Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
1 ora
Dopo l'alterco cade nel vuoto, muore un 61enne
Una lite ha preceduto i fatti, la polizia sta ancora indagando per chiarire le circostanze dell'indicente.
FRIBURGO
2 ore
In centinaia a una festa techno illegale
La musica ad altissimo volume che rimbombava da una cava di Montagny-les-Monts ha infastidito non poco i residenti.
FOTO
SOLETTA
3 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
3 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA / REP. CECA
3 ore
Ignazio Cassis ricevuto da Milos Zeman
Il presidente della confederazione e quello ceco hanno discusso di relazioni diplomatiche e di Ucraina.
SVIZZERA
3 ore
Più lavori "verdi" per la svolta energetica
Un sondaggio effettuato dall'azienda Stiebel Eltron rimarca l'interesse verso i lavori legati alle tecnologie verdi.
SVIZZERA
4 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
6 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
7 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
SVIZZERA
05.10.2021 - 11:370

Attacco a Comparis, gli hacker hanno chiesto 450mila euro

Il principale portale di confronti in Svizzera ha pagato il riscatto, riuscendo però a tirare il prezzo.

«Oggi, la minima mail sospetta in arrivo provoca il panico. C'è un vero sentimento di paranoia dopo l'attacco», ha dichiarato Styv Mermod, direttore tecnico di Comparis.

GINEVRA - Pagamento di un riscatto (450'000 euro richiesti, ma c'è stato uno sconto), impiegati scioccati e clima di paranoia dilagante. Ha avuto conseguenze pesanti l'attacco informatico di cui è stata vittima in luglio Comparis, la società che gestisce il più grande sito di confronti internet della Svizzera.

A fornire qualche dettaglio in più sulla vicenda è Le Temps, che oggi riferisce di una conferenza sulla sicurezza cibernetica organizzata al Politecnico federale di Losanna (EPFL), a cui ha fra l'altro partecipato Styv Mermod, direttore tecnico (CTO) dell'azienda zurighese.

«Siamo stati impressionati dalla violenza dell'attacco», spiega lo specialista in dichiarazioni riportate dal quotidiano ginevrino. «In poche ore, gli hacker sono riusciti a ottenere login e password per i nostri sistemi. Visto che non avevamo installato l'autenticazione a due fasi per tutti gli account, gli hacker sono stati in grado di accedere ai nostri sistemi, superando - dopo diversi tentativi - i nostri protocolli di sicurezza».

L'azienda si è così trovata paralizzata e ha dovuto decidere se pagare i 450'000 euro richiesti nell'ambito dell'attacco ransomware, cioè appunto con la domanda di un riscatto. «Lo si sa, non si negozia con i terroristi», afferma Mermod.  «Ma a quel punto non c'è una vera scelta giusta o sbagliata. Se non paghi, i tuoi dati e quelli dei tuoi clienti saranno pubblicati sul darknet; se paghi, incoraggi gli hacker... Sapevamo quanti dati erano stati rubati. E abbiamo scelto di pagare».

È seguito «un periodo molto stressante». Gli scambi con i criminali, che avevano una scarsa padronanza dell'inglese, si sono rivelati complicati. «Pensavano che li prendessimo in giro e che non avremmo pagato: ma in realtà stavamo cercando di scoprire come versare il riscatto in monero, una delle criptovalute più difficilmente rintracciabili».

Alla fine, Comparis ha pagato, dopo aver ottenuto un ribasso - il dirigente non dice di quanto - sulla somma richiesta. «Non voglio drammatizzare troppo, ma la violenza del cyberattacco ha scioccato i nostri dipendenti. Alcuni hanno avuto bisogno di sostegno psicologico. Oggi, la minima mail sospetta in arrivo provoca il panico. C'è un vero sentimento di paranoia dopo l'attacco» Comparis ha anche chiesto aiuto alla polizia cantonale di Zurigo, «ma non hanno le risorse per combattere questi hacker».

A tre mesi dall'aggressione cibernetica vi sono comunque ancora domande senza risposte, annotano i cronisti di Le Temps: Comparis non dice quali dati sono stati rubati e non spiega perché inizialmente ha negato di aver pagato un riscatto.

Quello che ha interessato l'azienda zurighese è peraltro solo uno dei tanti attacchi rivolti ad imprese e ad altre entità svizzere. Fra i casi più noti possono essere menzionate le aggressioni che hanno interessato il comune di Rolle (VD), Saurer o la banca cantonale di Neuchâtel.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-26 20:32:48 | 91.208.130.86