Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
GINEVRA / GERMANIA
1 ora
Un ginevrino si compra il cilindro del Führer
L'imprenditore si è aggiudicato il cilindro appartenuto a Hitler e una copia del "Mein Kampf". Per una nobile causa: «È estremamente importante che questi cimeli non finiscano nelle mani sbagliate»
GRIGIONI
9 ore
Brienz ogni anno scende a valle di un metro, il Cantone: «Vi aiuteremo»
La frazione grigionese abitata da un centinaio di anime si sposta in maniera costante, le autorità: «Situazione particolare»
SVIZZERA
10 ore
Noi i canali della Srg/Ssr sul digitale terrestre non li vediamo più, ma in Austria...
Ci riescono ancora (e pure in chiaro) grazie agli sforzi di un'emittente privata e il nullaosta dell'Ufcom: «Il blackout era dispiaciuto a tanti»
SVIZZERA
11 ore
Alla fine il giornale di sinistra Wochenzeitung andrà al WEF
L'accredito stampa della testata per l'edizione 2020 del Forum di Davos è stato accettato
BERNA / RUSSIA
12 ore
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
17 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
17 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
17 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
18 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
20 ore
Lo "Jass del vescovo" va al Governo solettese
Nel tradizionale torneo di carte, i membri dell'esecutivo si sono imposti «al fotofinish» su i rappresentanti della diocesi di Basilea
SVIZZERA
21 ore
Frontalieri, «no» ad una moratoria di 2 anni sulle assunzioni
La misura contrasta con l'Accordo di libera circolazione e il Consiglio federale invita a respingere quanto chiesto dalla mozione di Roger Golay
SVIZZERA
27.09.2019 - 09:360

Caso Thiam, parla Harris Associates: «Non deve dimettersi»

L'azionista di Credit Suisse corre in soccorso del presidente della direzione dell'istituto

ZURIGO - Un importante azionista di Credit Suisse corre in soccorso del presidente della direzione Tidjane Thiam, la cui posizione ai vertici dell'istituto sembra traballare in seguito alla vicenda dell'ex top manager che sarebbe stato pedinato. Se il Ceo dovesse dimettersi sarebbe una perdita, sostiene la società d'investimento americana Harris Associates.

«Siamo convinti che la dirigenza sia responsabile di proteggere la proprietà dell'azienda, dei suoi clienti e di tutti gli azionisti», afferma David Herro, responsabile degli investimenti per le azioni internazionali, in dichiarazioni rilasciate al portale online The Market. «Questo include anche assicurare che siano rispettati i contratti dei dipendenti che lasciano l'azienda».

«Sosteniamo quindi pienamente le misure adottate dal management di Credit Suisse per proteggere l'azienda. Riteniamo che sarebbe dannoso per la società e i suoi azionisti se la banca perdesse un membro della direzione a causa di questa vicenda», prosegue Herro.

«Supponendo che nessuna legge sia stata violata, il signor Thiam e il suo team hanno il nostro pieno sostegno», insiste David Herro. «Saremmo estremamente delusi se qualcuno, a causa di questa vicenda, dovesse perdere il posto di lavoro, fino a quando è stata rispettata la legge».

Il Ceo della banca «ha fatto un ottimo lavoro per rivitalizzare Credit Suisse: tutte le parti interessate sarebbero perdenti se lui e il suo team dovessero dimettersi», conclude il dirigente di Harris Associates, società che - stando alle più recenti comunicazioni borsistiche - detiene circa il 5% nell'istituto.

Al centro del caso vi è come noto il manager di origine pakistana Iqbal Khan, che sino a fine giugno era responsabile della gestione patrimoniale di Credit Suisse e che dal primo ottobre ricoprirà la stessa funzione presso UBS, in qualità di co-responsabile a fianco dell'americano Tom Naratil. La scorsa settimana nel centro di Zurigo Khan ha chiamato la polizia ritenendo di essere pedinato. Le forze dell'ordine avrebbero proceduto al fermo temporaneo di tre detective.

Da quel momento la vicenda è andata gonfiandosi attraverso rivelazioni dei media, che hanno riferito di tensioni esistenti da tempo fra Khan e Thiam. Il braccio di ferro avrebbe anche i contorni di una diatriba di vicinato - hanno entrambi ville a Herrliberg, adiacenti una all'altra - con il Ceo che, a quanto sembra, si sarebbe lamentato persino con il presidente del consiglio di amministrazione Urs Rohner per il rumore provocato dai lavori di ristrutturazione del vicino.

Non manca nemmeno l'elemento femminile: la tensione accumulata avrebbe portato a un crac durante una cena nel gennaio scorso, quando Khan avrebbe anche mancato di rispetto alla fidanzata del suo superiore (che è separato dalla moglie), rea a quanto sembra di aver piantato degli alberi che toglievano al 43enne la vista del lago di Zurigo. Stando a taluni i due dirigenti bancari sarebbero quasi venuti alle mani. Tutti questi particolari sono solo ricostruzioni giornalistiche non confermate, ma hanno portato anche i grandi media finanziari internazionali a interessarsi ampiamente del caso. Questo ha messo in allarme gli investitori, che stanno ora scendendo in campo a protezione del loro denaro.

Commenti
 
volabas 1 mese fa su tio
Ma che si sbranino pure tra loro queste iene che non ne hanno mai abbastanza, il mondo puzzera' meno di carogne
albertolupo 1 mese fa su tio
Ah, quindi si tratta di una questione prettamente finanziaria...
Bayron 1 mese fa su tio
Vomitevole!!
Pepperos 1 mese fa su tio
Bancarottiere..
pulp 1 mese fa su tio
Che tristezza…. gente pagata 15 mio all'anno….. Mi auguro che ci siano altri azionisti meno arrampicatori sociali, che al contrario di questo fondo americano, chiedano al CEO di farsi da parte e in fretta. Cose del genere non sono "usanza" Svizzera….
miba 1 mese fa su tio
Chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carriera......
mats70 1 mese fa su tio
@miba Non fa una grinza.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 07:24:36 | 91.208.130.85