Immobili
Veicoli
Archivio AFP
SVIZZERA / RUSSIA
23.01.2022 - 23:000

Le tensioni tra Russia e Ucraina, e la crisi energetica in Svizzera

L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari

Fonte 20 Minuten / Daniel Krähenbühl
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Lo scorso dicembre in Europa i prezzi del gas naturale hanno subito un'impennata, con aumenti di oltre il 400%. In Germania e Belgio alcuni fornitori hanno interrotto le consegne o sono addirittura falliti, proprio a causa dell'esplosione delle tariffe. La situazione era precaria anche per via dei livelli particolarmente bassi di stoccaggio negli impianti. Ma dopo che i prezzi sono temporaneamente scesi grazie a una fornitura di gas naturale liquefatto (GNL) per mezzo di una petroliera americana, ora è tornato il nervosismo. Il motivo? Le tensioni tra Russia e Ucraina.

Secondo l'Associazione svizzera dell'industria del gas Gazenergie, nel nostro paese il 47% del gas naturale viene importato dalla Russia. Ne fanno uso all'incirca un'economia domestica su cinque e vari settori dell'industria Questo significa che un'eventuale limitazione o interruzione delle forniture da parte del monopolista Gazprom a causa di un conflitto militare avrebbe ripercussioni anche sulla Svizzera. Lo sostiene Daniel Germann, senior gas trader in seno al fornitore di servizi energetici Ompex.

«Si rischia un crollo del mercato» - «Un'interruzione prolungata delle forniture di gas russo avrebbe conseguenze di vasta portata sull'intero mercato energetico» afferma ancora Germann. La Svizzera ritira la maggior parte del suo gas dai grandi centri in Germania o nei Paesi Bassi: in caso di crisi, il nostro paese dipendente dall'Unione europea.

La compensazione tramite forniture aggiuntive provenienti da altri mercati, come il gas liquido dagli Stati Uniti, è possibile soltanto in misura limitata. «Inizialmente la carenza porterebbe a un forte aumento dei prezzi dell'energia, ma se la situazione dovesse durare più a lungo, in caso estremo potrebbe crollare il mercato, con la necessità di misure disposte dalle autorità».

Conversione all'olio combustibile - In termini teorici, il gas attualmente stoccato negli impianti europei, altre importazioni e la produzione interna permetterebbero di affrontare un normale inverno senza dover contare sulle forniture russe, afferma Georg Zachmann, esperto di energia presso il think tank Bruegel a Bruxelles. «Ma questo è possibile soltanto se i paesi con un miglior accesso al gas naturale sono disposti a condividerlo».

Se la Russia chiudesse i rubinetti del gas, anche la Svizzera dovrebbe fare i conti con una limitazione dei consumi, dice Fabien Lüthi dell'Ufficio federale dell'energia (UFE). «La misura dipenderebbe dalla durata dell'interruzione delle forniture». Secondo Lüthi, la Svizzera sarebbe comunque avvantaggiata dalla presenza di un'elevata percentuale di impianti industriali a doppia alimentazione, che - se necessario - potrebbero quindi passare dal gas al petrolio.

Tuttavia, come aggiunge l'Ufficio federale per l’approvvigionamento economico nazionale, il numero di impianti a doppia alimentazione sarebbe attualmente in forte calo. Si conta per esempio il caso della Stahl Gerlafingen AG: «Circa trent'anni fa siamo passati al gas naturale. Senza la fornitura di tale sostanza, la produzione dovrebbe essere interrotta» dice un portavoce.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 01:22:13 | 91.208.130.85