Keystone (archivio)
L'acquisto degli F/A-18 risale al 1993.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
«Il Covid-19 non spazzi lo sviluppo sostenibile»
Incontro (online) tra capi di Stato e di Governo per non dimenticare l'Agenda 2030, nonostante la pandemia
TENERO
2 ore
Vince 88mila franchi con un gratta e vinci
Ha speso solo otto franchi per un biglietto e si è ritrovata con una vincita che l’ha lasciata senza parole
FRIBURGO
3 ore
Donna annega nel lago della Gruyère
Si trattava di una 66enne: ieri sera era uscita per una nuotata e non era più rientrata
GRIGIONI
3 ore
Auto in fiamme a Coira
Stamani la vettura ha reso difficile la circolazione nel capoluogo retico
SVIZZERA
3 ore
Il coronavirus metterà a dura prova le finanze pubbliche
Ma si mira a evitare aumenti d'imposte, come si evince da un sondaggio condotto in una settantina di Comuni
BERNA
3 ore
Lavori agricoli fatali per un 65enne
L'incidente è avvenuto questa mattina su un pendio ripido di Arni.
VAUD
3 ore
Struttura sanitaria in un mare di debiti, lascia il direttore
Pascal Rubin si è dimesso a causa delle gravi difficoltà finanziarie in cui versa l'Ospedale Riviera-Chablais.
SVIZZERA
4 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
5 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
5 ore
Mister dati ci ripensa: «Via libera alla registrazione in bar e ristoranti»
La raccolta dei dati avverrà su base volontaria, a meno che nel locale non possa venir garantita la distanza sociale.
SVIZZERA
5 ore
Al via i test di sicurezza sull'app SwissCovid
Una prima versione del sistema svizzero di tracciamento è stata messa a disposizione oggi.
SVIZZERA
5 ore
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
GINEVRA
6 ore
EasyJet: «I dipendenti sono sotto shock»
I sindacati deplorano l'annuncio, definito «brutale», della soppressione degli impieghi
SVIZZERA
6 ore
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
SVIZZERA
6 ore
Lascia il capogruppo dei Verdi in Parlamento
Lo zurighese Balthasar Glättli aspira a prendere il posto della presidente Regula Rytz
GRIGIONI
7 ore
Bimbo di quattro anni investito
Un bambino di soli quattro anni è rimasto ferito in un incidente avvenuto ieri sera a Malans.
BERNA
8 ore
Covid in Svizzera, 20 nuovi positivi e 6 morti
Il totale dei positivi sale così a quota 30'796, mentre quello delle vittime a 1'655
SVIZZERA
9 ore
Ecco quanti saremo nel 2050
Nei prossimi trent'anni ci sarà una crescita demografica marcata nel nostro Paese.
SVIZZERA
10 ore
«Recessione di proporzioni storiche»
Il capo economista di Raiffeisen Martin Neff prevede un periodo molto duro per l'economia elvetica con il crollo del PIL
SVIZZERA
16.05.2019 - 11:300
Aggiornamento : 13:51

Il popolo deciderà (solo) sugli aerei da combattimento

Il Consiglio federale affiderà la scelta a una votazione popolare. Fattura massima sei miliardi. L'acquisto del nuovo sistema di difesa terra-aria avverrà invece secondo la procedura ordinaria

BERNA - Gli svizzeri voteranno soltanto sui nuovi aerei da combattimento per una fattura massima di sei miliardi di franchi. L'acquisto di un nuovo sistema di difesa terra-aria avverrà invece secondo la procedura ordinaria. In seguito alle critiche emerse durante la consultazione, il Consiglio federale ha ridefinito il modo di procedere per il Programma Air2030.

Il Governo ha incaricato la ministra della difesa Viola Amherd di sottoporgli al più tardi entro l'inizio di settembre un progetto per l'acquisto degli aerei da combattimento. Il Parlamento dovrebbe poi esprimersi alla fine dell'anno.

Votazione popolare - Sin dall'inizio per il Consiglio federale era chiara la necessità che fosse il popolo a pronunciarsi sugli aerei da combattimento, anche se di principio le acquisizioni militari non sono sottoposte a referendum. Una mozione in tal senso è stata adottata dal Parlamento nel dicembre 2018. Secondo l'Esecutivo, una votazione popolare è un'aspettativa dell'opinione pubblica di cui occorre tener conto.

Gli ultimi due progetti relativi all'acquisto di avioggetti erano già stati sottoposti al voto popolare: l'acquisizione degli F/A-18 era stata resa possibile nel 1993 in seguito a un'iniziativa popolare; l'acquisto dei Gripen era invece stato respinto nel 2014 dopo un referendum contro il fondo che avrebbe dovuto essere creato.

Primo tentativo - Nel novembre 2017, il Governo aveva optato per un disegno programmatico che avrebbe potuto essere combattuto tramite referendum. La versione messa in consultazione riguardava l'acquisto di nuovi aerei da combattimento ma anche il nuovo sistema di difesa terra-aria a lunga gittata.

Diverse condizioni avrebbero dovuto essere soddisfatte. La fattura totale non doveva oltrepassare gli 8 miliardi di franchi. Le aziende estere con le quali i contratti sarebbero stati firmati avrebbero dovuto compensare il 100% del valore contrattuale con affari in Svizzera.

Soltanto gli aerei - Se tale idea programmatica è stata mantenuta, il suo contenuto è stato completamente rivisto. In primo luogo, il progetto sottoposto al popolo concernerà soltanto gli aerei da combattimento. Il Governo prende così in debita considerazione le critiche formulate in particolare da PLR e PPD sul legame tra gli avioggetti e la difesa terra-aria.

In un rapporto pubblicato due settimane or sono, l'ex astronauta e pilota militare Claude Nicollier, scelto da Viola Amherd quale esperto, si era pronunciato in tal senso. Il Consiglio federale ribadisce dunque che si voterà soltanto sul progetto più controverso dal punto di vista politico, ha detto la ministra della difesa.

Sei miliardi al massimo - Il Governo doveva ancora esprimersi sull'ammontare massimo. Visto che la decisione programmatica comprende unicamente i nuovi aerei da combattimento, il Consiglio federale ha stabilito che per tale acquisto si applica un volume finanziario massimo di 6 miliardi di franchi.

Secondo l'Esecutivo, un volume inferiore pregiudicherebbe le dimensioni della flotta necessaria. Un ammontare superiore lascerebbe invece un margine finanziario troppo esiguo per il sistema di difesa terra-aria a lunga gittata, ha aggiunto Amherd.

Affari compensatori - Infine, il Consiglio federale ha rivisto le sue esigenze in materia di affari compensatori. Questi saranno pari al 60% del valore dei contratti. In un rapporto, l'ex direttore del Controllo federale delle finanze Kurt Grüter si era mostrato scettico sul meccanismo che viola il principio della libertà di commercio e di industria.

A suo avviso, le compensazioni devono essere utilizzate unicamente per rafforzare la base tecnologica e industriale svizzera e risulta impossibile compensare integralmente un volume di 6-7 miliardi di franchi. Sarebbe più realistico fissare al 20% gli affari compensatori diretti e al 40% quelli indiretti destinati alla tecnologia e all'industria specializzata nella sicurezza. Il Governo ha ora avallato questa proposta.

Valutazione in corso - L'acquisto dei nuovi aerei e il nuovo sistema di difesa terra-aria saranno comunque legati. Le acquisizioni saranno realizzate in parallelo, in stretta collaborazione e secondo un calendario stabilito.

Le prime valutazioni concernenti gli avioggetti sono già cominciate. Cinque modelli sono in «pole position», di cui tre europei: i Gripen E (dell'azienda svedese Saab), i Rafale (della francese Dassault) e gli Eurofighter (dell'europeo Airbus).

A questi si aggiungono due aerei americani: i successori degli F/A-18 (i Super Hornet di Boeing) e gli F-35A di Lockheed-Martin. Per la difesa terra-aria, sono in corsa: il SAMP/T francese (eurosam) e l'americano Patriot (Raytheon). L'israeliano David’s Sling (Rafael) non ha invece sottoposto alcuna offerta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TI.CH 1 anno fa su tio
Tralasciare i modelli che hanno problemi, però penso che sei aerei non sono la scelta giusta; i Tiger sono ora obsoleti gli F18 oltre la metà sono in riparazione, perciò con sei nuovi aerei e qualche catorcio non avremo una flotta aerea credibile.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
I Pilatus sarebbero perfetti per una difesa aerea che opera solo in orari di ufficio... per i casi fuori orario possiamo benissimo accordarci con qualche nazione vicina...
Mat78 1 anno fa su tio
@lo spiaggiato Potremmo sempre ricorrere agli aeroplanini di carta...del resto la polizia area è uno dei pochi compiti ancora reali ed importanti che dovrebbe svolgere l'esercito. Senza aerei (gli FA-18 sono ormai quasi da rottamare per il "chilometraggio" che hanno) diventa difficile fare la polizia aera...riguardo alle battute sugli orari d'ufficio, è proprio per colpa degli idealisti irresponsabili che danno sempre addosso alla capacità di autodifesa del paese, che non abbiamo mezzi e risorse sufficienti per garantire la polizia aerea per 24 H...
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@Mat78 Non vedo perchè sfotti gli ottimi Pilatus paragonandoli ad aereoplanini di carta... persino l'esercito ammerigano li ha acquistati... e fanno una ottima concorrenza ai più famosi Super Tucano della Embraer... molti paesi usano questa tipologia di aerei per il pattugliamento dei loro cieli...e quando (????) si abbisognerà di jet da supremazia aerea ci possiamo benissimo rivolgere ai nostri amici vicini con i quali stipuliamo una normale convenzione... non so se ti sei reso conto ma la sicurezza (aerea) è una questione oramai europea (nel senso geografico, non politico)... sveglia!... :-))))))
Mat78 1 anno fa su tio
@lo spiaggiato Credi ancora a Babbo Natale? Un paese sovrano deve provvedere alla propria difesa in maniera AUTONOMA. Se poi credi che gli europei siano realmente uniti, datti un pizzicotto e svegliati...
centauro 1 anno fa su tio
@Mat78 Non è vero, Paesi di piccole dimensioni hanno convenzioni con Paesi più grandi per intervenire in caso di attacco militare, es. Malta è difesa dall'Italia.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@Mat78 Primo :ho scritto europa in nel senso geografico e non politico... pero vedo che non lo hai capito visto che parli di europie uniti... secondo a babbo natale mi sa che ci credi tu!... difesa autonoma, nel 2019... neanche le esercitazioni le facciamo autonome... aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha ahaa
miba 1 anno fa su tio
Nessuno ha mai parlato degli aerei Sukhoi Su37 (di quinta generazione) e Su57 (di sesta generazione) che da quanto si può apprendere attualmente sono nettamente superiori alla diretta concorrenza (per carità, tralasciamo gli F-35 che da quanto si legge hanno problemi/costi enormi e perfino anche la Germania vi ha recentemente rinunciato...). A volte mi chiedo DOVE stiano REALMENTE gli interessi e CHI sia REALMENTE dietro le quinte di una scelta di tale portata. Difesa del territorio, della popolazione, dello spazio aereo OPPURE business miliardari, alias accordi, commissioni, partecipazioni, benefici, provvigioni ecc ecc ecc ?
pontsort 1 anno fa su tio
La votazione si dovrebbe fare prima di scegliere il modello( che è una questione tecnica), così si eviterebbe di avere gente che vota no solo perché non le piacela forma dei bulloni
KilBill65 1 anno fa su tio
Opterei per gli aerei europei (Rafale, Gripen E, Eurofighter) gli atri 2 lascerei perdere visto le problematiche del F35......
yvan 1 anno fa su tio
A memoria questa sarebbe la 3° votazione per gli aerei a spese dei contribuenti. Non sarebbe ora di finirla di far votazioni sullo stesso argomento dopo che il popolo ha già espresso la propria opinione?
Mat78 1 anno fa su tio
@yvan Non sapevo che il popolo avesse espresso l'opinione che l'esercito non deve più avere un'aviazione...Vorrà dire che ci faremo fare la polizia area dall'UE...così poi ci ricattano ancora meglio...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 21:04:50 | 91.208.130.85