Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
ZURIGO
5 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
6 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
7 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
SVIZZERA
9 ore
«Basta violenze, in Bolivia servono nuove elezioni»
La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici nel Paese Sudamericano. Il DFAE: «Pronti a sostenere la preparazione, ma vanno rinnovati gli organi elettorali»
FRIBURGO
11 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
SOLETTA
11 ore
Il Canton Soletta dichiara guerra ai giardini ghiaiosi
Un atto parlamentare del PS additava quella che definiva una «nuova moda». Il Governo ha riconosciuto l'esistenza del problema e intende promuovere i prati fioriti
SVIZZERA
12 ore
Gli svizzeri vivono di più, ma il livello d'istruzione pesa
Tra il 1990 e il 2015 l'aspettativa di vita degli uomini è passata da 78 a 82 anni e quella delle donne da 83 a 86
SVIZZERA
22.07.2019 - 07:450
Aggiornamento : 11:18

Un calo a tutti i livelli nei sei mesi di Julius Bär

Il 2019 non è iniziato nel migliore dei modi per l'istituto bancario. Utile in diminuzione del 19% rispetto al 2018

ZURIGO - Primo semestre difficile per Julius Bär: la banca elvetica specializzata nell'amministrazione patrimoniale ha segnato cifre in calo a tutti i livelli. L'utile netto rettificato si è attestato a 391 milioni di franchi, in diminuzione del 19% rispetto all'anno precedente.

Il risultato consolidato secondo le regole IFRS ha subito una contrazione del 23%, scendendo a 343 milioni di franchi, indica in una nota odierna Julius Bär. Gli attivi in gestione si sono attestati a fine giugno a 412 miliardi di franchi: in calo rispetto ai 427 milioni di fine aprile, ma in aumento dell'8% nel confronto con fine dicembre.

L'afflusso netto di nuovi capitali per il periodo in rassegna è stato di 6,2 miliardi, in crescita del 3,2% su base annua. Una progressione inferiore all'obiettivo fissato dall'istituto, che punta a valori compresi fra il 4 e il 6%. Se non si tiene conto della controllata italiana Kairos il dato è comunque nel quadro dell'obiettivo, precisano i vertici, grazie ad afflussi stabili da Asia, Europa e Medio Oriente.

Nel primo semestre i ricavi sono arretrati a 1,70 miliardi di franchi, il 5% in meno del corrispondente periodo del 2018. In rapporto al secondo semestre di quell'anno vi è stato per contro un incremento dell'8%.

L'azienda fa sapere che il programma di riduzione dei costi per un importo di 100 milioni di franchi, lanciato a inizio anno, sta procedendo secondo i piani. Gli effetti positivi dovrebbero essere percepiti già nel secondo semestre. In una conferenza telefonica il Ceo Bernhard Hodler - che come noto dal primo settembre lascerà il posto a Philipp Rickenbacher - ha inoltre detto di aspettarsi un aumento degli afflussi di denaro.

Nei primi commenti gli analisti hanno parlato di un semestre con punti positivi e altri negativi. In borsa il titolo si è mostrato volatile: in apertura è arrivato a guadagnare il 3%, poi ha azzerato le perdite, ma in seguito è tornato a salire di circa il 2%. Dall'inizio dell'anno la performance è del +22%.

Fondata a Zurigo nel 1890, la banca è quotata alla borsa svizzera dal 2005. Oggi è attiva esclusivamente nel private banking e si pubblicizza con lo slogan «grande abbastanza per essere forte e ciò nonostante sufficientemente piccola da prendere seriamente ogni cliente». È presente in 14 località svizzere, fra cui Lugano e St. Moritz, e ha anche numerose sedi all'estero. Il gruppo paga anche uno degli stipendi più alti in Svizzera: il Ceo Hodler nel 2018 ha guadagnato 6,2 milioni di franchi, cioè quasi 80 volte quanto percepisce uno svizzero medio.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 03:12:29 | 91.208.130.87