Immobili
Veicoli
20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La donazione di organi ha un problema di sicurezza
Chiunque può iscrivere altre persone al registro nazionale di Swisstransplant. Avviata una procedura di accertamento
ZURIGO
1 ora
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BASILEA CITTÀ
2 ore
Un'altra lettera sospetta al dipartimento della Sanità di Basilea
L'intervento degli specialisti (bardati di tutto punto) ha escluso la presenza di materiali pericolosi.
BERNA
3 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
NEUCHÂTEL
4 ore
Rapina a La-Chaux-de-Fonds, arrestati due sospettati
I due presenti autori del colpo avvenuto lo scorso 18 ottobre sono stati posti in detenzione preventiva.
SVIZZERA
5 ore
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
SVIZZERA
5 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
5 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
5 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
6 ore
L'eruzione si è fatta sentire in Svizzera dopo venti minuti
Tanto ci hanno messo le onde sismiche ha raggiungere il nostro paese. Movimenti sono stati registrati per dodici ore
NEUCHÂTEL
7 ore
L'orso Haydibay non c'è più
L'animale viveva allo zoo di La Chaux-de-Fonds ormai da 29 anni.
ZURIGO
18.03.2021 - 12:150

Home office, molti Cantoni vogliono revocarlo

Accolto positivamente dai lavoratori, lo smart-working avrebbe un risvolto della medaglia.

Alcuni lavoratori starebbero accusando sofferenza a livello psichico, sentendosi più stressati e soli.

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Quasi la metà dei Cantoni vuole abolire l'home office. Ad esempio, Zurigo, San Gallo, Basilea Campagna o Uri chiedono, prima della decisione di venerdì del Consiglio federale sui prossimi allentamenti, di revocare la misura voluta dal Governo. In considerazione degli annunciati test di massa, ritengono incomprensibile il sistema obbligatorio introdotto il 18 gennaio. Alcuni cantoni tirano in ballo persino presunti effetti deleteri sulla salute dei dipendenti.

Zurigo, ad esempio, ha identificato nell'obbligo di lavorare da casa un grave peso psicologico per i dipendenti. Anche il canton San Gallo si è chinato sulla questione della salute mentale. «Molte persone non stanno bene nel lavorare da casa. Sono sotto pressione familiare e accusano la mancanza di comunicazione con i propri colleghi di lavoro», afferma il consigliere di Stato che si occupa delle economie cantonali, Beat Tinner (PLR). Sarebbero molti i lavoratori che hanno espresso il desiderio di tornare in ufficio.

Secondo Tinner, la mancanza di benessere nello smart working si traduce, a volte, in una produttività che risente di una minor creatività ed efficienza. L'Associazione svizzera dei datori di lavoro è d'accordo: «Se lavori esclusivamente da casa per molto tempo, la mancanza di scambio con i colleghi può essere un peso», afferma il portavoce Fredy Greuter.

Single soli - Felix Wettstein, dei Verdi, sottolinea che lavorare da casa non ha solo benefici per la salute. Secondo lui, le persone single e i genitori di bambini piccoli, ad esempio, dovrebbero poter lavorare fuori casa almeno una volta alla settimana e adottare misure protettive per incontrare i colleghi. Inoltre, secondo Wettstein, sarebbe positivo se i dipendenti potessero essere subito testati in vista di un rientro.

«La psiche delle persone che vivono sole, e devono lavorare da sole tutto il giorno, risente in negativo la mancanza di contatti sociali», afferma Wettstein. Chi ha figli piccoli, invece, ha bisogno di staccarsi dall'ambiente familiare. «Quando il Consiglio federale ha deciso per l'home office, ha ignorato gli effetti psicologici e fisici di cui potrebbero soffrire alcuni gruppi di persone».

«Rischio che tutti si ammalino» - Altri cantoni, tuttavia, si attengono al requisito dell'home office. A causa della situazione attuale e dell'evoluzione della situazione epidemiologica, il Canton Argovia non chiede di allentare le misure relative al lavoro da casa. Lo stesso il canton Lucerna.

Per il consigliere nazionale Yvonne Feri (PS), un allentamento in questo senso arriverebbe nel momento sbagliato: «Se l'obbligo viene revocato, rischiamo che tutti tornino di nuovo in ufficio, con assembramenti sui mezzi pubblici e durante le code per ritirare il cibo d'asporto all'ora di pranzo». Questo potrebbe generare il famigerato effetto yo-yo nei contagi. Nonostante sia consapevole delle difficoltà nel gestire la situazione, Feri è convinto che sia necessario attendere ancora: «Dobbiamo resistere per poter riaprire in maniera definitiva».

Un recente Studio a lungo termine dell'Università di Costanza è giunto alla conclusione che l'home office può rallentare la pandemia. Tra i dipendenti i cui datori di lavoro offrono attività in loco si registra un tasso di infezione significativamente più elevato rispetto a quelli che invece lavorano prevalentemente da casa.

Lo studio
Secondo un sondaggio dell'istituto di ricerca GFS Berna, l'80% dei partecipanti è soddisfatto dello smart working. Circa l'87% ha affermato di poter sfruttare meglio il tempo risparmiato senza spostarsi. Il 61% ha trovato un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata.

Tuttavia, il sondaggio mostra anche gli svantaggi del lavoro a casa. Il 64% degli intervistati ha avvertito una maggiore sensazione di essere soli. Il 71% non aveva contatti informali nel team di lavoro. Quasi la metà si è lamentata della scarsa ergonomia del lavoro. Gli studi dei paesi vicini traggono conclusioni simili. In Italia circa la metà degli intervistati ha ammesso di sentirsi più ansioso o stressato lavorando da casa. Circa il 20% ha riscontrato effetti negativi sulla salute mentale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 20:05:15 | 91.208.130.86