Immobili
Veicoli
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
Depositphotos (foto d'archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Tre voli per portare Cassis al WEF
La partecipazione del presidente della Confederazione al Forum ha prodotto molto CO2. Ecco com'è andata
VALLESE
8 ore
Con il riscaldamento globale «seracchi sempre più instabili»
L'esperto: «Proprio perché i pericoli sono diventati più frequenti, molte vie alpinistiche vengono scartate»
SOLETTA
10 ore
Arrestato un presunto piromane, è un 33enne
La polizia aveva chiesto aiuto alla popolazione per catturare l'autore o gli autori di una decina di roghi
SAN GALLO
10 ore
Rinvenuto un cadavere: è del 74enne scomparso
Lo comunica la Polizia della Città di San Gallo, «non ci sono indicazioni di un coinvolgimento di terzi»
FOTO
VALLESE
10 ore
Due morti e nove feriti sul massiccio del Grand Combin
È il bilancio dell'incidente che si è verificato questa mattina in Vallese
VALLESE
11 ore
Licenziamenti in vista a Crans-Montana
La stazione sciistica perderà posti di lavoro. L'azienda parla di «campagna di sgrassaggio»
SAN GALLO
12 ore
Trovato morto un base jumper
Sono diverse le domande ancora senza risposta: era con qualcuno? Perché è precipitato?
SVIZZERA
12 ore
Vaiolo delle scimmie: «Non stigmatizzate gli omosessuali»
Aiuto Aids Svizzero lancia una campagna di sensibilizzazione sui rischi del contagio
SVIZZERA
13 ore
Dall'Italia alla Svizzera senza stage
Vale per chi termina gli studi di psicologia nella vicina penisola
GRIGIONI
13 ore
Finisce oltre il muro di contenimento con la sedia a rotelle
L'89enne è rimasto ferito ed è stato trasportato in ospedale dalla Rega
SVIZZERA
20.01.2022 - 08:470
Aggiornamento : 18:32

Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»

La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»

Fonte Leo Butie/20 Minuten
elaborata da Simone Re
Giornalista

BERNA - Quando si parla d'integrazione delle persone LGBTQI in Europa, tutti vorrebbero considerarsi come un esempio da seguire. Tuttavia, un nuovo studio dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro svela che gli individui non etero sono spesso bersaglio di scherzi e oggetto di prese in giro sul posto di lavoro. E questa situazione si traduce inevitabilmente tanto in conseguenze psicologiche quanto fisiche.

Statistiche alla mano, circa la metà delle persone LGBTQI nel Vecchio continente afferma di aver subito forme di mobbing o bullismo nell'ambito professionale. E queste cosiddette "micro-aggressioni" - che includono le prese in giro, ma anche calunnie e occhiatacce - sono considerati veri e propri fattori di rischio da un punto di vista psicologico. Restando sulle cifre, uno studio a livello europeo del 2020 indicava che fino al 90% delle persone transgender hanno subito qualche tipo di maltrattamento o molestia sul posto di lavoro. E il problema esiste anche in Svizzera.

Un argomento poco esplorato in Svizzera
Le persone non eterosessuali, ha spiegato a 20 Minuten Roman Heggli, direttore di Pink Cross, «sono continuamente vittime di discriminazione sul lavoro» nel nostro Paese. Parlare di bullismo o intimidazione può essere forse eccessivo in alcuni casi, ma forme di ostilità e commenti stupidi sono all'ordine del giorno. E poi «esistono anche forme di discriminazione invisibili. Come ad esempio quando un formulario non consente d'inserire il nome di un partner dello stesso sesso», aggiunge Heggli.

Uno studio approfondito di queste situazioni sul posto di lavoro, riguardante l'intera comunità LGBTQI, al momento non esiste. «L'argomento - conferma il numero uno di Pink Cross - è ancora molto poco esplorato in Svizzera», anche se nel rapporto 2020 dello Swiss LGBTQI+ Panel viene indicato che oltre metà delle persone afferma di aver subito qualche forma di discriminazione in famiglia, negli spazi pubblici, da parte delle istituzioni, al lavoro, in ospedale o all'università e a scuola. Fortunatamente, prosegue Heggli, anche in Svizzera il livello di consapevolezza e sensibilità su queste tematiche sul posto di lavoro è migliorato negli ultimi anni. «In particolare, nelle aziende di respiro internazionale, è considerata una grande priorità».

Linee guida, consapevolezza e risposte
Anche le imprese di medie e piccole dimensioni non stanno però a guardare. Ed è ciò che gli impiegati si aspettano. «L'integrazione delle persone con diversi orientamenti sessuali non è ancora il massimo tra la popolazione svizzera», spiega Heggli. Quello che serve sono linee guida chiare per le aziende e «iniziare a far nascere la consapevolezza pubblica già nelle scuole». E, aggiunge l'esperto, è importante prendere posizione se si assiste a qualsiasi forma di discriminazione. «Se vi capita di sentire qualcuno rivolgere un commento omofobo o transfobico a qualcuno, reagite e criticate».

L'idea di linee guida ad hoc non soddisfa però il fronte delle imprese. Secondo Franz Grüter, consigliere nazionale UDC e membro di comitato dell'Unione svizzera degli Imprenditori, le aziende «trattano i propri dipendenti con grande rispetto e senza discriminare nessuno, né in base alla loro sessualità, né per il colore della pelle, la razza o religione». Le grandi aziende, aggiunge, prestano poi un'altretanto grande attenzione. E «nel caso si dovrebbe al massimo guardare a ogni singola impresa e non zavorrare tutte le aziende con un ulteriore carico di burocrazia».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 03:11:19 | 91.208.130.86