Ignazio Cassis alla presentazione del libro
Il libro è stato presentato a Berna in occasione della giornata del plurilinguismo, dove era presente anche il consigliere federale Ignazio Cassis, che ha provveduto a firmare le copie destinate agli apprendisti. Inoltre la delegata federale del plurilinguismo ha ordinato 1'500 copie da distribuire
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Più tempo per compensare le perdite»
Per il Nazionale, le imprese dovrebbero poter dedurre fiscalmente le loro perdite per 10 anni, al posto dei 7 attuali.
SVIZZERA
1 ora
Nessuna carcerazione preventiva (nemmeno) per i sospetti terroristi
Respinta dagli Stati una mozione UDC: «Il provvedimento è contrario alla Convenzione europea dei diritti umani».
LUCERNA
2 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
3 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
3 ore
Quattordici milioni per lo Yemen
La donazione della Confederazione servirà a sostenere le attività di diverse organizzazioni umanitarie nel Paese.
BERNA
3 ore
La lupa è infine stata abbattuta
F78 - questo il suo nome - aveva fatto discutere per avere causato danni rilevanti ad animali da reddito
SVIZZERA
4 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
6 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
7 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
GRIGIONI
7 ore
Due lupi sulla pista da sci
I predatori hanno seguito brevemente una sciatrice sul comprensorio di Obersaxen sabato scorso.
ARGOVIA
7 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
8 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
9 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
9 ore
Sunrise e UPC mantengono i nomi, e ora regalano abbonamenti e laptop
Sunrise e UPC hanno deciso di non eliminare i propri marchi nonostante la fusione. Offerte, vantaggi e regali
SVIZZERA
10 ore
Libero accesso per tutti alle foto e carte di Swisstopo
Per utilizzarle non sarà più necessaria alcuna autorizzazione, basterà citare la fonte.
SVIZZERA
11 ore
L'immagine della Svizzera «scalfita» dalla pandemia
Lo sostiene Nicolas Bideau, direttore di Presenza Svizzera. Ma aggiunge che il paese è equipaggiato per questa sfida
SVIZZERA
11 ore
La crisi del cioccolato svizzero
La produzione è in calo. E anche noi ne mangiamo meno: per la prima volta dal 1982 consumi sotto i 10 chili a testa
SVIZZERA
11 ore
Bene cibo e hi-tech, male il resto
Il commercio al dettaglio ha sofferto nel mese di gennaio, con alcune eccezioni. I dati dell'UST
SVIZZERA
11 ore
Anche i giocattoli colpiti dalla crisi del coronavirus
Nel 2020 Franz Carl Weber ha perso 2 milioni di franchi. È però stato registrato un aumento delle vendite online
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera si torna a fare shopping e sport (all'aperto)
Prende il via oggi il graduale ritorno alla normalità. Ma restano ancora chiusi bar e ristoranti
SVIZZERA
11 ore
La BNS fa 20,9 miliardi di utile
È il risultato registrato nell'esercizio 2020. Nelle casse di Confederazione e Cantoni finiscono 6 miliardi di franchi
LUCERNA
19 ore
Quattro anni e un mese di carcere per stupro
È la condanna inflitta a Lucerna a un 32enne che nel 2017 aveva violentato una vicina di casa
SVIZZERA
06.10.2020 - 22:330
Aggiornamento : 07.10.2020 - 09:35

I modi di dire "svizzeri" in un libro in quattro lingue

In italiano non si possono "rompere i piedi" a qualcuno, ma in francese sì.

Esistono anche espressioni che non si possono tradurre da una lingua all'altra. Un viaggio linguistico ideato da Nicole Bandion.

LUGANO - "Ün viadi e 4 servezzans – 4 piccioni con una fava – D’une pierre 4 coups – 4 Fliegen mit einer Klappe". È questo il titolo del libro uscito settimana scorsa nelle librerie della Svizzera, che in maniera umoristica compara i modi di dire delle quattro regioni linguistiche. Un modo inconsueto di entrare in contatto con le lingue nazionali, ma soprattutto con le culture.

Il libro è stato ideato da Nicole Bandion, con lo scopo di mettere in luce alcuni dei modi di dire che caratterizzano le quattro lingue nazionali, con le proprie singolarità e similitudini. Così si scopre che se in italiano diciamo "Rompere le scatole a qualcuno", in francese dovremmo dire "Rompere i piedi a qualcuno (Casser les Pieds à quelqu'un)", in tedesco "Andare sulla sveglia a qualcuno (Jemandem auf den Wecker gehen)" mentre in romancio "Far venire le 24 a qualcuno (Far neir las vantgaquatter ad ensatgi)". Il concetto rimane lo stesso, ma la storia e l'evoluzione dei modi di dire nelle varie lingue possono differire. Infatti la didascalia che spiega l'origine delle espressioni idiomatiche non è una semplice traduzione da una lingua all'altra, ma è arricchita da aneddoti e spiegazioni legate alla cultura del posto. È dunque divertente leggere le spiegazioni anche in francese, tedesco e romancio, per cogliere le peculiarità e i sottintesi. 

Ma come è nata l'idea di questo particolare libro quadrilingue? «Stavo lavorando alle "Settimane della Svizzera italiana", e andavo nei licei del resto del Paese per confrontare la lingua italiana con quella del luogo» prosegue Nicole Bandion. «Abbiamo lavorato da subito con gli studenti, e chiedevamo loro di indicare i modi di dire, i falsi amici e gli elvetismi nelle varie lingue. Così abbiamo iniziato a raccogliere del materiale, e ci siamo detti che sarebbe stato interessante raggruppare tutti questi dati, rielaborandoli con l'aiuto di linguisti». 

Non traducibile - Leggendo il libro si scopre anche che alcuni modi di dire non sono "traducibili" da una lingua all'altra. L'idea figurata che si forma nella mente del parlante non esiste nelle altre lingue. D'altronde come si potrebbe tradurre "Non vedere l'ora?", o ancora "Eine Fahne haben"? «La mia espressione non traducibile preferita è "Abbiamo fatto 30, facciamo 31". È un concetto che non esiste nelle altre lingue. Sembra che solamente chi parla italiano fa sempre un po' di più. Ed è un modo di dire che mi ha anche aiutato nella stesura del libro, spronandomi a continuare» racconta l'autrice del libro. 

Ma perché ci si è concentrati proprio sui modi di dire? «Inizialmente pensavo di fare dei libricini tematici sugli elvetismi, i falsi amici, e appunto, i modi di dire. Proprio questi ultimi avevano un approccio più semplice e allo stesso tempo di maggiore impatto. E poi quando si impara una nuova lingua, i modi di dire solitamente arrivano per ultimi, ma sono molto importanti per potersi esprimere». 

Illustrazioni - Il libro è stato arricchito da illustrazioni, per far capire immediatamente al lettore ciò di cui narra l'espressione (e allo stesso modo ci fa rendere conto di quanto siano particolari certi modi di dire che utilizziamo tutti i giorni). E anche per la parte più visiva ci si è affidati a illustratori provenienti da tutti e quattro gli angoli della Svizzera. 
«Sono vignette comiche, ed è bello vedere come questo tipo di umorismo sia però universale. Io sono svizzera francese e la vignetta del modo di dire "Non vedere l'ora" di Corrado Mordasini mi ha fatto morire dal ridere. E poi grazie alle immagini è più facile imparare e ricordarsi i modi di dire anche nelle altre lingue» prosegue Nicole Bandion. 

Traduttori troppo automatici - Il libro vuole anche essere un aiuto a tutti coloro che stanno imparando una lingua a non incappare in errori di traduzione frettolosa. Anche perché oggi i traduttori automatici, anche se in constante miglioramento, non riescono ancora a tradurre tutti i modi di dire. Google Translate ancora oggi traduce in francese "Avere le fette di salame sugli occhi" con "Avoir des tranches de salami sur les yeux". E trovare anche dei modi di dire simili tra le varie lingue non è stato un lavoro facile. «Quante volte ci siamo detti che non erano esattamente gli stessi modi di dire. È anche per questo che abbiamo deciso di avere le spiegazioni delle espressioni riferite alla lingua stessa». 

Il rovescio delle lingue - Gli studiosi che hanno lavorato al libro hanno anche voluto dare maggiore risalto alle lingue meno utilizzate in Svizzera, come il romancio e l'italiano. Pertanto le traduzioni dei modi di dire vengono presentate quasi sempre evitando il classico ordine tedesco, francese, italiano, romancio, ma al contrario. Anche se a volte questo ordine è stato sospeso per "scontrarsi" con più lingue. 

Schede didattiche - Parallelamente sono state elaborate delle schede didattiche destinate agli insegnanti di italiano (lingua seconda), che possono essere scaricate gratuitamente dal sito www.quadrilingui.ch. Si tratta di un progetto didattico pilota «per promuovere l'insegnamento delle lingue nazionali in un'ottica plurilingue». Le schede sono nate da una prima idea abbozzata da studentesse e studenti dell’Alta scuola pedagogica dei Grigioni (ASPGR) nell’ambito di un modulo di glottodidattica dell’italiano. A partire da questa prima bozza un gruppo di lavoro dell’ASPGR, guidato da Valeria Manna e al quale ha partecipato anche Francesca Cangemi, ambedue attive all’ASPGR, ha sviluppato delle schede didattiche incentrate su quattro modi di dire tratti dal libro. 

Un approccio in cui le lingue vengono prese nel loro insieme potrebbe essere dunque il futuro dell'insegnamento in Svizzera? Abbiamo girato la domanda al professor Vincenzo Todisco, professore di didattica integrata del plurilinguismo, Alta scuola pedagogica dei Grigioni. 
«Sì, un approccio olistico e integrato all’insegnamento delle lingue dovrebbe essere il futuro della didattica. L’idea di base è che le lingue non possono più essere insegnate in scompartimenti separati. Ogni apprendente parte con un insieme di preconoscenze linguistiche, relative alla propria lingua madre o ad altre lingue, che può sfruttare per l’apprendimento di altre lingue. “Le lingue parlano tra di loro” diceva Umberto Eco e questo vale in modo particolare per l’insegnamento delle lingue straniere, tanto più in un paese come la Svizzera che si distingue per il suo multilinguismo».

Come sta l'italiano in Svizzera oggi? 
«Questa è una domanda alla quale non si può rispondere in modo univoco. Misurare lo stato dell’italiano ai vari livelli e nei vari ambiti della società è un’operazione molto complessa. Quello che si può dire è che l’italiano non esiste solo nel suo territorio di riferimento, vale a dire in Ticino e nel Grigioni italiano, che come sappiamo compongono la Svizzera italiana, ma più della metà di chi parla italiano vive al di fuori della Svizzera italiana. Soprattutto in tale contesto l’italiano assume lo statuto di lingua minoritaria e come tale, pur essendo una lingua nazionale (e nei Grigioni anche cantonale), ha bisogno di essere difesa, sostenuta e promossa. In questo senso c’è sempre molto da fare, nel mondo della scuola, dell’amministrazione pubblica, dei media e della cultura, affinché l’italiano possa veramente dirsi lingua nazionale a tutti gli effetti. Varie istituzioni si stanno dando da fare per migliorare la situazione dell’italiano in Svizzera e nel suo piccolo questa pubblicazione vuole dare un contributo alla diffusione dell’italiano e a un dialogo tra le regioni linguistiche della Svizzera. Anche qui, come per la didattica, la comprensione reciproca è fondamentale: al di fuori del suo territorio l’italiano avrà più peso e incontrerà meno difficoltà quanto più sarà conosciuto, capito e apprezzato anche nelle altre regioni linguistiche».

Ignazio Cassis alla presentazione del libro
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
Bello! Comunque si dice "prendere due piccioni con una fava" e non quattro.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 20:23:21 | 91.208.130.87