Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / GERMANIA
6 ore
Tappa a Berlino per il presidente Cassis
Il consigliere federale ha incontrato il presidente Steinmeier, il cancelliere Olaf Scholz e la ministra Baerbock
VALLESE
8 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SAN GALLO
9 ore
Pena ridotta per l'assassino di Lichtensteig
Una perizia psichiatrica fatta sul 45enne olandese ha attestato una sua scemata responsabilità al momento dei fatti.
SVIZZERA
10 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
11 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
11 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
11 ore
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
13 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
SVIZZERA
30.11.2021 - 19:050
Aggiornamento : 19:42

Gli scettici vogliono creare una «società parallela»

Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione

Fonte 20 Minuten/Pascal Michel
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Il "sì" alla legge Covid non è andato giù agli scettici che - poche decine - hanno manifestato domenica pomeriggio davanti a Palazzo federale. La delusione alle urne rischia di spingere una parte degli oppositori ad abbandonare il dibattito democratico, secondo gli osservatori. O a rifugiarsi in una «società parallela» già invocata da alcuni portavoce del movimento No Vax.

Josef Ender e Michael Bubendorf, rispettivamente presidente della "Aktionsbündnis Urkantone" ("Alleanza dei cantoni primiviti") e della associazione "Amici della costituzione", dalla primavera dell'anno scorso accusano Berna di avere instaurato una «dittatura dell'igiene» in Svizzera. 

Di recente Ender e Bubendorf hanno lanciato un appello dal canale Youtube dell'influencer Covid-scettico turgoviese Daniel Stricker. «La normalità è finita» ha tuonato Bubendorf. «E non tornerà presto». 

Il caso del ristorante Walliserkanne di Zermatt per gli ideologi dello scetticismo è uno spartiacque. L'arresto dei proprietari dell'osteria, che si erano rifiutati di applicare le regole di protezione, ha mostrato «il vero volto dello Stato» secondo Bubendorf. «La Confederazione usa la forza nuda e bruta contro coloro che gli si oppongono. Questo è chiaro a tutti ora».

Secondo il Bubendorf-pensiero il Covid ha portato all'inizio di una «nuova era» ed è giunto il momento di creare «una società parallela». I due ideologi non sono entrati nei dettagli del progetto, che sembra ancora in fase embrionale. Bubendorf ha lanciato la proposta di creare un fondo comune di assicurazione sanitaria per gli scettici. Stricker ha ipotizzato un'emigrazione di massa verso luoghi "sicuri" come il Texas o lo stato americano del Montana, dove «gli abitanti preferirebbero una guerra civile al fascismo igienico». 

Se le restrizioni anti-Covid dovessero rimanere in vigore «per altri 20-30 anni» secondo Stricker sarebbe possibile una sollevazione popolare anche in Svizzera. 

Fantascienza Covid-scettica, deliri distopici figli della confusione pandemica. Ma simili dichiarazioni sono la prova di una preoccupante frattura sociale secondo gli esperti. Il sociologo Marko Kovic non è sorpreso nel movimento no Vax prendano piede tentazioni di secessione. «È la degenerazione di fantasie ultra-libertarie già esistenti nella nostra società». 

Secondo Kovic è preoccupante che un gruppo di persone voglia staccarsi dalla società democratica, per prepararsi alla guerra civile. «Si tratta comunque di discorsi vaghi e non c'è da aspettarsi che questi progetti si attuino presto» conclude Kovic. 

Secondo il sociologo è più probabile che gruppi come gli "Amici della Costituzione" o la "Alleanza dei cantoni primitivi" restino politicamente attivi nei prossimi anni. «Anche dopo la fine della pandemia cercheranno di incanalare il dissenso verso altri temi, come ad esempio la legge sul finanziamento ai media». Una cosa è sicura: la secessione mediatica è già iniziata. La co-presidente degli "Amici della Costituzione" Marion Russek ha dichiarato di recente che il gruppo «non rilascerà interviste ai media fino a nuovo avviso» e si limiterà «a comunicare tramite note stampa». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 03:03:43 | 91.208.130.86