Keystone
SVIZZERA
11.11.2018 - 13:570

Smartphone e traslochi nel futuro di Raiffeisen

Stando al nuovo presidente del CdA Guy Lachapelle «se mettiamo la banca sui portatili», bisogna pensare anche a servizi non bancari e ad altre fonti di guadagno

BERNA - Eletto ieri alla presidenza del Consiglio d'amministrazione (Cda) di Raiffeisen, in un'intervista alla "SonntagsZeitung" Guy Lachapelle ha dichiarato che in futuro il gruppo potrebbe anche vendere cellulari e organizzare traslochi per diversificare le proprie fonti d'entrata.

Stando a Lachapelle, in futuro l'istituto dovrà combinare servizi bancari e non bancari e approfittare pienamente della digitalizzazione. «Se mettiamo la banca sui portatili, perché non vendere anche cellulari a questo punto», si è chiesto il manager.

Ciò vale anche per il settore immobiliare, settore in cui il gruppo occupa una fetta importante di mercato e vanta una lunga tradizione. «Dal momento che ci siamo, tanto vale organizzare anche traslochi per metterci in tasca qualche soldo», ha affermato al domenicale.

L'ex direttore generale della Banca cantonale di Basilea (BKB) è stato votato a larga maggioranza ieri alla testa dell'organo di controllo dai delegati riuniti a Brugg-Windisch (AG).

Oltre a lui, i presenti hanno eletto nel Cda del gruppo bancario svizzero anche Karin Valenzano Rossi, Andrej Golob, Thomas Müller e Beat Schwab. L'organo, ora composto da nove persone, non comprende più membri dell'epoca del controverso CEO Pierin Vincenz, visto le dimissioni simultanee di tre persone.

La banca rimarrà per il momento senza un CEO, dopo che venerdì una nota di Raiffeisen aveva annunciato le dimissioni con effetto immediato di Patrik Gisel. La notizia era già nell'aria e si presumeva che la decisione venisse comunicata all'assemblea di ieri. A luglio Gisel - criticato per i suoi investimenti giudicati troppo cari e che rischia una causa civile, se non penale, per questo - aveva presentato le sue dimissioni per la fine dell'anno.

La decisione è stata presa dal Cda e dallo stesso manager per mettere fine al dibattito pubblico attorno alla sua persona. In una dichiarazione scritta, Gisel ha infatti confermato informazioni pubblicate dal Blick secondo cui intrattiene una relazione sentimentale con un ex membro del Cda, dimessosi in estate, precisando però che tale legame non sussisteva ancora al momento in cui la persona interessata aveva deciso di non ripresentare la sua candidatura per l'organo di vigilanza.

Ad assicurare la direzione operativa della banca sarà fino a nuovo avviso il vicepresidente della direzione e responsabile della clientela privata e aziendale, Michael Auer. L'obiettivo è trovare un successore già entro la fine del 2018.

I delegati hanno anche conferito a Raiffeisen un mandato per avviare le prossime tappe del programma "Riforma 21" volto a modernizzazione la società cooperativa. Le singole banche sperano non da ultimo in una maggiore influenza e partecipazione a livello di gruppo. Quest'ultimo non dovrebbe però essere trasformato in una società per azioni, come proposto dall'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma).

Commenti
 
Repp52 7 mesi fa su tio
Già che ci siamo possono vendere anche chips e gelati??
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-19 03:56:56 | 91.208.130.86