20min/Stevan Bukvic (immagine illustrativa)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Gran Bretagna e India escono dalla lista nera
L'Ufsp he deciso di rimuovere le due nazioni (e pure il Nepal) dall'elenco dei Paesi con una variante preoccupante.
ZURIGO
1 ora
Colpi di calore e crisi psicotiche: gli esperti mettono in guardia i turisti svizzeri
Nel Mediterraneo orientale il caldo è da record. Ecco cosa non fare e chi è maggiormente a rischio.
VALLESE
1 ora
Lupo abbattuto nella Valle di Goms
Ottenuto il via libera, i cacciatori vallesani non hanno perso tempo: «L'uccisione è avvenuta nel perimetro autorizzato»
SVIZZERA / ITALIA
1 ora
Immersione fatale, muore un 52enne residente in Svizzera
La vittima è un turista originario del Canada. L'uomo ha perso la vita questa mattina nelle acque del Golfo Aranci.
BASILEA CITTÀ
2 ore
Sono settanta gli asilanti contagiati a Basilea
Il focolaio è esploso la settimana scorsa. In seguito l'intera struttura era stata posta in quarantena.
SVIZZERA
3 ore
In arrivo nuove rotte per gli elicotteri
La Confederazione si impegna ad ampliare la rete, considerata «d'importanza nazionale»
BERNA
4 ore
«Se tutti ci vaccinassimo, si porrebbe fine alla pandemia in otto settimane»
Misure, varianti, vaccini e vacanze. Segui in diretta l'appunto con il consueto info point della Task Force scientifica
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera oltre mille contagi
Sono 53 i pazienti ricoverati segnalati oggi. Il bollettino dell'UFSP
ARGOVIA
5 ore
Più aiuti del dovuto, ma non verrà espulsa
Una straniera non ha dichiarato un reddito di 3300 franchi all'aiuto sociale. Per il Tribunale federale è un caso lieve
TURGOVIA
6 ore
Faceva shopping online, usando nomi falsi
La polizia turgoviese ha avviato un procedimento penale nei confronti di un quarantaquattrenne
SVIZZERA
22.01.2021 - 07:010
Aggiornamento : 09:53

La Svizzera teme le donne col burqa

Il 63% dei cittadini intende accettare l'iniziativa che chiede il divieto di dissimulazione del volto

Una maggioranza della popolazione ritiene che nel nostro paese ci siano centinaia di donne col viso coperto. È quanto emerge dal sondaggio di 20 minuti e Tamedia. Incerto l'esito degli altri due oggetti in votazione il prossimo 7 marzo

BERNA - In Svizzera sono pochissime le donne che indossano un burqa o un niqab. E si tratta in primo luogo di turiste. È quanto ha detto negli scorsi giorni il Consiglio federale, invitando quindi i cittadini a bocciare l'iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il proprio viso” (Iniziativa anti-burqa) in votazione il prossimo 7 marzo.

In effetti una maggioranza della popolazione (il 28%) è convinta che in tutta la Svizzera ci siano tra le 100 e le 500 donne residenti solite a coprirsi il volto. C'è invece chi ritiene (e in questo caso si parla dell'6%) che siano più di diecimila. È quanto emerge dal primo sondaggio di 20 minuti e Tamedia che, in vista dell'appuntamento alle urne, ha interpellato oltre 15'000 persone.

Ecco dunque che attualmente per l'Iniziativa anti-burqa a livello nazionale si profila un “sì”, con i favorevoli al 63%. I contrari sono invece al 35%, mentre il 2% non ha ancora deciso come votare. E il sostegno è particolarmente alto in Ticino, dove i “sì” sono al momento al 71%. Al sud delle Alpi, lo ricordiamo, la legge cantonale sulla dissimulazione del volto è entrata in vigore nel luglio del 2016, dopo che nel 2013 il 65% dei cittadini aveva approvato la relativa iniziativa.

«Non fa parte della nostra cultura» - La maggioranza di chi intende votare “sì” all'Iniziativa anti-burqa (40%) è convinto che la dissimulazione del volto sia un'espressione dell'islam radicale e che quindi non sia parte della cultura occidentale. Tra i contrari prevale invece l'opinione (44%) che il divieto non sia necessario, in quanto nel nostro paese si contano solo poche donne con burqa o niqab. Il 41% sostiene inoltre che non spetta allo Stato dare disposizioni sull'abbigliamento.

Dai risultati del sondaggio si rileva, inoltre, una forte polarizzazione del voto: la Sinistra è contraria alla proposta, mentre PPD e PLR sono tendenzialmente a favore. Tra le fila dell'UDC i sostenitori sono infine al 93%.

Esito incerto per gli altri oggetti - Il prossimo 7 marzo saremo chiamati a esprimerci anche su altri due oggetti federali: la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica e l'accordo di partenariato economico globale tra gli Stati dell'AELS e l'Indonesia. Per quanto riguarda l'identificazione elettronica, il risultato è attualmente incerto: il 45% si dichiara infatti favorevole, mentre il 47% è contrario. L'8% è indeciso.

Ancora più incerto è l'esito della votazione sull'accordo economico con l'Indonesia: il 20% degli intervistati non ha infatti ancora preso una decisione. Il 41% intende invece votare “si”, il 39% è contrario. Tra questi ultimi la principale preoccupazione riguarda la produzione dell'olio di palma in monocolture e con l'impiego di pesticidi velenosi, lavoro minorile e forzato, e pessime condizioni di lavoro.

Il sondaggio

Sono 15'089 le persone da tutta la Svizzera che dal 18 al 19 gennaio 2021 hanno preso parte al primo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 7 marzo 2021. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,3%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 18:18:10 | 91.208.130.87