Immobili
Veicoli
20min/Sébastien Anex
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
15 min
Perse le tracce di un rifugiato su tre
Nello svolgimento di un sondaggio tra le famiglie di accoglienza, il Canton Berna non è riuscito a trovare 338 persone
BERNA
1 ora
Sotto esame le email cancellate del ricatto di Berset
L'intento è quello di stabilire le circostanze che hanno portato all'eliminazione di alcuni messaggi
SVIZZERA
5 ore
Libero scambio di farmaci
Gli Stati Uniti e la Svizzera stanno lavorando a un'intesa sul settore dei medicamenti
SVIZZERA
6 ore
Dalla Russia con astuzia
Le Dogane segnalano 18 sospette violazioni delle sanzioni contro Mosca, ai confini elvetici
FOTO
SCIAFFUSA
7 ore
Auto esce di strada e finisce in sala da pranzo
Ferite lievi per il conducente, miracolosamente illesi gli abitanti della casa
SVIZZERA
8 ore
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
FOTO
SAN GALLO
9 ore
Auto pirata travolge due giovani
La vita di una 17enne è in pericolo, in gravi condizioni anche una 19enne
FOTO
LUCERNA
10 ore
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GINEVRA
20 ore
Auto sulle bancarelle, «andava a 140 chilometri orari»
Una persona è rimasta gravemente ferita alla gamba, ma la sua vita non è in pericolo. Le testimonianze dei commercianti
GRIGIONI
23 ore
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
SVIZZERA
23.03.2022 - 07:300
Aggiornamento : 08:56

Svizzeri contrari a un intervento Nato in Ucraina: «Si rischia un conflitto nucleare»

Per la popolazione elvetica la fornitura di armi è fuori discussione. I risultati del nostro sondaggio rappresentativo

BERNA - «Neutralità non significa indifferenza». È quanto ha detto, lo scorso 28 febbraio, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, annunciando l'adesione elvetica alle sanzioni dell'Unione europea contro la Russia. Ma la Svizzera è davvero ancora neutrale? Un punto della situazione sarà fatto da un rapporto ordinato dal Dipartimento federale degli esteri.

Fatto sta che una larga maggioranza della popolazione elvetica sostiene la decisione della Confederazione di aderire alle sanzioni: i favorevoli sono al 75%, e sono la maggioranza tra gli elettori di praticamente tutti i partiti, eccetto l'UDC (dove si attestano al 48%). Lo si evince da un recente sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia, a cui hanno preso parte oltre 12'000 persone da tutto il paese.

Una neutralità con compromessi? - Chi si dice contrario alla mossa, lo fa perché ritiene che «la Svizzera neutrale» non debba immischiarsi negli «affari esteri», nemmeno in una guerra economica (lo pensa il 51% degli interpellati). Il 25% è invece dell'idea che così facendo la Confederazione non possa fungere da «intermediario neutrale» tra le parti del conflitto.

Appunto, la neutralità. Si tratta di un concetto in cui si può scendere a compromessi? Per il 35% della popolazione la neutralità ha senso, ma deve essere adattata alla situazione. Soltanto il 24% ritiene che non si tratti di una posizione negoziabile. Mentre per il 10% è un concetto ormai superato.

Armi all'Ucraina? Non dalla Svizzera - A fronte del conflitto in Ucraina, l'Occidente non si è mosso soltanto con le sanzioni. Pur senza intervenire direttamente, diversi paesi europei hanno infatti deciso di fornire armi all'esercito ucraino. Una questione, questa, che per gli svizzeri è però fuori discussione: soltanto il 28% della popolazione è convinta che lo debba fare anche la Confederazione (favorevoli che si trovano tra i partiti della sinistra, con una quota del 36% tra i simpatizzanti del PS). Il 68% si dice contrario.

E anche un intervento militare in Ucraina da parte della Nato, per la stragrande maggioranza dei cittadini elvetici è da escludere: lo pensa il 76% degli intervistati (con una quota che arriva al 79% tra le fila dell'UDC). Tra i contrari, come emerge ancora dal sondaggio, prevale la convinzione che un intervento possa sfociare in un conflitto mondiale e nucleare (63%). La maggior parte dei favorevoli (58%) ritiene invece che non si debba abbandonare la popolazione ucraina.

La popolazione elvetica non ne vuole inoltre sapere di un'adesione della Svizzera alla Nato: i favorevoli sono al 27%, i contrari al 67% e un 6% non ha fornito un'indicazione in merito. I “sì” prevalgono in seno a PS, Verdi e Verdi liberali. Però è vista positivamente dal 52% degli intervistati una partecipazione della Confederazione alla cooperazione dell'Unione europea in materia di difesa.

Il sondaggio

Sono 12'437 le persone da tutta la Svizzera che il 16 marzo 2022 hanno preso parte al sondaggio di 20 minuti e Tamedia sulla guerra in Ucraina. Il rilevamento è stato condotto in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,5%.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 18:56:32 | 91.208.130.89