Centro Svizzero dei Droni e della Robotica (CSDR)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
6 ore
La Posta “perde” un Rolex da 8.000 franchi
Un appassionato ha acquistato l'orologio tramite Ricardo. Ma non l'ha mai ricevuto.
FOTO
SCIAFFUSA
7 ore
Con la gru “irrompe” negli uffici della polizia
Un curioso incidente si è verificato a Sciaffusa. Non si registrano fortunatamente feriti
SPAGNA / SVIZZERA
8 ore
In vacanza col morto: «L'ho amato moltissimo»
Si chiariscono alcuni retroscena del singolare viaggio interrotto la scorsa settimana dalla polizia catalana.
SVIZZERA
8 ore
«Se l'UDC vuole essere coerente, dovrebbe lasciare il Consiglio federale»
La presidente del PLR Petra Gössi risponde all'attacco di Marco Chiesa
SVIZZERA
10 ore
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
12 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
13 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
15 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
15 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
15 ore
Nessun focolaio a Moutier
I festeggiamenti pro-Giura non hanno portato a un aumento eccessivo del numero dei casi di Covid-19.
SVIZZERA / FRANCIA
16 ore
Una fiumana di taxi francesi blocca le dogane ginevrine
I conducenti protestano contro i controlli delle loro autorizzazioni di lavoro sul territorio elvetico.
SVIZZERA
16 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
SVIZZERA
17 ore
Gas serra: obiettivo mancato
L'Ufficio federale dell'ambiente si lamenta con l'Onu. Emissioni oltre le previsioni
Attualità
18 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
BERNA
19 ore
L'USAM insorge: «Noi come l'Albania o la Croazia»
Forti critiche al sistema di gestione della pandemia. Quindi l'appello: «Stop alle chiusure»
SVIZZERA
19 ore
Economiesuisse corregge il tiro: «Nessuno vuole 30mila casi al giorno»
Avevano fatto discutere, venerdì, le dichiarazioni di Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori.
SVIZZERA / STATI UNITI
20 ore
Un cocktail di anticorpi che «riduce i casi sintomatici» dell'81%
Roche ha reso noti oggi i risultati dei test di Fase 3 del REGN-COV2
BERNA
20 ore
Divieto alle manifestazioni, a Berna si ricorre
Partiti di sinistra e organizzazioni per la difesa dei diritti criticano la linea più severa utilizzata dal Cantone.
SVIZZERA
21 ore
Prospettive cupe per il settore degli eventi
Secondo Christoph Kamber non si tornerà alla normalità prima del 2022-2023.
SVIZZERA
22 ore
«Terrazze senza rischi, ma impensabile riaprire tutto»
Lukas Engelberger e diversi cantoni sostengono la politica dei piccoli passi con allentamenti graduali.
SVIZZERA
29.09.2020 - 06:300
Aggiornamento : 15:16

Tra tecnologie e videogiochi, occhio al futuro: «Cambierà presto»

La tecnologia militare è spesso ispirata a videogiochi, film e libri, come ci spiega Quentin Ladetto, di Armasuisse.

L'esperto sarà presente a Visionary Day, l'evento per l'innovazione che si svolgerà dal 3 al 9 ottobre.

BERNA/LUGANO - Droni, visori, robot e tute di tecnologia avanzata. Sono solo alcuni dei numerosi prodotti e strumenti con i quali possiamo stuzzicare la nostra fantasia, pensando a ciò che ci riserva il futuro. 

Comunque, c'è qualcuno che è già proiettato in questo futuro, e abbiamo avuto modo di sentirlo prima del suo intervento al Visionary Day, l'evento per l'innovazione organizzato da ated ICT Ticino con il patrocinio del Cantone e della Città di Lugano che si svolgerà via web dal 3 al 9 ottobre.

Si tratta di Quentin Ladetto, Direttore della ricerca "Technology Foresight" presso Armasuisse.

Signor Ladetto, quanto è importante la tecnologia, in ambito militare? È più importante anticipare, o saper reagire?
«La tecnologia è una componente importante del mondo militare, però rimane importante quanto una buona leadership, una buona formazione o una buona strategia. Direi che più che la tecnologia per sé, è il modo di usarla, e di combinarla con altri elementi per produrre gli effetti desiderati. Come essere in grado di reagire se non ci si è mai allenati per un’azione specifica? Il foresight (ovvero, tutte le opzioni, scenari e possibilità ipotizzabili) serve proprio ad anticipare non un futuro, ma una moltitudine di futuri, possibili o probabili, desiderati o temuti. Allenandosi per ogni situazione, si spera di poter reagire in modo opportuno al momento giusto».

Visione notturna, invisibilità, droni...Come si fa a decidere su cosa investire?
«Questi sistemi o prodotti che integrano diverse tecnologie servono a eseguire compiti precisi in situazioni definite, ma possono essere effettuati in vari modi. Per esempio, abbiamo visto spesso dei robot somiglianti a dei muli che accompagnano il soldato e portano dei pesi. Da un punto di vista tecnologico è fantastico, però se lo scopo è portare dei pesi dal punto A al punto B, un mulo vero e proprio potrebbe farlo altrettanto bene, con meno rumore, più autonomia, meno rischio di cyberattacco o di malfunzionamento. Con questo esempio vorrei solo illustrare che un investimento si farà in rapporto al valore aggiunto che porterà il nuovo sistema in confronto ad altre alternative, e non solo perché porta alcune novità».

Gli Stati Uniti stanno testando dei cani robot. Anche armasuisse punta sulla robotica?
«Chiaramente stiamo seguendo le mega-tendenze, provando a capire i loro vantaggi e punti deboli. La robotica ne fa ovviamente parte. Nel 2017 è stato creato il “Centro Svizzero dei Droni e della Robotica” (CSDR) con l’obiettivo di sostenere l’Esercito svizzero, le autorità e le organizzazioni deputate alla sicurezza, valutando le opportunità e i rischi di sistemi senza pilota e della robotica in generale. Ogni anno il programma Advanced Robotic Capabilities for Hazardous Environments (ARCHE) valuta il grado di maturità tecnologica e le possibilità di applicazione della robotica svizzera nei soccorsi in caso di catastrofi. L’uso della robotica con lo scopo di salvare delle vite e assecondare l’essere umano in missioni pericolose è una realtà».

Lei sostiene che non bisogna mai investire in una tecnologia se non si è vista prima in un videogioco. È vero?
«Assolutamente sì, e aggiungerei pure film, libri di fantascienza, arte, sogni di bambini di tutte le età! L’aspetto interessante del videogioco viene non solo dalla messa in scena di un uso di tecnologie futuristiche in scenari precisi, ma anche dal fatto di ritrovarsi immerso in un ambiente coerente attorno ai prodotti osservati. Al contrario dei film, il personaggio principale evolve come decide il giocatore, il quale sperimenta non solo l’uso di nuovi sistemi, ma anche l’interfaccia per gestirli. Le ricerche effettuate da alcune aziende produttrici di giochi sono proprio fenomenali e visionarie».

Signor Ladetto, lei praticamente vive proiettato nel futuro. Come lo vede, il futuro dell’umanità, è ottimista o pessimista?
«Proiettato sì, però mi piace troppo il presente per perdere l’attimo! Comunque è vero, essendo a contatto con elementi che arriveranno sul mercato nei prossimi anni, a volte si forma un sentimento di “déjà vu” del tutto speciale. Credo di essere un ottimista di natura e vedo quindi il futuro come luogo pieno di opportunità e di potenzialità, dove la fatalità non esiste. Allo stesso tempo, sono convinto che siamo di fronte a dei cambiamenti radicali nella nostra forma di vivere e di lavorare. Dato che l’essere umano preferisce in generale la stabilità al cambiamento, credo che il prossimo futuro potrebbe risultare destabilizzante, proprio per la differenza rispetto alle nostre abitudini attuali. Abbracciare o no il cambiamento è una scelta individuale, però sono del parere che agire è sempre meglio di subire, a maggior ragione se il futuro lo costruiamo noi!».

Durante Visionary Day ci sarà il lancio in prima mondiale di New Techno War. Ci racconta di cosa si tratta? Perché è importante avere un serious game "Swiss Made" e quanto è importante presentarlo in Ticino?
«New Techno War è un gioco di guerra speciale nella sua concezione. Lavorando con nuovi concetti e sistemi che non esistono ancora, ci siamo chiesti come presentarli alle forze armate nel modo più istruttivo possibile. Di solito uno si aspetta di ricevere un rapporto descrivendo un nuovo prodotto, quello che offre, ecc. Piuttosto che leggere, offriamo con il gioco la possibilità di sperimentare direttamente i vantaggi, o no, di un nuovo sistema. Vivere un’esperienza con questa nuova tecnologia, anche solo attraverso una partita, crea un’esperienza ben più forte che la lettura di qualche riga. Lo scopo è quello di stimolare la curiosità e lo scambio fra i partecipanti rispetto a questa nuova tecnologia. Naturalmente per la versione commerciale abbiamo aggiunto elementi e scenari “fun”! La collaborazione con Helvetia Games e il suo fondatore Sig. Pierre-Yves Franzetti è stata fondamentale per arrivare al risultato di oggi. Il “Swiss Made” o, con umorismo, “l’armasuisse Made” è importante nel contesto della metodologia e degli scenari considerati. Questi ultimi sono basati sulla dottrina militare nazionale e sul fatto che siamo un esercito di difesa. Avere la possibilità di presentare in prima mondiale questo gioco in Ticino non si poteva rifiutare, fosse solo perché stiamo lavorando a una versione digitale del gioco, integrando varie intelligenze artificiali con l’Università della Svizzera Italiana tramite l’Istituto Dalle Molle, luogo di eccellenza nazionale nell’Intelligenza Artificiale. Dopo tutti questi sforzi, la tempistica era perfetta… poi, forse, anche il fatto di avere effettuato il mio servizio militare scoprendo a piedi le bellezze estive e invernali del Ticino avrà avuto il suo peso!».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 6 mesi fa su tio
Napoleone giocava spostando i soldatini sulle mappe... Oggi il gioco si è evidentemente evoluto...:):):)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 06:26:29 | 91.208.130.89