Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
14 sec
Otto nuovi cuccioli allo zoo
Si tratta della discendenza più numerosa registrata negli ultimi 34 anni nel parco zoologico renano.
SVIZZERA
53 min
Un trucchetto per avere treni puntuali? «No, non inganniamo i viaggiatori»
Le FFS smentiscono che l'evoluzione positiva della puntualità dei convogli sia dovuta al nuovo modello di calcolo.
FOTOGALLERY
VAUD
1 ora
10 anni e 1'000 operai, ma ora l'Abbazia è pronta
La più grande chiesa romanica del nostro Paese riaprirà al pubblico nel weekend.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata
Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.
ZURIGO
2 ore
Sgominata una baby gang specializzata in furti, truffe e borseggi
La banda composta da quattordici giovani tra i 17 e i 33 anni ha commesso più di 70 reati in tre cantoni.
SVIZZERA
2 ore
Sicurezza informatica: l'Amministrazione federale potrebbe fare meglio
Lo scorso anno gli standard minimi sono stati solo parzialmente soddisfatti, secondo un recente rapporto
BERNA
2 ore
La montagna "razzista" non deve cambiare nome
Il Municipio di Grindelwald non intende cambiare il nome all'Agassizhorn.
SVIZZERA
3 ore
129 nuovi casi di coronavirus in Svizzera
Sei persone sono finite in ospedale. Oltre 10mila i tamponi effettuati
SVIZZERA
3 ore
Un milione per i disabili dalla Catena della Solidarietà
Si tratta di un aiuto urgente per la categoria, particolarmente colpita dalla pandemia
GLARONA
4 ore
Si schianta con il deltaplano, grave un 38enne
L'uomo si è lanciato ieri sera da Amden (SG) ed è precipitato a Weesen (GL)
VALLESE
5 ore
A 104 km/h sul 50: automobilista nei guai
Al conducente di 32 anni è stata ritirata immediatamente la patente e sequestrato il veicolo.
ZURIGO
5 ore
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
Le filiali saranno smantellate entro la fine di settembre
SONDAGGIO
SVIZZERA
5 ore
L'erba del vicino... suscita curiosità
La stragrande maggioranza degli elvetici conosce i nomi, ma il 75% vorrebbe avere maggiori informazioni.
SVIZZERA
5 ore
Le aziende "snobbano" il lavoro ridotto
In Svizzera richieste inferiori alle attese, meno della metà. La Seco è sorpresa
FRIBURGO
6 ore
Nespresso investe 160 milioni a Romont
Lo scopo è di «supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni»
SCIAFFUSA
7 ore
Attenti ai "falsi poliziotti"
La popolazione è invitata alla massima prudenza
SVIZZERA
8 ore
A giugno la disoccupazione è calata
Oltre un milione di persone erano a lavoro ridotto nel mese di aprile
SVIZZERA
9 ore
Le mascherine costano sette volte di più
Rispetto all'influenza "suina" del 2009, i prezzi sono saliti alle stelle nella grande distribuzione svizzera
SVIZZERA
17 ore
Se vado in discoteca, rischio il licenziamento?
Il proprietario di un locale zurighese parla di un calo di frequenze a causa di pressioni da parte dei datori di lavoro
SVIZZERA
20 ore
Promosso lo Swiss Night Pass
La carta digitale aiuta il tracciamento nei locali notturni. Ne vengono usati circa 10'000 ogni weekend
VAUD
22 ore
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
23 ore
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
SVIZZERA
1 gior
Pericoli per l'ambiente, gli uomini e le donne non sono uguali
Divergenze significative, ad esempio, per quanto riguarda le centrali nucleari e le antenne della telefonia.
SVIZZERA
1 gior
Lo shopping online? Sarà la normalità per due milioni di svizzeri
Il lockdown ha spinto molti consumatori a fare acquisti sul web. E in molti si sono affezionati a questa nuova abitudine
SVIZZERA
1 gior
La legge sulle epidemie è «insufficiente»
Uno studio dell'Università di Ginevra ha trovato vari buchi tra la Lep e la legislazione sulle assicurazioni sociali.
SVIZZERA
1 gior
Uber: ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon
La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale.
BERNA
29.04.2020 - 15:040

Tutto quello che dovete sapere su come dobbiamo comportarci da oggi in poi

In 26 risposte l'Ufficio federale della sanità pubblica ci spiega cosa possiamo fare e cosa dobbiamo evitare

BERNA - 1. Finora il messaggio principale è stato «restate a casa». Vale ancora anche dopo i primi provvedimenti di allentamento del 27 aprile?
A ogni tappa con la quale il Consiglio federale allenta i provvedimenti, sempre più persone ricominceranno a uscire dalle proprie abitazioni, anche se in modo scaglionato. È questo lo scopo dell’allentamento a tappe: il numero di persone che circola negli spazi pubblici aumenterà, ma potremo sorvegliare gli effetti dell’aumento sul tasso di contagio. Se i contagi non riprenderanno ad aumentare, il Consiglio federale potrà decidere di passare alla tappa successiva. Le persone particolarmente a rischio devono continuare a restare a casa per quanto possibile. Questa raccomandazione non cambia né con gli allentamenti del 27 aprile né con quelli dell’11 maggio.

2. Quanto è probabile che i bambini trasmettano il coronavirus?
I bambini si ammalano pochissimo di nuovo coronavirus e non risultano nemmeno tra i principali diffusori. Con l’aumento dell’età cresce anche il rischio di una potenziale
trasmissione.

3. I bambini possono incontrarsi privatamente con gli amici per giocare?
Sì, ma sempre in gruppi di cinque bambini al massimo e seguendo per quanto possibile le regole di igiene e di comportamento. Come prima dell’allentamento, nei parchi o in altri luoghi non dovrebbero incontrarsi gruppi numerosi di bambini.

4. I bambini possono frequentare i parchi giochi?
Sì, ma è importante che i rispettivi genitori rispettino le regole di distanziamento.

5. I bambini possono di nuovo giocare insieme, per esempio nel loro quartiere? Devono rispettare le regole di distanziamento?
Sì, i bambini possono giocare insieme, ma al massimo in cinque. I genitori e gli altri adulti non devono incontrarsi a gruppi. Inoltre tutti devono seguire le regole di igiene e di
comportamento.

6. Gli adulti possono fare visita ai loro genitori o nonni?
Gli adulti devono fare visita ai genitori soltanto se questi necessitano di aiuto che non possono ottenere altrimenti. Il disciplinamento delle visite nelle case di cura e nelle case per anziani spetta ai Cantoni. La Confederazione raccomanda un divieto di visita.

7. I bambini possono trascorrere del tempo con i nonni? Quali precauzioni occorre adottare?
I bambini non dovrebbero stare con i nonni per troppo tempo, ma una visita breve e un abbraccio sono concessi e rafforzano anche la psiche. I bambini si ammalano raramente di nuovo coronavirus e se si ammalano presentano sintomi lievi. In questo caso non possono andare a trovare i nonni e devono restare a casa. Anche i
bambini che sono stati in contatto con una persona malata nel loro ambiente o in famiglia devono rinunciare a fare visita ai nonni. Quando i nipoti vanno a trovare i nonni il problema sono i loro genitori, che potrebbero contagiare i nonni se la visita si prolunga.

8. Perché sono nuovamente consentite le lezioni presenziali nella scuola dell’obbligo?
I bambini hanno diritto all’istruzione, che ricevono al meglio se le lezioni vengono tenute a scuola. Inoltre i bambini hanno bisogno di un ambiente sociale, che comprende anche i compagni di scuola. Per questi motivi le scuole dell’obbligo (livello primario e secondario I) riapriranno dall’11 maggio, purché elaborino piani di protezione che possano essere rispettati da tutti gli insegnanti e gli allievi.

9. I genitori sono obbligati a mandare i figli a scuola?
Sì, l’obbligo scolastico vige tuttora e non è mai stato abrogato. Se l’insegnamento presenziale è di nuovo autorizzato, i genitori devono mandare i figli a scuola. Tra i bambini non esistono condizioni di salute che li espongano a un rischio di decorso grave della malattia in caso di infezione da coronavirus. Per i bambini che soffrono di malattie croniche (diabete, asma, ecc.) i genitori devono consultare il pediatra. Le scuole possono trovare soluzioni individuali per i bambini i cui genitori sono persone
particolarmente a rischio.

10. Riprenderanno anche le lezioni di educazione fisica?
Non appena le scuole riapriranno, riprenderanno anche le lezioni di educazione fisica in ambito scolastico, con i necessari piani di protezione.

11. Le persone particolarmente a rischio possono frequentare i negozi e i fornitori di servizi alla persona (parrucchieri, massaggiatori, fisioterapisti ecc.) e, se sì, a quali condizioni? 
Anche le persone particolarmente a rischio possono recarsi dai fornitori di prestazioni consentiti su appuntamento, ma la Confederazione raccomanda loro di non farlo. Le strutture e le aziende devono elaborare e rispettare un piano di protezione.

12. Nei contatti con una persona particolarmente a rischio occorre indossare una mascherina?
Indossare una mascherina per proteggere una persona particolarmente a rischio può essere opportuno se non è possibile rispettare le regole di distanziamento.

13. Stringersi la mano, darsi un bacio, abbracciare un amico: fino a quando questi gesti saranno ancora vietati?
È difficile prevederlo. Tuttavia si dovrebbe continuare a evitare il contatto corporeo tra le persone che non vivono insieme nella stessa economia domestica. Questo significa che dovremo convivere ancora a lungo con queste restrizioni. Soltanto così possiamo proteggere noi stessi e tutti coloro che amiamo.

14. Posso invitare gli amici a casa?
Le cene private con poche persone non sono vietate. Tuttavia l’UFSP raccomanda di ridurre al minimo i contatti sociali e di rispettare sempre le regole di distanziamento e di
igiene.

15. Vale ancora la regola di non stare a contatto con una persona malata a una distanza inferiore a due metri per più di 15 minuti?
La principale via di trasmissione attualmente nota del nuovo coronavirus è il contatto stretto, vale a dire tenersi a una distanza inferiore a 2 metri da una persona malata. Se quest’ultima starnutisce o tossisce, i virus possono arrivare direttamente sulle mucose del naso, della bocca e degli occhi di altre persone. È possibile anche contagiarsi tramite le mani, sulle quali possono trovarsi goccioline raccolte attraverso tosse o starnuti o toccando superfici contaminate. Da lì le goccioline possono giungere sulla bocca, sul naso e sugli occhi se li si tocca.

16. È possibile contagiarsi passando accanto a una persona infetta dal nuovo coronavirus?
Contagiarsi incrociando rapidamente una persona infetta è piuttosto improbabile. Per questo l’UFSP non raccomanda alle persone sane di indossare una mascherina negli spazi pubblici.

17. Posso tornare al mio posto di lavoro? Chi decide la revoca del telelavoro?
Il Consiglio federale continua a raccomandare di lavorare da casa, se possibile, e deciderà quando revocare questa raccomandazione. In ultima analisi è però il datore di lavoro a decidere se i lavoratori possono lavorare da casa.

18. Le mense aziendali saranno riaperte? Occorrerà rispettare regole di sicurezza particolari (per esempio tenersi a una distanza di due metri)?
Le mense aziendali non sono mai state chiuse. Tuttavia anche nelle mense occorre rispettare le regole di distanziamento e di igiene.

19. Occorre evitare di prendere i mezzi pubblici, soprattutto nelle ore di punta?
I trasporti pubblici possono essere utilizzati purché possano essere rispettate le regole di igiene e di comportamento. Nelle ore di punta occorre se possibile evitare di prenderli. Se non è possibile, occorre rispettare i provvedimenti del piano di protezione dell’azienda di trasporto pubblico. Alle persone particolarmente a rischio l’UFSP continua a raccomandare di evitare il più possibile i mezzi pubblici.

20. Bisogna lavarsi le mani dopo aver toccato i pulsanti, i corrimano, i sedili ecc. sui mezzi pubblici?
Sì, bisognerebbe lavarsi le mani appena possibile. E anche il più regolarmente possibile. Altrimenti si può utilizzare un disinfettante per le mani. Inoltre bisognerebbe evitare di toccarsi il viso.

21. Occorre evitare di pagare in contanti?
Pagare in contanti non aumenta il rischio di contagio finché si seguono le regole di igiene. Alcuni settori consigliano di utilizzare le carte bancarie.

22. Posso programmare delle vacanze all’estero quest’estate?
Attualmente è difficile fare previsioni. Tuttavia l’evoluzione lascia intendere che quest’estate i confini non saranno riaperti per i turisti. Molto probabilmente nulla impedirà però di fare una vacanza in Svizzera, a meno che il numero di contagi da coronavirus non riprenda a salire.

23. Posso fare visita ai familiari che vivono all’estero?
No, finché i confini non saranno riaperti non è nemmeno possibile fare visita ai familiari all’estero. Sono possibili eccezioni per i casi gravi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 16:30:31 | 91.208.130.86