keystone
SVIZZERA
24.10.2021 - 09:380
Aggiornamento : 12:55

«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»

Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime

BERNA - L'interruzione di molte catene di approvvigionamento di pezzi per le aziende svizzere preoccupa il presidente della Confederazione Guy Parmelin: è possibile che nel 2022 debbano ricorrere di nuovo al lavoro a orario ridotto, dice al SonntagsBlick.

«Se questa crisi dovesse peggiorare in altri paesi, anche la Svizzera ne sarebbe colpita». E «non è perché non c'è lavoro, ma perché mancano pezzi, componenti o il materiale per finire i prodotti», nota il ministro dell'economia elvetico svizzero in un'intervista pubblicata oggi dal domenicale svizzero-tedesco.

In questo difficile contesto economico, il vodese è preoccupato per un eventuale fallimento della legge Covid-19 in votazione il 28 novembre: «Un "no" avrebbe certamente delle ripercussioni».

La Confederazione avrebbe anche problemi a livello internazionale e dovrà trovare qualcosa di nuovo in marzo per sostituire il certificato Covid, sottolinea l'esponente dell'UDC.

Parmelin rammenta poi che l'estensione dell'indennità di lavoro ridotto a 24 mesi è inclusa in questa legge.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 12:25:22 | 91.208.130.89