Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
8 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SVIZZERA
8 ore
Premi cassa malati, i Cantoni siano coinvolti
Il Consiglio degli Stati ha accettato la mozione Lombardi e altre quattro iniziative
ZURIGO
8 ore
«Il Böögg brucerà lo stesso», nonostante il Covid-19
La tradizione popolare sarà mantenuta, ma senza la presenza di pubblico e senza la festa delle corporazioni di Zurigo.
VALLESE
9 ore
Sospetta frode nell'elezione del Parlamento
Ieri i cittadini di Briga hanno eletto 11 rappresentanti in Gran Consiglio: un socialista, un verde, tre UDC e sei PPD
SAN GALLO
10 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
TURGOVIA
10 ore
Una manovra errata e l'automobile finisce di sotto
L'incidente è avvenuto oggi a mezzogiorno in un parcheggio di Rickenbach bei Wil.
SVIZZERA
10 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
GRIGIONI
10 ore
Brienz “scivola” sempre più velocemente
La montagna che sovrasta il paesino si sposta fino a 8 metri all'anno. I residenti non sono però a rischio
SVIZZERA
11 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
19.01.2021 - 23:450

In caso di problemi, le responsabilità sono tutt'altro che evidenti

In Norvegia ci si interroga sul decesso di 23 anziani associati alla vaccinazione anti-Covid.

In Svizzera non è semplice capire chi dovrà rispondere in caso di problemi

Fonte 20minutes/YannickWeber
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

BERNA - Tra le critiche più comuni nei confronti dei vaccini autorizzati contro il Covid-19, spesso ne emerge una: non abbiamo abbastanza informazioni sugli effetti collaterali a lungo termine. Ma se dovessero essercene, chi sarà ritenuto responsabile? Il fabbricante del prodotto? Il medico o il farmacista che ha somministrato la dose? Le autorità che hanno autorizzato e raccomandato la vaccinazione? O il paziente stesso, a cui spetta la decisione finale di ricevere o meno l'iniezione? Mettiamo subito le cose in chiaro (si fa per dire): ad eccezione di pochi casi ben definiti, la risposta rischia di essere sempre la stessa: quasi nessuno.
 
L'UFSP, nel suo bollettino settimanale pubblicato ogni lunedì mattina, ha ricordato ieri le norme giuridiche in vigore in Svizzera. Tre entità potrebbero essere ritenute responsabili in caso di problemi "gravi" derivanti dalla vaccinazione, casi ritenuti «molto rari» dall'UFSP.

Il produttore? - In primo luogo, il produttore. In Internet circolano informazioni secondo le quali le aziende che hanno creato questi vaccini hanno firmato accordi per liberarsi da «ogni responsabilità» in caso di danno. Questo è solo parzialmente vero. In caso di conseguenze negative dovute a un difetto di fabbricazione del prodotto, il produttore sarà ritenuto responsabile.

Come ha rilevato la professoressa e vaccinologa dell'HUG Claire-Anne Siegrist su L'Illustré, «l'unica trasmissione (parziale) di responsabilità che i governi hanno deciso di assumersi, in cambio del rapido sviluppo di un vaccino, è il risarcimento che risulterebbe da gravi effetti indesiderabili troppo rari per poter essere identificati durante gli studi clinici». In altre parole, le conseguenze collegate al vaccino non renderebbero responsabile il suo produttore se, prima dell'autorizzazione, non potevano essere previste.

Chi somministra la dose? - Per medici e farmacisti, a meno che non vi sia un errore evidente come un dosaggio sbagliato, le responsabilità si concentrano principalmente sulle informazioni da fornire alle persone vaccinate, affinché possano dare il loro «consenso informato». Ad esempio, «va sottolineato che tutti i rischi non sono ancora noti (ad esempio, possibili danni a lungo termine)», riconosce l'UFSP. Il medico, il centro di vaccinazione o la farmacia possono essere ritenuti responsabili solo in caso di «violazione del dovere di diligenza».

L'UFSP? - Infine, una possibile responsabilità spetta alle autorità, poiché raccomandano la vaccinazione e mettono in atto una campagna di vaccinazione. L'UFSP ricorda che la legge sulle epidemie prevede un risarcimento in caso di problemi, ma sembra sottrarsi un po' alla sua possibile responsabilità. «Il fatto che l'UFSP elabori e pubblichi raccomandazioni sulle vaccinazioni non giustifica una responsabilità dell'UFSP, perché il personale medico non sempre rispetta queste raccomandazioni e direttive. La decisione di effettuare ogni vaccinazione spetta quindi sempre alla persona interessata e alla persona che somministra la dose», si legge nel bollettino settimanale.

Una risposta che non rassicura chi aveva intenzione, in caso di gravi problemi, di chiamare qualcuno a risponderne davanti alla giustizia. «Non sarà comunque necessario: la legge sulle epidemie prevede sostegno e assistenza a chi dovesse subire un grave effetto negativo generato da un vaccino», sottolinea Claire-Anne Siegrist.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 03:13:16 | 91.208.130.86