progetto. A tal proposito Repower inoltrerà una richiesta di approvazione, prevista entro la fine del 2014. Repower concluderà perciò nei prossimi mesi i lavori relativi al progetto di pubblicazione e alla valutazione di impatto ambientale 2° stadio. Questi documenti saranno esaminati e valutati dalle autorità competenti.

 

L’obiettivo di Repower è continuare a lavorare alla centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio per essere pronti a realizzarla non appena le condizioni quadro lo permetteranno e quando sul mercato vi sarà l’esigenza di questo impianto nell'interesse della svolta energetica e della relativa strategia della Confederazione. La centrale servirà soprattutto quale strumento di regolazione, sfruttando la produzione irregolare da fonte eolica e fotovoltaica per rendere disponibile l’elettricità nei periodi in cui è maggiore la domanda.

 

Ottimizzazione del Progetto - Molti punti del progetto di pubblicazione sono stati ulteriormente migliorati. Sarà così possibile rinunciare a due cunicoli di accesso, contenendo i costi. In tal modo diminuiranno i lavori di scavo e saranno superflue strade d’accesso e opere ambientali in queste regioni di montagna. Inoltre sarà spostata verso nord la galleria di restituzione nel Lago di Poschiavo, a causa della conformazione geologica e del nuovo posizionamento della centrale sotterranea.

 

Anticipati i lavori di rinnovo delle centrali esistenti - Come conseguenza dei ritardi nella realizzazione della centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio Lagobianco, è stata rivista la tabella di marcia dei lavori previsti in Valposchiavo. In seguito all’ottenimento dell’autorizzazione prenderanno avvio i lavori di rinnovo delle centrali esistenti che fanno parte del progetto di concessione. In particolare è prevista la ristrutturazione totale della centrale di Robbia, costruita nel 1910. Il rinnovo degli impianti esistenti si inserisce nel progetto complessivo della Centrale Lagobianco.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-20 12:18:19 | 91.208.130.86