Immobili
Veicoli
20min/Simon Glauser
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
1 ora
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
3 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
GRIGIONI
4 ore
Precipita da una parete rocciosa, muore a 23 anni
Con gli sci ai piedi, si è infilato in una ripida zona boscosa assieme a un amico. Quindi è sparito.
APPENZELLO ESTERNO
4 ore
Ubriaco finisce con l'auto sui binari
È successo questa notte a Gais (AR). Protagonista un 22enne
SVIZZERA
5 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
ARGOVIA
6 ore
Ladri acciuffati grazie a un'app
Avevano fatto irruzione in una fattoria nella località argoviese di Schöftland
BERNA / SVEZIA
6 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
9 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
23 ore
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SCIAFFUSA
1 gior
«Sua figlia è in pericolo», la truffa telefonica rivolta agli anziani
Mettendo una forte pressione sulla vittima dei falsi poliziotti hanno ottenuto 26'000 franchi
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
1 gior
Stazioni sciistiche prese d'assalto
Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.
SVIZZERA
1 gior
Accordi con l'Ue, per l'Alleanza del Centro bisogna agire
L'impasse attuale «minaccia la prosperità del Paese», serve «rapidamente» una strategia del Consiglio federale
SVIZZERA
1 gior
Il Consiglio federale? «Indecisi e assetati di potere, non osano»
Il Presidente dei Verdi, Balthasar Glättli, ha criticato l'inazione del Consiglio federale
SAN GALLO
1 gior
Frena bruscamente, causa un incidente e poi scappa
Il conducente di una Golf ha costretto le auto dietro di lui a frenare, provocando un incidente
SVIZZERA
08.11.2021 - 10:400

In Svizzera oltre la metà degli italofoni vive oltralpe

Un rapporto fa il punto sulla situazione della lingua italiana nel nostro paese: «Si può fare meglio»

BERNA - L'italiano è la lingua principale per l'8,4% degli svizzeri e ben il 33% di essi ritiene di averne una competenza parziale a vari livelli. A rafforzare la posizione di questo idioma nel paese contribuisce la migrazione, principalmente quella dall'Italia. Sono alcune delle conclusioni a cui giunge il rapporto "La posizione dell'italiano in Svizzera: uno sguardo sul periodo 2012–2020 attraverso alcuni indicatori", stando al quale più della metà degli italofoni vive al di fuori della Svizzera italiana.

Il rapporto, pubblicato oggi, è stato redatto da un consorzio di ricercatori dell'Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI), del Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI (SUPSI-DFA) e dell'Alta scuola pedagogica dei Grigioni (PHGR) su mandato del Forum per l'italiano in Svizzera.

La corposa indagine - 360 pagine che spaziano dall'analisi sociolinguistica al ruolo dell'italiano come lingua ufficiale, dall'insegnamento alla sua presenza in ambito culturale - si basa su diversi indicatori e ha permesso di tratteggiare un «quadro sfaccettato della posizione dell'italiano in Svizzera, in particolare fuori del suo territorio tradizionale, ovvero la Svizzera italiana».

Lingua madre per l'8,4% della popolazione - I dati relativi alla distribuzione territoriale hanno evidenziato il fatto che la maggioranza degli italofoni (circa il 53%) risiede al di fuori della Svizzera italiana. Essi vengono così a trovarsi in una situazione «minoritaria senza particolare tutela e costituendo una comunità frammentata e trasversale», unita solo nella lingua.

Gli indicatori demolinguistici mettono in luce l'incidenza del fattore migratorio sulla diffusione dell'italiano soprattutto a Nord delle Alpi. L'immigrazione dall'Italia contribuisce a mantenere il rango di terza lingua principale più diffusa sul territorio nazionale e l'uso della lingua in ambito familiare e in misura minore sul posto di lavoro.

Se l'italiano è lingua principale per l'8,4% della popolazione, ben il 33% di essa dichiara di possederne una competenza parziale (lingua secondaria) a vari livelli.

Terza lingua ufficiale - Il rapporto rileva che dal punto di vista formale (legislativo) l'italiano è una delle lingue nazionali minoritarie meglio tutelate al mondo, mentre da quello funzionale (uso effettivo come lingua ufficiale) emerge invece una situazione sfaccettata. Vi è infatti una grande differenza fra il parlato e lo scritto: se l'italiano risulta a tutti gli effetti lingua ufficiale a livello di comunicati stampa, di testi di legge e di testi delle offerte di lavoro, molto più limitata è invece la valenza comunicativa a livello orale.

Dall'indagine emerge una buona rappresentanza della comunità italofona fra gli impiegati nell'Amministrazione federale (AF), nei quadri degli enti parastatali e nel processo di reclutamento. Malgrado ciò vi sono molti casi in cui, soprattutto nei livelli salariali più elevati, il personale non ha alcuna competenza, neppure passiva. Sono in atto interventi di politica linguistica all'interno dell'AF per promuovere la lingua di Dante.

Solo materia facoltativa a Nord delle Alpi - Dato che il sistema educativo svizzero è caratterizzato da una forte autonomia cantonale, la situazione riguardo all'insegnamento dell'italiano è piuttosto frammentata. In generale comunque nelle scuole dell'obbligo - con l'eccezione dei Cantoni Grigioni e Uri - esso è offerto solo a partire dalla scuola media come materia facoltativa oppure opzionale.

Per quanto riguarda il livello post-obbligatorio, il rapporto rileva che le informazioni sono lacunose soprattutto riguardo alla formazione professionale, mentre l'italiano è ancora insegnato nei licei. A livello delle cattedre di italianistica in Svizzera la ricerca ha evidenziato l'aumento del numero di posti di seconda fascia a discapito di quelli di prima fascia. L'offerta di corsi di lingua e cultura italiana extacurricolari mostra una realtà molto diversificata.

Internet, radio e TV importanti per mantenimento - Il rapporto ha anche valutato le pratiche della popolazione incentrate sulla fruizione e la produzione di contenuti culturali: da ciò è emerso che la lettura e l'uso dei media radiotelevisivi e di internet sono attività diffuse e importanti per il mantenimento di competenze dell'italiano fuori del territorio, soprattutto per le persone che hanno l'italiano come lingua principale. Lo sono meno per chi lo ha come lingua secondaria.

Riguardo alla produzione cinematografica, l'indagine constata che in ogni regione linguistica domina la fruizione di film la cui lingua originale corrisponde alla lingua locale; fuori del territorio tradizionale i film in italiano sono visti da un numero ridotto di spettatori. Per quanto concerne i musei infine, solo un quinto di quelli a vocazione sovraregionale e con sede al di fuori del territorio italofono dichiara di accogliere i visitatori in italiano. Solo circa un quarto di questi dispone di un sito internet con una versione parziale o totale in italiano.

La ricerca incentivata dal Forum costituisce un punto di partenza: gli indicatori utilizzati possono essere spunto per possibili sviluppi dell'indagine e sono un invito a mantenere viva l'attenzione sulla situazione della terza lingua nazionale e un incentivo per nuove iniziative di promozione del plurilinguismo federale, concludono i ricercatori.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-16 20:01:35 | 91.208.130.85