Immobili
Veicoli

SVIZZERA«La Svizzera rischia il caos in caso di blackout»

16.07.22 - 23:02
Rischiamo di rimanere senza elettricità in inverno. Per gli esperti non siamo abbastanza preparati a uno scenario simile
Deposit (immagine illustrativa)
«La Svizzera rischia il caos in caso di blackout»
Rischiamo di rimanere senza elettricità in inverno. Per gli esperti non siamo abbastanza preparati a uno scenario simile

BERNA - In alcuni paesi si sta facendo di tutto per essere pronti a un eventuale blackout elettrico. Ieri abbiamo appreso ad esempio che in Austria la catena di supermercati Spar ha elaborato un preciso piano dove i dipendenti devono applicare chiare linee di comportamento per quanto riguarda la sicurezza. 

Anche Lidl Svizzera si sta preparando a uno scenario di emergenza. Secondo l'Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP, i preparativi da parte dei rivenditori rientrano nell'obbligo di diligenza dell'azienda. «A livello federale, tuttavia, esiste una strategia iniziale del personale federale in caso di blackout», ha spiegato la portavoce Sandra Walker. La maggior parte dei cantoni ha anche preparato dei piani di emergenza.

Tuttavia secondo Mauro Tuena, presidente della Commissione Politiche per la Sicurezza, queste misure non sono ritenute sufficienti. «La Svizzera non è preparata ad affrontare uno scenario del genere. Manca poco tempo. Il Consiglio federale deve agire immediatamente», ha dichiarato il consigliere nazionale dell'UDC. È necessario un concetto di emergenza coordinato a tutti i livelli, in cui siano definite tutte le possibilità e le misure. Secondo Tuena, questo include anche un ripensamento dell'energia nucleare: «Dobbiamo assicurarci di avere abbastanza elettricità prodotta da noi, e non essere dipendenti dall'estero». Inoltre, in caso di carenza di energia, sono necessarie informazioni sulle aree in cui l'elettricità sarà ridotta e su come sarà regolata la distribuzione dell'elettricità rimanente. «Bisogna anche chiarire come la popolazione possa essere informata e calmata, in modo che non si verifichino scene tumultuose», ha spiegato Tuena.

Inoltre, un blackout avrebbe conseguenze estreme. «Ci sarebbe un caos estremo, la gente impazzirebbe. Una cosa del genere non deve accadere», averte Tuena. Non c'è dubbio un'interruzione dell'energia elettrica di diversi giorni o settimane sarebbe un disastro. «Non solo i negozi di alimentari sarebbero colpiti dai saccheggi. Potrebbero anche verificarsi scene sgradevoli negli ospedali, ad esempio». Inoltre, verrebbero colpiti anche i fornitori di servizi di pagamento, i trasporti pubblici e la rete di telecomunicazioni. «La nostra intera infrastruttura crollerebbe prima o poi».

«Collettivamente, questo porta a effetti non ottimali»
«In caso di blackout su larga scala, c'è il rischio di isteria di massa tra le persone», afferma la sociologa Katja Rost dell'Università di Zurigo. Un esempio di comportamento collettivo e isterico lo abbiamo avuto durante la pandemia, durante la quale molte persone hanno fatto incetta di carta igienica. «Se si vede una persona comportarsi in questo modo, gli altri finiscono per imitarla. Nel complesso, questo porta a effetti non ottimali», spiega Rost. È simile all'isteria di massa: «Tutti saltano sullo stesso carro e copiano il comportamento degli altri senza pensare, anche se questo peggiora la situazione generale della comunità».

Alla base di tutto ciò - a suo dire - ci sarebbe una sorta di egoismo innato. «Quando si tratta di sopravvivere, gli esseri umani mettono se stessi al primo posto», afferma la sociologa. Ecco perché una buona pianificazione gioca un ruolo centrale: «Se si conoscono i vari scenari comportamentali possibili, ci sono opzioni fisiche, psicologiche, economiche e sociologiche per prevenire il comportamento isterico o almeno per indirizzarlo in modo in modo tale che non si verifichino danni importanti».

NOTIZIE PIÙ LETTE