Immobili
Veicoli

SVIZZERAI giovani giornalisti soffrono di stress e del lavoro straordinario

11.10.21 - 08:27
Uno studio ha esaminato per la prima volta le condizioni di lavoro dei professionisti dei media.
deposit
I giovani giornalisti soffrono di stress e del lavoro straordinario
Uno studio ha esaminato per la prima volta le condizioni di lavoro dei professionisti dei media.
I risultati sono scioccanti. Le ore supplementari e lo stress sono all'ordine del giorno.

FRIBURGO - La metà delle giovani giornaliste e dei giovani giornalisti fa più di 3 ore supplementari a settimana, il che corrisponde a circa 20 giorni di lavoro gratuito all'anno. Conseguenza? Un/a giornalista su due ha troppo poco tempo per gestire in modo soddisfacente i suoi compiti quotidiani.

Nella sua tesi di Master "Giornalismo da sogno?! Condizioni di lavoro, obiettivi e preoccupazioni delle giovani professioniste e dei giovani professionisti dei media in Svizzera" presentato presso l'Istituto delle Scienze della comunicazione e dei media dell'Università di Friborgo, Lauro Mombelli ha esaminato le attuali condizioni di lavoro delle giovani professioniste e dei giovani professionisti dei media in Svizzera.

È il primo studio specifico su questa categoria di professioniste e professionisti del settore de media. Quasi 200 giornaliste/i nate/i nel 1990 o più tardi hanno partecipato al sondaggio.

Lo stress e le ore supplementari sono onnipresenti - I risultati sono inquietanti. La metà delle persone intervistate effettua più di 3 ore supplementari a settimana. Calcolato su un anno, questo corrisponde a circa 20 giorni di lavoro straordinario. Nella maggior parte delle aziende, queste ore supplementari non vengono né indennizzate né compensate, e sono quindi interamente a carico delle e dei dipendenti.

A preoccupare gli editori dovrebbe anche essere il fatto che, come lo dimostra lo studio, da un lato la metà delle persone intervistate dichiara di disporre di troppo poco tempo per svolgere il lavoro quotidiano in modo soddisfacente per loro, e dall’altro che il 71% ammette di dover regolarmente gestire troppi incarichi contemporaneamente.

Campagna per la salute mentale del JJS - L'onnipresenza di stress e lavoro straordinario, specificatamente tra le giovani professioniste e dei giovani professionisti dei media, è stata dimostrata negli ultimi mesi anche dalla campagna "Mental Health" dell'Associazione dei giovani giornalisti svizzeri (JJS). In impressionanti articoli pubblicati su dei blogs e altrettanto impressionanti dichiarazioni video, le persone colpite riferiscono di notti insonni, depressione, paura di sbagliare e dell’insuccesso, nonché della pressione continua che subiscono.

«I datori di lavoro devono agire» - Il sindacato dei media syndicom e l'Associazione dei giovani giornalisti svizzeri (JJS) invitano i datori di lavoro del settore dei media a prendere sul serio questi risultati e a migliorare le condizioni di lavoro. «Un primo passo - segnalano - dev’essere quello di garantire dei supplementi o la possibilità di compensare le ore supplementari. Dipende anche da loro impegnarsi per creare un clima di lavoro nel quale il personale si senta a suo agio. A questo proposito, l'esperienza mostra che solo dei contratti collettivi sono in grado di garantire delle buone condizioni di lavoro a lungo termine. I dipendenti dei media privati della Svizzera tedesca e del Ticino sono senza contratto dal 2004. Il CLA nella Svizzera francese non ha regole per gli straordinari. Questa è una situazione insostenibile!».

Secondo syndicom, se le prospettive per i giovani professionisti dei media non migliorano, è prevedibile che prima o poi decidano di riorientare la loro carriera verso altri settori.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA