Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Immigrazione moderata: gli svizzeri all'estero dicono «no»
Il CSE raccomandata di votare contro all'iniziativa UDC
SVIZZERA
9 ore
La Champions nei bar è a rischio di denuncia
Dalla stagione 2021/22 le partite saranno su pay tv. Ma la diffusione di Teleclub negli esercizi pubblici è illegale
FRIBURGO
9 ore
Un anno senza “désalpes”
A causa del coronavirus sono state annullate le tre note manifestazioni nel Canton Friburgo
BERNA
9 ore
Bimbo in monopattino investito da un'auto: è grave
Stava attraversando la strada sulle strisce pedonali a Matten bei Interlaken, nel Canton Berna
VAUD
13 ore
A Morges sospeso il bike sharing a causa dei vandalismi
Si parla di danni per decine migliaia di franchi, almeno 300 bici danneggiate, PubliBike: «Comportamento inspiegabile
FRIBURGO
13 ore
Incidente mortale a Marly
Deceduto l'automobilista 79enne. Un pedone è rimasto leggermente ferito
SVIZZERA
14 ore
Pur di non indossare la mascherina mi faccio il certificato medico
Andare dal medico per chiedere la dispensa. Un fenomeno che sta prendendo piede.
BERNA/ZUGO
15 ore
Berna e Zugo: misure più severe per chi va al bar o in discoteca
Oltre al nome, all'indirizzo e al numero di cellulare (che va verificato subito) è richiesto anche l'indirizzo email
SVIZZERA
16 ore
104 nuovi contagi in Svizzera
Sei le persone finite in ospedale. Nessun decesso nelle scorse ore. 
FOTO E VIDEO
VAUD
16 ore
Dal Poli di Losanna una navicella per pulire lo spazio dai detriti
C'è già l'accordo con l'Agenzia spaziale europea per il lancio di ClearSpace-1 nel 2025
SVIZZERA
23.04.2020 - 08:220
Aggiornamento : 11:38

Credit Suisse: utile netto in crescita del 75% nel primo trimestre

Cifre superiori alle attese. Gottstein: «Il nostro modello di gestione patrimoniale è resistente»

ZURIGO - Utile netto in crescita del 75% su base annua a 1,3 miliardi di franchi per Credit Suisse nel primo trimestre di quest'anno. Lo ha comunicato oggi il numero due bancario elvetico precisando che si tratta del miglior risultato trimestrale degli ultimi cinque anni.

L'utile ante-imposte si è attestato a 1,20 miliardi, in progressione del 13%. Senza tener conto dei 268 milioni di franchi derivanti dalla conclusione della vendita della piattaforma Investlab ad Allfunds e di piccoli accantonamenti per vertenze giuridiche rilevanti - viene spiegato in una nota - il risultato prima delle imposte sarebbe ammontato solo a 951 milioni, con una flessione dell'11% rispetto al primo trimestre del 2019.

Le varie divisioni hanno tutte registrato un risultato positivo eccetto Investment Banking and Capital Markets, che ha subito una perdita ante-imposte di 392 milioni di franchi dopo i -94 milioni registrati un anno prima. Swiss Universal Bank ha realizzato un utile di 589 milioni (+7%), International Wealth Management di 537 milioni (+3%), Global Markets di 342 milioni (+21%) e Asia Pacific di 252 milioni (+38%).

Le cifre sono globalmente superiori alla media delle previsioni degli analisti interrogati dall'agenzia finanziaria Awp: solo l'utile ante-imposte è leggermente inferiore alle attese che pronosticavano 1,25 miliardi.

«Il nostro modello di gestione patrimoniale si è dimostrato ancora una volta resistente, consentendoci al tempo stesso di sfruttare le nostre capacità di investment banking per i nostri clienti in un periodo di elevata volatilità», indica citato nella nota il nuovo CEO Thomas Gottstein, che ha sostituito Tidjane Thiam alla guida del Credit Suisse a metà febbraio.

Considerando gli effetti attesi dalla pandemia, Credit Suisse ha seguito l'esempio di diverse grandi banche americane e ha effettuato accantonamenti e rettifiche di valore: a causa del difficile contesto economico e della pressione sui prezzi del petrolio è stata costituita una "riserva" di 1,03 miliardi di franchi.

Di tale importo 568 milioni sono accantonamenti per rischi di credito in tutte e cinque le divisioni, mentre 444 milioni sono rettifiche di valore, cosiddette perdite "mark-to-market" (ossia misurate sulla base del valore di mercato corrente).

L'ampiezza della crisi scatenata dal Covid-19 resta però difficile da giudicare, afferma la banca. Nei prossimi trimestri potrebbe quindi rendersi necessario costituire ulteriori riserve ed effettuare altri accantonamenti, soprattutto nel segmento del Corporate Banking e per altri prestiti al di fuori della Svizzera nonché in relazioni agli investimenti nell'Asset Management.

Inoltre la ripresa delle tasse di consulenza ed emissione potrebbe risultare modesta, perlomeno fino a quando la pandemia non si ridurrà e l'economia globale non comincerà a riprendersi. Il Credit Suisse si dice però convinto di riuscire a ottenere risultati solidi anche durante l'attuale crisi.

In relazione alle misure urgenti per lenire gli effetti dell'epidemia, la banca mette in evidenza il suo ruolo attivo nella concessione di crediti ponte alle piccole e medie imprese elvetiche: nell'ambito dell'attuale programma di sostegno sono stati finora concessi circa 14'000 prestiti per un valore complessivo di 2,4 miliardi di franchi.

Il Credit Suisse ha anche lanciato internamente una raccolta di fondi a favore di organizzazioni benefiche; l'istituto raddoppierà l'importo devoluto dai collaboratori. Inoltre il presidente del Consiglio d'amministrazione e i membri della direzione si sono impegnati a donare almeno il 20% del proprio salario di base dei prossimi sei mesi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 04:36:18 | 91.208.130.86