Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
37 min
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
57 min
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
LUCERNA
4 ore
Dopo l'alterco cade nel vuoto, muore un 61enne
Una lite ha preceduto i fatti, la polizia sta ancora indagando per chiarire le circostanze dell'indicente.
FRIBURGO
5 ore
In centinaia a una festa techno illegale
La musica ad altissimo volume che rimbombava da una cava di Montagny-les-Monts ha infastidito non poco i residenti.
FOTO
SOLETTA
6 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
6 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA / REP. CECA
6 ore
Ignazio Cassis ricevuto da Milos Zeman
Il presidente della confederazione e quello ceco hanno discusso di relazioni diplomatiche e di Ucraina.
SVIZZERA
6 ore
Più lavori "verdi" per la svolta energetica
Un sondaggio effettuato dall'azienda Stiebel Eltron rimarca l'interesse verso i lavori legati alle tecnologie verdi.
SVIZZERA
7 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
9 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
10 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
SVIZZERA
23.01.2022 - 11:520
Aggiornamento : 15:51

Nel 2021 tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.

«Non può continuare così», commenta Gregor Berger, primario di psichiatria e psicoterapia infantile e adolescenziale all'Ospedale universitario di Zurigo.

BERNA - Il numero di tentativi di suicidio degli adolescenti è aumentato drasticamente l'anno scorso in Svizzera. L'allarme viene lanciato oggi dalle colonne della SonntagsZeitung. Con la pandemia e le relative restrizioni imposte dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l'alto. 

«Oltre il 50% in più di giovani voleva togliersi la vita», titola il domenicale, che fornisce un quadro cupo della situazione: Nel corso del 2021 la Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale dei servizi psichiatrici universitari di Berna (UPD) ha trattato oltre il 50% in più di minori suicidi nel reparto di emergenza rispetto all'anno precedente. E questo dopo che il numero di casi era già aumentato del 50% dal 2019 al 2020.

Esplose le ammissioni - Solitamente durante l'estate, complici anche le vacanze e il calo di stress dovuto a scuola e formazione, i numeri tendono al ribasso: contrariamente agli anni precedenti, tuttavia, la situazione nel 2021 non si è particolarmente calmata durante i mesi estivi. «Nel secondo anno di pandemia eravamo abbastanza pieni anche in luglio e agosto, e ora siamo totalmente sovraccarichi. Le ammissioni stanno esplodendo», spiega Michael Kaess, direttore della clinica bernese, citato dal domenicale svizzerotedesco.

Abbiamo uno stato di emergenza - Parole condivise da Gregor Berger, primario di psichiatria e psicoterapia infantile e adolescenziale all'Ospedale Universitario Psichiatrico di Zurigo: «Abbiamo uno stato di emergenza e stiamo solo spegnendo gli incendi, non può continuare così», aggiunge dal canto suo Berger, secondo il quale nella sua clinica zurighese sono stati registrati 278 tentativi di suicidi.

«Gli adolescenti, sottolinea, hanno sofferto molto di più durante la pandemia rispetto agli adulti». Il Coronavirus ha accentuato il disagio fra i giovani, ma attribuire l'aumento solo al virus non è sufficiente: i problemi di salute mentale tra i minori sono in aumento da dieci anni, scrive la SonntagsZeitung.

Lacune tra i dati - Il numero effettivo dei giovani che cercano la morte o che sviluppano ricorrenti pensieri suicidi potrebbe però essere ben più elevato: non tutti i bambini e gli adolescenti finiscono in una clinica dopo un tentativo di suicidio. Alcuni vanno dal medico di famiglia, altri si rivolgono a una hotline anonima (ad esempio il 143, oppure il 147). Per Berger è chiaramente necessario un registro nazionale dei tentativi di suicidio. L'Ufficio federale della sanità pubblica è consapevole della «lacuna nei dati di monitoraggio». Tuttavia, un registro nazionale in questo senso non è attualmente fattibile, poiché mancano le basi legali e ci sono ostacoli legati alla protezione dei dati.

Stando a Berger, la salute mentale dovrebbe essere introdotta come argomento nelle lezioni scolastica. "Quando i giovani possono finalmente parlarne, questo non promuove il suicidio, ma ha l'effetto contrario".

Un suicidio ogni 500 tentativi - Il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani dai 10 ai 19 anni in Svizzera dopo la morte accidentale. Ogni anno sono circa 35 i giovani in questa fascia di età che si tolgono la vita. Cifre che si riflettono anche nei dati dell'Ufficio federale di statistica (UST). Il tasso di suicidi, nel suo complesso, non è aumentato negli ultimi anni, ma mancano ancora i dati del 2021.

Tra i giovani, c'è una media di un suicidio ogni 500 tentativi. Per gli adulti, il rapporto è di circa 1 a 50. Dietro a questi numeri ci sono varie ragioni: da un lato, l'intenzione di morire potrebbe non essere ancora così forte nei bambini e negli adolescenti. Inoltre, i più giovani agiscono maggiormente d'impulso e sono meno propensi a elaborare un piano.

Anche tra i sessi si nota una differenza: i giovani che hanno tentato il suicidio, o che erano sul punto di farlo, erano per tre quarti adolescenti: «Le ragazze tendono di più a cercare aiuto, per esempio dopo un tentativo di suicidio o di autolesionismo. I ragazzi spesso cercano di risolvere la cosa da soli - finché il vaso non trabocca», sostiene Kaess.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 23:30:44 | 91.208.130.89