Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ARGOVIA
44 min
Andreas Glarner assolto dall'accusa di diffamazione
Il consigliere nazionale dell'UDC ha ottenuto una vittoria nell'ambito di una vertenza che dura da anni.
BERNA
1 ora
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
1 ora
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
1 ora
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
VAUD
1 ora
I vodesi vogliono viaggiare senza pagare
L'iniziativa per il trasporto pubblico gratuito, che ha raccolto più di 17'000 firme, è stata depositata oggi.
SVIZZERA
1 ora
Il turismo elvetico tira un sospiro di sollievo
Le facilitazioni per l'entrata in Svizzera decise oggi dal Consiglio federale sono un toccasana per il settore.
SVIZZERA
2 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
3 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
4 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
4 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
4 ore
Ora il pellet costa di più
Il prezzo è aumentato del 20% rispetto allo scorso anno. Il consiglio: «Comprate solo la quantità che vi serve davvero»
LUCERNA
5 ore
Ferroviere morto, le cause restano oscure
A quattro mesi dall'incidente a Emmenbrücke il Sisi ha pubblicato i risultati dell'inchiesta
SVIZZERA
6 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
6 ore
Nelle caserme 300 militi infetti in isolamento
Tutti i contagiati sono sotto sorveglianza medica, ha spiegato il medico in capo dell'Esercito Andreas Stettbacher.
SVIZZERA
6 ore
Se un passeggero è positivo, l'equipaggio Swiss non sarà (più) informato
La procedura sinora adottata non faceva altro che generare insicurezza
SVIZZERA
6 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
ARGOVIA
6 ore
Scavano per dei lavori di costruzione, trovano un anfiteatro romano
Si tratta del secondo reperto di questo tipo scoperto in canton Argovia.
BERNA
7 ore
Rete Swisscom sotto pressione alle gare del Lauberhorn
Soltanto lo scorso sabato i tifosi hanno consumato in media 584 megabyte a testa
SVIZZERA
8 ore
«Serve un'unità di crisi»
È l'opinione dei due ex membri della Task Force Covid-19 Marcel Salathé e Christian Althaus.
SVIZZERA
8 ore
Salute compromessa dopo il vaccino: «Sono solo stato sfortunato»
Il granconsigliere argoviese Martin Wernli soffre di problemi di salute da quando ha ricevuto la prima dose.
SVIZZERA / AUSTRIA
8 ore
Svizzera muore in un incidente stradale in Tirolo
La donna si trovava di fianco al marito sulla B180, fra Landeck e Pfunds
ZURIGO
8 ore
Il Consiglio federale si asterrà probabilmente da ulteriori misure
Il numero dei contagi è ancora alto, ma gli ospedali stanno reggendo il colpo.
SVIZZERA
30.07.2020 - 14:000
Aggiornamento : 21:16

La Confederazione vuole la mascherina obbligatoria

È la richiesta dell'UFSP ai Cantoni: «Unificate le misure». Il presidente dei medici cantonali: «Valuteremo»

A Berna è stato fatto il punto sulla pandemia in Svizzera. Oggi i contagi sono tornati sopra la soglia dei duecento. Il 10% dei casi è d'importazione

BERNA - In Svizzera i nuovi contagi sono tornati sopra la soglia dei duecento. Più precisamente, nelle ultime ventiquattro ore ne sono stati registrati 220, come comunicato oggi dall'Ufficio federale della sanità pubblica. Un dato che sta crescendo anche a causa delle vacanze: il 10% dei casi accertati - secondo le autorità sanitarie federali - nel nostro paese sono infatti d'importazione.

Ed è proprio per evitare un'esplosione dei casi d'importazione, che dallo scorso 6 luglio la Confederazione mantiene aggiornato un elenco dei paesi con rischio elevato di contagio (attualmente sono 42): chi rientra da uno di questi deve obbligatoriamente rispettare una quarantena di dieci giorni. Attualmente sono quasi 9'000 le persone che si sono auto-isolate di ritorno dalle vacanze.

Oggi a Berna è stato fatto il punto della situazione in un incontro coi media a cui hanno preso parte Pascal Strupler (direttore dell’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP), Barbara Büschi (direttrice supplente della Segreteria di Stato della migrazione SEM), Patrick Mathys (responsabile della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'UFSP) e Rudolf Hauri (medico cantonale zughese).

Un aumento «notevole» dei casi - Oggi è partita una nuova campagna contro il coronavirus: «L'obiettivo è di ricordare che il virus non è andato in vacanza» ha affermato Pascal Strupler, nel suo intervento iniziale. «Si ricorda anche il comportamento che bisogna adottare per evitare che la malattia si diffonda: è più che mai necessario ricordarlo, considerando che oggi si registrano 220 nuovi contagi». Strupler ha parlato di un «notevole» aumento dei casi. E ha sottolineato che la situazione «si sta aggravando». Questo considerando che il numero dei test, ha aggiunto Mathys, è più o meno costante: «Da alcune settimane siamo sotto i 10'000 al giorno». Sale il tasso di positività, che attualmente è al 3% (nelle scorse settimane era a 2,3-2,5%).

«I Cantoni uniscano le forze» - È dallo scorso mese di aprile che in Svizzera non si registravano così tanti casi. Il direttore dell'UFSP ha sottolineato che determinati Cantoni hanno già adottato misure supplementari contro il virus. «Ma riteniamo che i Cantoni debbano uniformare le misure, in modo che la popolazione sia in chiaro su come comportarsi». L'UFSP propone quindi ai Cantoni di valutare l'obbligo d'indossare la mascherina nei negozi o in tutti i locali chiusi, l'obbligo di registrare i dati degli avventori di bar e ristoranti, e limitare a cento le presenze nei locali notturni.

Questione di solidarietà - «Non abbiamo ancora superato la pandemia, per questo non bisogna abassare la guardia». Secondo Strupler bisogna quindi agire adottando un comportamento solidale. E quindi rispettare le accresciute norme igieniche, in modo da evitare che il virus si diffonda ulteriormente.

Ricoveri in aumento - Lo ha ribadito anche Patrick Mathys: «Duecentoventi casi sono davvero molti. E si contano anche nuove ospedalizzazioni. Nelle ultime ventiquattro ore si registra anche un decesso». Se si considerano i dati settimanali, Mathys ha detto che siamo passati da 170 a 822. Le ospedalizzazioni sono salite da 13 a settimana a 40. «Questi dati permettono sicuramente di comprendere che la situazione è cambiata e che bisogna prenderla sul serio».

La situazione internazionale - Anche a livello internazionale, si constata una tendenza all'aumento dei casi. Mathys ha parlato in particolare degli Stati Uniti, dove in una ventina di stati i contagi sono tornati a crescere in maniera importante. Poi ha parlato - a titolo d'esempio - anche di Hong Kong, «una città che ha fatto molto contro il virus», che ora è minacciata da una nuova ondata. «L'80% delle stanze per le persone in isolamento sono occupate». I numeri sono molto bassi in Italia. E bisogna tenere sotto osservazione la Spagna, in particolare il nord del paese, dove potrebbero scattare nuove misure.

Virus e vacanze - Attualmente circa il 10% dei casi in Svizzera è d'importazione. Circa il 6% da paesi a rischio, ha reso noto Mathys. Sono quasi 9'000 le persone che si sono messe in quarantena al rientro da paesi a rischio. «È un buon numero - ha affermato Mathys - ma sappiamo che non tutti rispettano l'obbligo». Continueranno quindi le verifiche a campione. Anche il rispetto della quarantena, ha aggiunto Mathys, «è una questione di solidarietà». Perché ci troviamo, inoltre, in una situazione in cui diventa sempre più difficile il contact tracing.

Test negli aeroporti? «No» - In aeroporti tedeschi e austriaci è possibile effettuare un test rapido. E se questo risulta negativo, la quarantena può essere accorciata. «Noi non intendiamo introdurre uno strumento di questo tipo» ha annunciato Mathys. Innanzitutto perché un risultato negativo potrebbe soltanto essere un falso negativo: «Il viaggiatore potrebbe trovarsi nei primi giorni dell'infezione».

I paesi a rischio - Per quanto riguarda l'aggiornamento dell'elenco dei paesi a rischio elevato di contagio, Mathys ha spiegato che si tratta di quei paesi in cui negli ultimi quattordici giorni si registrano oltre sessanta contagi per centomila abitanti. L'aggiornamento avviene, normalmente, una volta al mese. «Ma potremmo inserire nuovi paesi con maggiore frequenza se si rende necessario per un aggravarsi della situazione».

La sfida dei cantoni - «I Cantoni si trovano davanti a una grande sfida» ha afferma il medico cantonale zughese Rudolf Hauri, che è anche presidente dei medici cantonali. E ha sottolineato che con un aumento esponenziale dei contagi, il contact tracing arriva al limite. Anche Hauri ha quindi invitato la popolazione «a prendere sul serio la situazione». I Cantoni non mancano di segnalare le persone che non si notificano, pena la multa fino a 10'000 franchi.

Cantoni più colpiti di altri - In alcuni cantoni ci sono misure più severe che in altri. Come mai? «È chiaramente più facile confrontarsi con decisioni che riguardano tutta la Svizzera, ma poi magari ci si ritrova con situazioni non commisurate a determinati cantoni» ha detto Mathys, ricordando che ci sono attualmente regioni più colpite di altre. E pertanto ci sono cantoni che hanno deciso d'introdurre un obbligo di mascherina nei negozi, altri hanno stabilito nuove limitazioni per le discoteche. Ora - per quanto riguarda la richiesta dell'UFSP, «la questione sarà valutata». E ha ricordato che le norme accresciute d'igiene «sono valide dappertutto». Da parte sua Strupler ha aggiunto che «ci troviamo con dei numeri in aumento e quindi intendiamo scuotere le autorità cantonali: vedremo come sarà accolta la nostra richiesta».

Partner da uno Stato terzo - Si parla anche di ricongiungimento di coppie che hanno una relazione internazionale al di fuori dell'area Schengen: dal 3 agosto - ha spiegato Barbara Büschi del SEM - è nuovamente ammessa l’entrata in Svizzera di cittadini di Stati terzi che visitano il proprio partner in Svizzera, tuttavia a condizione che possano dimostrare la loro relazione. È inoltre necessario un invito da parte del partner che si trova in Svizzera. In tutti i casi le persone provenienti da Stati e regioni con rischio elevato di contagio sottostanno all’obbligo di quarantena.

Grandi eventi: «Dipende dal virus» - Ieri era emerso che al vaglio del Consiglio federale ci sarebbe la possibilità di prolungare fino a marzo 2021 il divieto di grandi eventi con più di mille persone. «Sarà l'andamento della pandemia ha decidere il futuro dei grandi eventi e quindi dipende anche dal comportamento dei cittadini» ha detto oggi Strupler.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 18:23:38 | 91.208.130.85