Keystone (archivio)
Per il Segretario generale Antonio Guterres è una priorità: «Gesta immorali che mettono a repentaglio la nostra credibilità».
SVIZZERA
21.08.2019 - 12:250

«Niente più abusi sessuali nelle operazioni dell'ONU»

È lo scopo di una dichiarazione di intenti che il Consiglio federale ha deciso di sostenere: «Tolleranza zero»

BERNA - Impedire che si verifichino casi di sfruttamento e abuso sessuale durante le operazioni sul campo dell'ONU. È questo lo scopo della dichiarazione d'intenti politica che il Consiglio federale ha deciso di sostenere.

Il patto tra il governo e il Segretario generale dell'ONU prevede misure giuridicamente non vincolanti per ambo le parti in linea con la politica della tolleranza zero, viene spiegato in un comunicato odierno dell'esecutivo.

Lo sfruttamento e l'abuso sessuale perpetrati dal personale nelle operazioni sul campo dell'ONU sono immorali e mettono a repentaglio la credibilità delle Nazioni unite e la capacità di svolgere il proprio mandato.

Sin dalla sua entrata in carica, nel 2017, il Segretario generale António Guterres ha definito come una priorità il fatto di impedire che si verifichino casi simili. In concreto ha proposto un patto giuridicamente non vincolante con i singoli Stati membri che prevede provvedimenti nei settori della prevenzione, del coordinamento e della cooperazione, del consolidamento delle competenze, della lotta all'impunità e del sostegno alle vittime. Al momento il documento bilaterale è stato firmato da più di 100 Paesi.

Sottoscrivendo il patto la Svizzera conferma la propria volontà di adottare provvedimenti adeguati e professionali nella lotta a tali abusi in linea con la sua politica di tolleranza zero. La Confederazione partecipa tra l'altro già a vari organismi che si occupano di questa tematica e anche nell'Amministrazione federale la lotta a sfruttamento e abusi sessuali è una priorità.

Commenti
 
vulpus 3 mesi fa su tio
Dichiarazione di intenti: fanno ridere. Scriviamo per uso e consumo dei cittadini, poi...... Sono militari questi e devono rispettare le regole dell'esercito. E per i civili, vale la legge civile. Per cui perseguire penalmente è il minimo, senza dover fare dichiarazioni di intenti
Thor61 3 mesi fa su tio
Il patto tra il governo e il Segretario generale dell'ONU prevede misure giuridicamente non vincolanti per ambo le parti in linea con la politica della tolleranza zero, viene spiegato in un comunicato odierno dell'esecutivo. Quindi in pratica NON CAMBIA NULLA, come al solito!!!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 00:59:17 | 91.208.130.87